La lotta contro la violenza è una battaglia di civiltà

    Il 7 settembre, abbiamo presentato il prossimo Piano triennale sulla violenza maschile contro le donne, frutto del lavoro condiviso negli ultimi mesi con Cabina di regia e Osservatorio. Il Piano verrà ora sottoposto all'esame della Conferenza Unificata e, successivamente, adottato dal Consiglio dei

    – di Maria Elena Boschi

    Il peso del fattore umano sui titoli

    Ormai da diversi anni nelle mie lezioni del corso di "Gestione del portafoglio" dedico una parte piuttosto rilevante alla finanza comportamentale e pertanto a Richard Thaler.

    – di Elena Beccalli

    Alley Oop - #hodettono.

    Il volume, che raccoglie inchieste, numeri, analisi e storie sul dramma della violenza contro le donne, ha il patrocinio del dipartimento Pari opportunità presso la presidenza del Consiglio dei ministri.

    Il diritto all'istruzione vale per tutti

    Fawaz è stato sfollato con la sua famiglia in un campo profughi di fortuna, a ridosso del confine con la Siria: «Non ci sono scuole. Non c'è istruzione. I miei figli non hanno giocattoli. Devono giocare con il fango… Stavamo meglio in Siria» mi spiega.

    – di Gordon Brown

    La tecnologia premia chi genera valore

    Il futuro è la conseguenza della storia che si scrive nel presente. E, poiché si tratta di una storia di trasformazione piuttosto radicale, è bene diffidare di qualunque formula preconfezionata che pretenda di descrivere l'avvenire. A maggior ragione se si parla di lavoro del futuro, questione

    – di Luca De Biase

    La burocrazia entra nell'era delle carte scoperte

    «Nessuna parola d'ordine oggi domina il discorso pubblico quanto il termine trasparenza». Non sappiamo quanti parlamentari abbiano letto le prime righe di un libro recente di Byung-Chul Han, filosofo coreano docente a Berlino. Certo è che, a partire dalla legge Severino sull'anticorruzione del 2012

    – di Marcello Clarich

    Le merci si muovono da sole

    I dati lo dicono chiaro. Le soluzioni di intelligenza artificiale (IA) per le imprese hanno registrato un boom nel 2017. Secondo uno studio della società di consulenza Forrester quest'anno vedremo triplicarsi gli investimenti in IA rispetto al 2016. ...

    – Riccardo Oldani

    Il fantasma dell'articolo 18 e i Macbeth della sinistra

    L'articolo 18 è ormai come il fantasma di Banquo che solo i Macbeth delle tante sinistre possono vedere. Ripartire dal simulacro logoro della guerra ideologica che ha coperto quasi metà del secolo scorso per cementare la nuova alleanza, dai dem a Mdp, rischia di essere soltanto dannoso per il

    – di Alberto Orioli

    Le insidie per le banche nel cortocircuito delle regole

    I nuovi esami e le nuove regole in arrivo sulle banche a livello europeo possono alimentare nuovi rischi per il sistema del credito in Italia, in particolare per quanto riguarda i medi e piccoli istituti che con fatica stanno cercando di ristrutturarsi. Da un lato i nuovi stress test dell'Eba,

    – di Alessandro Graziani

    La politica senza Europa fa la fine dell'Italia del calcio

    C'è poco da essere allegri, osservando l'avvio della nostra campagna elettorale. I politici italiani continuano a pensare come se fossero all'interno di uno stato sovrano indipendente. Ne è un esempio la discussione in corso nei e tra i partiti. La politica che emerge da quella discussione è

    – di Sergio Fabbrini

    Sostenibilità dei conti, il governo tiene duro

    Si scrive debito pubblico, si legge sostenibilità dei conti della previdenza (in aumento al 15,3% del Pil da qui al 2020). Agli occhi dei mercati, di Bruxelles e delle agenzie di rating, oltre alla variabile fondamentale della stabilità politica, quel che conta è la garanzia che nel medio periodo

    – di Dino Pesole

    Claudio Domenicali: «Io, i tedeschi, Dovizioso e la fabbrica»

    Le piste e la fabbrica. Le gare e la tecnologia. Racconta Claudio Domenicali, ad di Ducati: «Andrea Dovizioso ha vinto sei volte. Il nostro è stato un campionato molto buono. Il secondo posto è la base da cui ripartire. In una Moto GP con diciotto gare, la costanza è fondamentale. E la Honda di

    – di Paolo Bricco

    Borse, quando e perché la guerra spinge i listini

    «Compra sul rumore dei cannoni, vendi al suono della tromba». L'adagio, il cui copyright in molti attribuiscono a Nathan Rothschild, richiama l'idea che lo scoppio della guerra sia un buon momento per investire in Borsa. Dopo, infatti, dovrebbe esserci il rally del mercato. Una convinzione

    – di Vittorio Carlini

    I camaleonti della Federal Reserve

    Tutti i riflettori sono accesi per capire quale sarà il volto della banca centrale americana Fed, cioè la composizione del suo consiglio, sotto la presidenza di Donald Trump. E' una attenzione pienamente giustificata, per almeno tre ragioni: è il consiglio della banca centrale più importante al

    – di Donato Masciandaro

    L'evitabile declino dei partiti tradizionali

    Circa ventisei anni fa, il presidente Boris Eltsin emanò un decreto che vietava l'attività delle cellule del Partito comunista all'interno di fabbriche, università e in tutti i posti di lavoro della Federazione russa. Ma quel decreto audace era per molti versi ormai superfluo: il Partito comunista

    – di Nina L. Khrushcheva

    La mutevole geopolitica del sentimento europeo

    Una nuova triangolazione di sentimenti geopolitici è emersa in Europa: il Regno Unito ha smesso di sentirsi superiore alla Francia e la Francia ha smesso di sentirsi inferiore alla Germania. Il punto è se questa trasformazione finirà per dare un nuovo assetto all'Europa e forse del mondo.

    – di Dominique Moisi

    Fino al cuore del Dna

    Per la prima volta un paziente di 44 anni, affetto da una grave malattia metabolica che gli ha causato innumerevoli danni organici, costringendolo a 26 operazioni chirurgiche, è stato trattato con un complesso biochimico ingegnerizzato, che dovrebbe correggere il difetto genetico, cambiare in modo

    – di Gilberto Corbellini

    La Popolare di Vicenza e i conti dei Servizi segreti

    Quasi 1.600 operazioni bancarie, in ingresso e in uscita, per un controvalore di oltre 642 milioni, in un periodo compreso tra il 17 giugno 2009, all'epoca del quarto governo Berlusconi, e il 25 gennaio 2013, durante il governo Monti. Di queste transazioni ben 425, per 43,2 milioni, erano in capo

    – di Nicola Borzi

    Il filo che da Padova porta a Roma e Palermo

    Tra i molti luoghi dove il "mondo di sopra", il "mondo di sotto" e il "mondo di mezzo" si incrociano e interagiscono, ce ne sono alcuni rilevanti: le banche. Le frequentazioni, le relazioni, gli scambi qui transitano e da qui finiscono archiviati nei centri elaborazione dati degli istituti di

    – di N.B.

I più letti di Commenti