Quel voto decisivo senza «storytelling»

    Rocco Scotellaro salutò le elezioni del 18 aprile 1948, settant'anni fa, con una poesia poco lusinghiera sui destini della Storia, amara e disincantata, triste come quel buio che a lui, poeta e sindaco socialista di una sperduta cittadina del materano, Tricarico, evocava quella debacle dalla

    – di Giuseppe Lupo

    Non è facile tradurre la protesta in governo

    L'intesa o meno su un governo Lega-5 Stelle, formato cioè da movimenti che suscitano attenzione tra i nostri partner perché sospettati di essere populisti o anti-europei, avrà probabilmente una portata storica, qualunque sia il suo esito. In particolare sarà significativo se i due partiti, che

    – di Carlo Bastasin

    Salari: il divario «inspiegabile» tra gli uomini e le donne in Italia

    «Mi ha sorpreso molto vedere che John McEnroe guadagna almeno 150mila sterline (è nella fascia 150.000 - 199.999 dei compensi della Bbc), mentre il mio compenso è stato di circa 15mila sterline. A meno che John non faccia tante altre cose per la Bbc al di fuori di Wimbledon, lui guadagna almeno

    – di Monica D'Ascenzo

    Una discriminazione che ci rende inefficienti

    «Differenza di genere» e «discriminazione di genere» sono concetti diversi, riferiti ad aggregati diversi, e non possono essere usati come sinonimi. E' importante fare questa distinzione quando si parla di gap salariale. La discriminazione si produce solo in caso di disparità di trattamento a parità

    – di Luisa Rosti

    Di Maio si affidi a ministri «tecnici»

    Forse sarà per le repentine illusioni, alle quali puntualmente seguono cocenti delusioni, se in questo Paese circola poca fiducia: nei leader, rapidamente bruciati, e tra i cittadini. L'alternarsi emotivo tra speranza e ciniche disillusioni, non solo ci fa prendere le distanze dal prossimo e

    – di Carlo Carboni

    Alleanza M5S-Pd per ridare peso all'Italia

    L'Unione europea ha più che mai bisogno di unità per affermare i suoi valori e i suoi interessi in un'era in cui la leadership globale statunitense è sull'orlo del crollo, la Cina è in fase di ascesa e la Russia vacilla nuovamente tra la collaborazione e lo scontro con la Ue. Divisa, la Ue è una

    – di Jeffrey Sachs

    «La crescita? Non è solo quantità»

    «Chi arriva per primo prende posto per l'altro». L'appuntamento, con Barnaba Fornasetti, non può che essere alla Latteria di Arturo (e Maria) Maggi, in via San Marco a Milano.

    – di Stefano Salis

    La responsabilità sociale dei capitali

    La società e l'economia globali sono oggi sottoposte a una serie di formidabili fattori di rischio (climatico, sociale, politico) tra di loro correlati. Come affrontarli e come navigare in questo mare burrascoso (Navigating through a world of risk), è il tema dell'incontro dei gestori dei patrimoni

    – di Leonardo Becchetti

    In Sicilia tra i nuovi latifondisti dove la mafia cerca affari

    Hanno appena vent'anni o al massimo una trentina e sono diventati o si apprestano a farlo, come per miracolo, grandi proprietari terrieri. Giovanotti che si sono ritrovati ad avere la disponibilità di estensioni terriere da far invidia al più ricco latifondista siciliano dell'Ottocento.

    – di Nino Amadore

    Consultazioni, quel confronto fondamentale della democrazia

    Alcuni le definiscono un rito, ma le consultazioni del Presidente della Repubblica al via domani per il conferimento dell'incarico di formare un nuovo governo non lo sono affatto. Sono un passaggio fondamentale previsto dalla nostra Costituzione che è stata pensata nell'ottica di un sistema

    – di Paolo Pombeni

    Nel Parco dell'Aspromonte a caccia delle vacche sacre della 'ndrangheta

    Aspromonte - Mentre la macchina si inerpica dalla Piana di Gioia Tauro verso il Parco dell'Aspromonte ti assale il dubbio di essere fuori dal mondo. Tu, che arrivi da Milano, dove pure la criminalità organizzata sta conquistando spazi di vita economica e sociale sempre più ampi, sei qui, tra

    – dall'inviato Roberto Galullo

    La benzina sul fuoco dell'italo-scetticismo

    Le elezioni italiane del 4 marzo hanno già modificato il confronto tra gli intellettuali europei sul futuro dell'euro. Giusto o sbagliato, il risultato del voto è stato interpretato come una espressione di contrarietà da parte della maggioranza dei cittadini italiani nei confronti delle ricette di

    – di Carlo Bastasin

    L'avanzata delle basse qualifiche

    Da settimane ormai ci interroghiamo sulle cause che hanno portato al risultato elettorale che ci ha consegnato un'Italia diversa da quella che molti immaginavano. Un tassello in più nel comprendere quella che è spesso è una distanza tra dato macroeconomico e risultati elettorali viene da alcuni

    – di Francesco Seghezzi

    Presidenti Camere, un prologo per tentare di arrivare al Governo

    E adesso si apre una nuova partita. L'elezione dei presidenti di Camera e Senato, il patto tra centro-destra e 5 Stelle per eleggerli, non proietta automaticamente una maggioranza di Governo, un premier, una squadra e un programma. Quello di ieri è certamente un esito che dà al Quirinale una base

    – di Lina Palmerini

I più letti di Italia