Per combattere l'evasione la semplificazione non basta

    La riflessione che scaturisce dalla lettura dei dati sullo scarto fra i consumi e il reddito disponibile è che, nel nostro Paese, nonostante gli sforzi degli ultimi anni, il fenomeno dell'evasione fiscale mantenga dimensioni molto significative. Si potrà sostenere che questi elementi non

    – di Angelo Cremonese

    La «dolce» normalizzazione di Fed e Bce

    Le due banche centrali più importanti del mondo - la Fed e la Bce - stanno condividendo la stessa strategia di politica monetaria: la "dolce" normalizzazione. Con quattro importanti differenze: la sequenza tra tassi e liquidità; il momento congiunturale delle due economie di riferimento; la

    – di Donato Masciandaro

    Emergenza finita, ma non è una fase di restrizione

    E' la fine della politica monetaria d'emergenza, ma non l'inizio di una fase di restrizione. Allineandosi alla Fed e alla Bank of England che da tempo hanno abbandonato il Quantitative easing, la Bce ha usato ancora più cautela delle consorelle anglosassoni.

    – di Marco Onado

    La Ue a rischio sui migranti

    L'ipocrisia migratoria è una categoria di pensiero europea diffusa in abbondanza. Peccato che non aiuti a risolvere i problemi ma li complichi, trasformandoli in boomerang che spesso si ritorcono contro chi esagera nel maneggiarla. Nasce da questa pessima abitudine l'attuale scontro tra Italia e

    – di Adriana Cerretelli

    Così le città italiane possono scommettere sul loro futuro

    Oggi le molteplici trasformazioni tecnologiche in atto favoriscono la cross-fertilization e riducono la necessità di spazi fisici, così aumentando le economie di agglomerazione. Allo stesso tempo, l'alta velocità abbatte i costi di trasporto e favorisce il pendolarismo tra aree geograficamente

    – di Edoardo Campanella

    G7 e Corea, Trump e il (dis)ordine mondiale

    L'esibizione, abbreviata, di Donald Trump al vertice del G7 in Canada, dove il presidente americano si è malamente scontrato con sei dei tradizionali alleati dell'America (vedi il tweet con il quale ha disconosciuto i risultati del vertice), ha rappresentato il momento culminante di un mese

    – di Barry Eichengreen

    Il valore dell'indipendenza per il guardiano del Mercato

    Le autorità indipendenti sono un pilastro delle democrazie liberali, perché garantiscono la tutela di beni pubblici fondamentali dei cittadini, qualunque siano gli interessi ideologici o elettorali dei governi in carica: nel mercato finanziario tale tutela è affidata alla Consob, che la eserciterà

    – di Donato Masciandaro

    «Siamo imprenditori per natura», parola di capitalista riluttante

    E' un difensore del libero mercato, ma è convinto che il capitalismo sia la causa di molti dei mali che ci affliggono. E' per la deregulation, ma vorrebbe che l'Onu stabilisse cosa le società tecnologiche possono e non possono fare. Ha il mito dell'imprenditore, ma guarda con sospetto alla ricerca

    – di Marco Masciaga

    Se l'occidente si fa male da solo

    C'è qualcosa di surreale e inquietante nei sussulti dell'attuale disordine mondiale alla confusa ricerca di una governance alternativa più equilibrata ed efficace.

    – di Adriana Cerretelli

    La qualità dell'ambiente è qualità di vita

    L'Europa ha appena celebrato la settimana dell'ambiente e delle problematiche a esso correlate: temi, come l'inquinamento atmosferico in particolare, che riguardano l'intera collettività e hanno un impatto diretto sulla salute degli individui. Un argomento di grande importanza per le implicazioni

    – di Maurizio Bifulco e Luigi Fusco Girard

    il tempo di nuove tutele e dei «diritti 4.0»

    Per stare al passo di un futuro digitale che è già dentro le nostre vite quotidiane e gli ambienti di lavoro, Alberto Orioli e Il Sole 24 Ore hanno lanciato una sfida che costringe a un ripensamento delle regole del diritto del lavoro. Sulla scia di alcune suggestioni del dibattito, vorrei andare

    – di Marina Brollo

    La Francia farebbe meglio a capire l'Italia

    «In Francia dovremmo considerare l'Italia con più serietà di quanto facciamo. Abbiamo molto da imparare da quel Paese di così grande successo».

    – di Dominique Moïsi

    l'agenda per la fiducia UE passa dalla direttrice roma-berlino

    Abbiamo alle spalle mesi di turbolenze politiche, a livello interno e internazionale. La divisione dell'Occidente è uno degli elementi più preoccupanti e urgenti degli ultimi due anni, con importanti ripercussioni sul benessere dell'Europa, dell'Italia e della Germania. E poi c'è la questione delle

    – di Guntram B. Wolff

    La centralità dell'industria per il Paese

    Uno degli handicap nel discorso pubblico e nella cultura sociale del nostro Paese è la memoria corta, in quanto è dato riscontrare come sia andata scemando la consapevolezza del rischio di una strisciante deindustrializzazione, tuttaltro che superato, dopo che tra il 2016 e il 2017, il sistema

    – di Valerio Castronovo

    La vera spinta per sbloccare l'Italia migliore

    La situazione in Italia ha ripercussioni che vanno ben al di là dell'Europa, perché gli avvenimenti politici sono coerenti con un trend mondiale che prevede un passo indietro rispetto alla globalizzazione ed esige sempre più a gran voce che i governi nazionali riaffermino il controllo sui flussi di

    – di Michael Spence

    L'informazione di qualità giova ai mercati

    L'informazione è il propellente dei mercati finanziari. Investitori, operatori e gli stessi algoritmi che muovono gli scambi prendono le loro decisioni di acquisto o di vendita in base al patrimonio informativo di cui dispongono. I mercati finanziari vivono di informazione. I prezzi non sono altro

    – di Mario Nava

    Il passo del granchio della Federal Reserve sulle regole

    Sulle regole bancarie, la Fed - e Trump che la condiziona - sembrano un gambero travestito da granchio. Ovvero: si dichiara di volerle migliorare la legge, con dei ritocchi, procedendo di fianco - come il granchio - ma in realtà è un cammino a ritroso - come il gambero. Il passo del granchio della

    – di Donato Masciandaro

    Sui Big Data la sfida è legittima ma va disinnescata

    «Apocalittici e integrati»: allora divisi sulla cultura di massa, oggi sulla rivoluzione digitale. Per questi, componente essenziale della nostra vita; per quelli, minaccia al funzionamento del sistema capitalistico e delle democrazie. Più che vedere se gli "apocalittici" hanno abbiano ragione o

    – di Franco Debenedetti

    Mercati e politica, una nuova narrazione

    Il conflitto tra politica ed economia è all'apice. Per i seguaci della supremazia della politica, le scelte di policy spettano ai rappresentanti eletti dal popolo. Nessuna ingerenza dei mercati è tollerabile. Impossibile non essere d'accordo sul primo punto. Sulla politica fiscale, imposte e spesa

    – di Vincenzo Galasso

I più letti di Scenari