L'alimentare traina la ripresa dell'industria italiana

    L'alimentare traina la ripresa italiana in questo inizio di 2018 ed è tornato ai livelli di produzione del 2007. Lo dicono i dati del centro studi di Federalimentare: «Nei primi due mesi del 2018 l'industria alimentare italiana è cresciuta del 4,9%, contro un aumento della produzione totale

    – di Micaela Cappellini

    Anan Mahindra: «Pininfarina rimarrà un'icona indipendente»

    «Incomincio a chiedermi se non sia momento considerare avere nostro social network… Se qualche giovane team indiano ha un piano, posso assistere seminando capitale». E' con un tweet e un'idea che Anand Mahindra ha reagito allo scandalo: proponendo una Facebook indiana. Non è una sindrome di hubris:

    – di Ugo Tramballi

    Al Caab di Bologna il più grande impianto fotovoltaico d'Italia

    Caab, il Centro agroalimentare di Bologna, partecipata del Comune che già vanta il primato del più grande impianto fotovoltaico su tetto d'Europa - oltre 100mila metri quadrati per una produzione energetica annua di circa 15 GWh - si prepara a un nuovo record: avrà il più grosso impianto in Italia

    – di Ilaria Vesentini

    Brennero, l'Austria impone il «numero chiuso» ai Tir

    L'Austria limita il transito dei Tir al Brennero e scatena la protesta dell'autotrasporto italiano, che invoca l'intervento del governo. «Venticinque giorni di "numero chiuso", dallo scorso marzo al prossimo luglio, per i camion in transito al Brennero. Un provvedimento unilaterale del governo del

    – di Marco Morino

    Taranto si candida a laboratorio di economia sostenibile

    Taranto - la città fortemente segnata dal''impatto ambientale dell'Ilva - partecipa al progetto "Verso una rete internazionale per l'ecologia integrale" e si candida ad essere realtà-laboratorio. Il progetto, avviato dall'Università Pontificia Antonianum, è promosso da una comunità scientifica che

    – di Domenico Palmiotti

    La produzione industriale avanza piano. L'auto frena

    A febbraio 2018, la produzione industriale cala dello 0,5% rispetto a gennaio e aumenta del 2,5% (dati corretti per effetto calendario) su febbraio 2017. Lorileva l'Istat, spiegando che - nella media del trimestre dicembre 2017-febbraio 2018 - la produzione è salita dell'1,4% rispetto al trimestre

    – di Redazione Impresa & Territori

    Sinergie e capitali esteri. Il design apre le porte per diventare grande

    L'ultima operazione, in ordine di tempo, è l'ingresso della holding di investimento Nuo Capital - che fa capo alla famiglia Pao Cheng di Hong Kong - nel capitale di una media azienda lecchese, la Sozzi Arredamenti di Valmadrera (si veda articolo sotto). Negli ultimi sei mesi le operazioni

    – di Giovanna Mancini

    Industria funeraria, business da 1,7 miliardi in crisi (ma la domanda sale)

    E' un Made in Italy di cui non si parla volentieri, ma l'industria funeraria italiana è un settore produttivo a pieno titolo, che dà lavoro a 25mila occupati diretti e ad altrettanti indiretti, alle prese con gli stessi problemi di manifatturiero e servizi, tra minor poter d'acquisto degli italiani,

    – di Ilaria Vesentini

    Pomodoro, in forte calo le importazioni dalla Cina

    Cala drasticamente l'import di pomodoro cinese in Italia. Lo rivela l'Istat che registra un'importante riduzione pari a - 63,6%. Le importazioni dalla Cina passano, in valore assoluto, dalle 90.000 tonnellate del 2016 alle 33.000 tonnellate del 2017. Più in generale l'anno scorso è calato l'import

    – di Vera Viola

    Il capitalismo «intermedio» esige attenzione

    l prossimo governo, qualunque esso sia, dovrà assumere decisioni importanti se vogliamo che i deboli segnali di ripartenza economica di quest'ultimo anno e mezzo non si squaglino come neve al sole. Alcune fondamentali scadenze attendono l'Italia e l'Europa in un quadro geopolitico di grande

    – di Aldo Bonomi

    Portovesme, vertice urgente Confindustria-sindacati

    Le autorizzazioni per soluzioni d'emergenza e a lungo respiro tardano ad arrivare e per il polo metallurgico sardo del piombo e dello zinco di Portovesme (in capo alla Portovesme srl- Glencore) si ripresenta il rischio di una fermata straordinaria. Perché «in assenza di un sito in cui conferire i

    – di Davide Madeddu

    Biopolimeri, i brand tornano a Como

    Coloranti a biopolimeri e senza metalli pesanti. Un impianto di produzione che non spreca l'acqua perché al suo posto usa la CO2 liquida. E una proteina ricavata dal filo del baco da seta che farà la fortuna dell'industria cosmetica e biomedicale. Ecco come la piccola Artefil, azienda tessile del

    – di Micaela Cappellini

    Burocrazia e sviluppo, Italia allo specchio

    Nel terzo secolo dopo Cristo il filosofo iraniano Mani lanciò i semi di una religione, il manicheismo, che oggi sembra molto diffusa in Italia, un Paese che si divide senza sfumature tra bene e male, tra bianco e nero, fra eccellenze e miserie, tra costruire e distruggere, fra promuovere e vietare.

    – di Jacopo Giliberto

    Venezia, per il Mose mancano all'appello gli ultimi 200 milioni

    Per finire il Mose contro l'acqua alta di Venezia mancano all'appello gli ultimi 200 milioni di euro. Meglio: gli ultimi 200 milioni ci sono, sono stati stanziati dal Governo ma (come al solito) vengono distillati dal bilancio dello Stato a goggia a goccia, con parsimonia infinita. Così il

    – di Jacopo Giliberto

    Poco Made in Italy sulle tavole estere? Mancano le competenze, non le catene di Gdo

    In uno scenario di consumi alimentari interni fermi e di mercati esteri sempre più affamati di made in Italy, come conferma il +75% di export del nostro agrifood negli ultimi dieci anni, la via oltreconfine diventa obbligata per le imprese del settore. Facile a dirsi, meno a farsi. Perché quando su

    – di Ilaria Vesentini

    Il marchio Fiat sacrificato sull'«altare dei conti»

    Aiuto, mi si è ristretto il marchio Fiat. Il crollo di vendite registrato a marzo in Italia rappresenta il segno tangibile di due fenomeni. Uno è di lungo periodo. E riguarda la perdita della centralità egemonica che ha caratterizzato la Fabbrica Italiana Automobili Torino. L'altro è collegato alla

    – di Paolo Bricco

I più letti di Industria