Gli orologi Breitling agli inglesi di CVC Capital Partners

    Il marchio svizzero di orologi Breitling passa in mani britanniche, quelle del fondo di investimento CVC Capital Partners. L'80% di Breitling viene acquisito da CVC, il 20% rimane alla famiglia Schneider. Breitling era sinora uno dei pochi marchi elvetici rimasti indipendenti, molti sono stati

    – di Lino Terlizzi

    Orologi, esportazioni in ripresa a marzo

    Dopo venti mesi consecutivi di ribassi, in marzo è tornato crescere l'export di orologi svizzeri. Nel mese le esportazioni rossocrociate nel settore sono state pari a 1,58 miliardi di franchi (circa 1,46 miliardi di euro), in aumento del 7,5% rispetto allo stesso periodo del 2016. Il ritorno al

    – di Lino Terlizzi

    Lusso, torna la voglia di acquisizioni

    Un'operazione come quella annunciata due giorni fa a Parigi non capita tutti i giorni: la holding della famiglia di Bernard Arnault e il gruppo Lvmh investiranno 12,5 miliardi per avere il controllo del 100% della maison Christian Dior . Non capita tutti i giorni neppure una trimestrale come quella

    – di Giulia Crivelli

    La couture Dior passa a Lvmh

    Évènement important e, in inglese, con enfasi ancora maggiore, important milestone, pietra miliare. Così Bernard Arnault ha definito l'operazione annunciata ieri a Parigi a mercati ancora chiusi. Parliamo di un uomo dei record: oltre a essere il più ricco di Francia è il fondatore di Lvmh, il

    – di Giulia Crivelli

    Rapporto Orologi: il digitale guida la «ripresina» del 2017

    Qualche segnale in più arriverà nei prossimi giorni e settimane, con la pubblicazione dei dati aggiornati sull'export di orologi svizzeri e con l'aggiornamento, previsto per maggio, del Worldwide Market Monitor sui consumi di lusso realizzato da Altagamma in collaborazione con Bain&Co. Una certezza

    – di Giulia Crivelli

    Orologi, agli anni 40 e 80 i record delle aste

    A tutto vintage. Potrebbe essere questo il filo conduttore che caratterizzerà la stagione delle aste del 2017. Un mercato, che a dispetto della crisi che sta attanagliando il settore orologiero, sembra invece vivere un momento di grande forma grazie anche al crescente apprezzamento registrato dai

    – di Matteo Zaccagnino

    Orologi, i colossi accelerano su lusso e innovazione contro la crisi

    I maggiori gruppi del settore orologi stanno cercando di capire meglio in che misura l'attesa risalita stia prendendo forma. Il mercato mondiale ha conservato comunque valori ragguardevoli e i risultati per molti degli attori del settore restano a livelli notevoli. Indubbiamente, però, nel

    – di Lino Terlizzi

    In edicola mercoledì il Rapporto Sole 24 Ore sugli orologi

    Dopo la flessione del 2016 per il settore dell'orologeria si attende un'inversione di tendenza per quest'anno. Per Vontobel si passerà dal calo del 9,9% a una crescita dell'1%. Le aziende guardano al 2017 con cauto ottimismo per i segnali di ripresa che vengono dal mercato interno cinese e la

    Retail strategico per Elisabetta Franchi

    Secondo molti studi il segmento "premium" è quello con le migliori prospettive in Italia e all'estero, nella moda e non solo. «Elisabetta Franchi presidia da sempre questa fascia, anche quando non era ancora stata battezzata nei vari modi che conosciamo, tra i quali lusso accessibile - spiega

    – di Giulia Crivelli

    Abiti da sposa, le Millennials li scelgono sul web

    Sono passati sessant'anni da quando Grace Kelly percorse la navata della Cattedrale di Montecarlo per sposare il Principe Alberto di Monaco. L'attrice americana indossava un abito di Helen Rose, capo costumista della Mgm. Un vestito rimasto impresso nell'immaginario, tanto da ispirare, nel 2011,

    – di Marta Casadei

    Smi-Ice, balzo dell'export verso Mosca (40%) a gennaio

    Una ripresa marcata, che fa ben sperare, e che assume contorni sempre meglio delineati. E' quella della Russia, importante cliente della moda made in Italy, da cui arrivano segnali incoraggianti dopo un momento di pesante crisi.

    – di Marta Casadei

    Moda junior, ripartono gli ordini dalla Russia

    Qualche mese fa era un mix di speranze, sussulti, segnali affioranti. Con la campagna vendite per l'autunno-inverno 2017-2018, la ripartenza del mercato russo è diventata una realtà per la moda junior italiana. Da Monnalisa a Il Gufo, da Blumarine a Ermanno Scervino, da Simonetta alle griffe da

    – di Silvia Pieraccini

    In Cina il made in Toscana di Alice Pi per il segmento junior

    L'abbandono della politica del figlio unico in Cina, decretata ufficialmente dal Governo un anno e mezzo fa, spinge non solo le nascite (17,5 milioni nel 2016, circa 1 milione in più rispetto al 2015), ma anche i consumi interni di moda junior, attirando l'interesse dei produttori internazionali.

    – di Silvia Pieraccini

    Gioielli, export 2017 in ripresa per la filiera

    I dati sul Pil cinese sono la buona notizia che il settore orafo e molti altri comparti del made in Italy aspettavano: il primo trimestre si è chiuso con una crescita del 6,9% su base annua, in leggera accelerazione rispetto alle attese, suggerendo che l'economia cinese, impegnata in una delicata

    – di Giulia Crivelli

    Calzedonia sbarca in Cina e Stati Uniti

    «Il 2017 è l'anno dello sbarco in Cina e Stati Uniti. Considerando quanto siamo cresciuti negli ultimi anni senza questi due mercati, che hanno trainato quasi tutti i marchi della moda e del lusso, non posso che essere ottimista sul futuro di Calzedonia».

    – di Giulia Crivelli

    Roberto Cavalli, fatturato e redditività in calo

    «Il bilancio 2016 è in linea con le previsioni e non ci sono sorprese. Su quelle basi abbiamo avviato in soli due mesi un piano di riorganizzazione e rilancio che sta producendo i primi risultati. Le vendite dirette sono già stabilizzate, se non in leggera crescita, nel primo trimestre dell'anno

    – di Marta Casadei

    Prada taglia i costi, ottimista per il 2017

    Positivo, fiducioso, ottimista. Better, confident, sustainable. Questi gli aggettivi più usati nella conference call che mercoledì 12 aprile ha accompagnato la presentazione dei risultati dell'esercizio 2016 del gruppo Prada, chiuso al 31 gennaio 2017.

    – di Giulia Crivelli

    NeroGiardini punta a crescere all'estero con logistica hi-tech

    Un'operazione da 45 milioni di euro per il consolidamento in Europa, con una nuova piattaforma logistica capace di assicurare riassortimenti in tutto il continente in massimo 96 ore. La Bag, azienda proprietaria del marchio di calzature e abbigliamento NeroGiardini, prosegue la corsa per portare

    – di Natascia Ronchetti

    Italia strategica per Samsonite

    Nel 2016, solo in Italia, il traffico aereo è cresciuto del 4,6%, con un record di 164 milioni di passeggeri. A livello globale, l'aumento è stato ancora maggiore: 3,7 miliardi le persone che hanno scelto voli commerciali (+6% sul 2015). Basterebbero questi dati a confortare un'azienda come

    – di Giulia Crivelli

    H-Farm sbarca a New York con l'innovazione digitale per i big del fashion

    L'obiettivo è «aiutare i più importanti marchi mondiali del fashion a conoscere, e quindi sfruttare, le possibilità che l'innovazione digitale può offrire loro per crescere e rinnovarsi», spiega Tim O'Connell, partner di H-Farm e responsabile dei programmi di accelerazione.

    – di Barbara Ganz

I più letti di Industria + Finanza