Migranti, ecco il piano di Salvini per frenare i flussi dalla Libia

    Un piano di rilancio delle intese con la Libia. Con lo stop rinnovato ieri alle Ong (organizzazioni non governative): «Si cerchino altri porti». Matteo Salvini non arretra di un passo, anzi alza la posta. Il ministro dell'Interno avverte le due ong tedesche con bandiera olandese, Lifeline e

    – di Marco Ludovico

    A Karachi cronica carenza di acqua: 20 milioni di persone hanno sete

    Una popolazione di oltre 20 milioni di persone se si comprende l'intero agglomerato urbano, un fiume come l'Indo -il terzo come portata di tutta l'Asia- che ha il suo delta a poche decine di chilometri di distanza dalla città, le acque del Mare Arabico che la lambiscono. Eppure Karachi, la più

    – di Franco Sarcina

    Proteste palestinesi, l'Argentina annulla l'amichevole con Israele

    L'Argentina non giocherà la partita amichevole contro la nazionale israeliana a Gerusalemme. Dopo due giorni di polemiche, proteste e minacce la gara prevista per il 9 giugno è saltata. A innescare la miccia era stato il presidente della Federcalcio palestinese, generale Jibril Rajoub, da molti

    Migranti: naufragio al largo della Tunisia, almeno 46 morti

    Almeno 46 migranti morti e altri 67 tratti in salvo, tunisini e di altre nazionalità. Questo il bilancio, per ora purtroppo solo provvisorio, di un naufragio avvenuto nella notte al largo delle isole Kerkennah, in Tunisia, secondo il ministero dell'Interno. Le unità di soccorso della marina

    Libia, l'attivismo diplomatico di Macron che rischia di spiazzare l'Italia

    La sfida diplomatica che si sta giocando sulla Libia somiglia a una partita a scacchi. Un vincitore ancora non c'è. Ma uno dei due giocatori, l'Italia, sta perdendo pezzi importanti. Se c'è un Paese che negli ultimi mesi si è distinto per il suo dinamismo questa è la Francia.

    – di Roberto Bongiorni

    Il jihadismo internazionale attecchisce nella parte settentrionale della Nigeria

    Da cosa fuggono le persone che dalla regione del Sahel, la fascia subsahariana che separa il Maghreb dall'Africa centrale, attraversano il deserto per raggiungere la Libia e la ricca Europa? I flussi migratori che attraverso la rotta libica si riversano sulle coste italiane nascono spesso in

    – di Giovanni Diana *

    Africa, solo lo sviluppo potrà disinnescare la mina politica e sociale

    Crescita demografica esponenziale con una popolazione che arriverà a 4,3 miliardi di persone nel 2100 dagli 1,2 attuali, povertà e sperequazione sociale con più del 70% delle persone che vive con meno di un dollaro al giorno, stallo economico, urbanizzazione, disoccupazione (60% dei giovani),

    Gaza: Hamas disponibile ad accordo per il cessate il fuoco

    Hamas ha fatto sapere che in seguito a mediazioni le fazioni armate della Striscia sono disponibili ad un cessate il fuoco con Israele. Khalil al-Haya, un membro dell'ufficio politico del movimento palestinese, ha detto che grazie a mediatori egiziani potrebbe finire l'attuale fase di scontro con

    Rete di protezione per le imprese europee in Iran

    Una «rete di punti di contatto», come l'ha definita l'Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza Federica Mogherini, per coordinare il lavoro dei Paesi membri: a dieci giorni dal vertice europeo di Sofia, confermata la determinazione della Ue a salvaguardare l'accordo sul nucleare

    – di Beda Romano e Antonella Scott

    Libia, piano in 13 punti di Macron

    Sarà l'ennesima conferenza destinata a cadere nel vuoto? Oppure il presidente francese Emmanuel Macron riuscirà laddove tutti i suoi predecessori (capi di Stato, Onu, organizzazioni internazionali) hanno fallito?

    – di Roberto Bongiorni

    Libia: il ministero dell'Interno smentisce le ribellioni delle milizie

    «La situazione di sicurezza nella capitale è sotto controllo», assicura su Facebook il ministero dell'Interno libico smentendo le informazioni circolate su social network, ma rilanciate anche da media come Al Arabiya, che alcune milizie si sarebbero ribellate prendendo il controllo di postazioni

    Erdogan e la sindrome dell'assedio dei mercati

    La Turchia si sente assediata da un complotto dei mercati contro la lira a un mese dal cruciale voto presidenziale e parlamentare anticipato del 24 giugno. E' un'ipotesi reale? Per ora Ankara ha guadagnato tempo alzando i tassi ma le ragioni di fondo che hanno portato sull'orlo del precipizio la

    – di Vittorio Da Rold

    La lira turca affonda ai minimi storici. Banca centrale «prigioniera» di Erdogan

    La Banca centrale turca continua a mostrarsi riluttante ad agire sui tassi, considerati l'unica arma possibile per contrastare un'inflazione galoppante, e questo sta facendo crollare la lira, che è stata ridenominata nel 2005 e che continua ad aggiornare al ribasso i minimi storici sul dollaro.

    – di Stefania Arcudi

    Storia di Gaza, un inferno lungo 12 anni sotto il segno di Hamas

    Entrarci richiede anche un'ora. Uscirci molto di più. Ci vuole pazienza; occorre sottoporsi alle meticolose perquisizioni dei soldati israeliani, ai raggi X, ai body scanner. A volte anche spogliarsi ed attendere senza indumenti in una stanza fredda.

    – di Roberto Bongiorni

I più letti di Medio Oriente