Turchia, Erdogan stravince: ora avrà poteri quasi assoluti. Balzo di lira e Borsa

    Il verdetto è chiaro: Erdogan ha vinto. Anzi, ha stravinto. Perché non solo è stato riconfermato presidente al primo turno con un rassicurante margine di vantaggio. Ma anche perché la coalizione guidata dal suo partito, l'Akp, in cui figuravano gli ultra-nazionalisti dell'Mhp, si è aggiudicata la

    – di Roberto Bongiorni

    Turchia, il voto incorona Erdogan ma l'opposizione denuncia brogli elettorali

    Recep Tayyip Erdogan dichiara vittoria: «Gli elettori mi hanno conferito il mandato come presidente» nonostante i risultati non ancora ufficiali. Con il 95% dei seggi scrutinati, il capo dello Stato uscente è vicino alla rielezione, che stavolta gli metterà in mano i larghissimi poteri attributi

    Troppi bambini obesi in Gran Bretagna: stretta sugli snack

    L'obesità dei bambini inglesi? E' anche colpa delle code al supermercato. La pensa così il governo britannico che ha preso di mira gli espositori di snack posizionati davanti alle casse dei supermarket. A metterli lì sono stati gli esperti di marketing: l'attesa del proprio turno e la noia, sommati

    – di Francesca Milano

    Arabia, perché le donne al volante faranno bene all'economia

    Cadono uno dopo l'altro i divieti in Arabia Saudita: alcuni mesi fa era stato abolito quello che proibiva alle donne di andare al cinema, oggi finisce il veto sulla guida: le donne non hanno più bisogno di farsi accompagnare da mariti o da autisti, né di prendere un taxi. Dalla mezzanotte di oggi

    – di Fr.Mi.

    I ragazzi di Football for Friendship, quando il calcio investe nei valori

    MOSCA - Eravamo in 5.000 e abbiamo fatto un sogno, qualche giorno fa a Mosca, alla vigilia dell'inizio dei Mondiali di calcio. Alla Sapsan Arena, ospiti del Lokomotiv, centinaia di bambini venuti da 211 Paesi e regioni - e quindi, letteralmente, da tutto il mondo - hanno provato a immaginare cosa

    – dal nostro inviato Antonella Scott

    Turchia, Erdogan verso la riconferma. Ma l'opposizione è agguerrita

    A Istanbul l'immagine di Recep Tayyip Erdogan è dappertutto. Sui muri delle strade, su lunghe file di piccole bandierine che tagliano strade e piazze, perfino su giganteschi teli che ricoprono interi edifici. L'uomo al potere in Turchia da 15 anni è onnipresente. Quasi sempre ritratto con lo

    – di Roberto Bongiorni

    Migranti e futuro dell'Europa: la crisi di fiducia nel «sistema Schengen»

    Ritorno a Schengen, nella sua essenza iniziale o addio a Schengen? E' l'interrogativo che vede da un lato Commissione europea e Consiglio convinti dell'importanza del sistema Schengen e, dall'altro lato, diversi Paesi Ue che, dalla sospensione per un periodo limitato all'applicazione di Schengen,

    – di Marina Castellaneta

    Reddito di cittadinanza, l'Ue frena sull'uso dei fondi europei

    Dalla Ue arriva la frenata sull'uso dei fondi comunitari per finanziare il reddito di cittadinanza. Dal vertice di Lussemburgo è emerso infatti che il Fse può essere utilizzato come fonte complementare per sostenere misure volte a rafforzare i servizi pubblici per l'impiego, la formazione, per

    – di Giorgio Pogliotti

    Brexit, come va l'economia britannica a due anni dal voto per l'addio alla Ue

    Due anni dopo, le tendenze sono ormai chiare. Brexit non è ancora una realtà, la Gran Bretagna fa ancora parte integrante dell'Unione europea e tutti gli effetti legati alla decisione di uscire dalla Ue sono determinati dalle semplici aspettative, alle quali si aggiungeranno i costi e i benefici

    – di Riccardo Sorrentino

    Elezioni in Turchia, la frenata dell'economia è la vera incognita per Erdogan

    Nel suo ufficio all'interno della redazione di Sabah, uno maggiori quotidiani turchi filo-governativi, il professor Kerem Alkin evita toni retorici. «Un surriscaldamento dell'economia? Non credo che avverrà. Certo, molte imprese turche che hanno contratto debiti in valuta pregiata potrebbero avere

    – di Roberto Bongiorni

    Tragedia greca senza la finale «katastrophe». Ma...

    C'era una volta una Grecia che destava invidie in tutta Europa. Accadeva nei pressi della prima metà degli anni 2000, quando il ritorno delle Olimpiadi nel Paese di origine - dopo l'esordio moderno del 1896 - coincideva con una grande euforia nazionale, ricordando inoltre agli europei quanto tutti

    – di Stefano Carrer

    Troika, scioperi e riforme: 10 anni di Grecia tra crisi e ripartenza

    Tutto ha inizio con la voragine del deficit pubblico. La Grecia nell'ottobre 2009 ammette di aver sottostimato per anni il deficit, che il nuovo governo Papandreou rivede al 12,5% del Pil dalla precedente stima del 3,7 per cento. Successivamente il deficit arriverà al 15% del Pil. Seguono i primi

    – di Vittorio Da Rold

    Acciaio, barche, moto, tessile: al via dazi Ue per 2,8 mld in risposta a Usa

    Da oggi sono ufficialmente entrate in vigore le misure di riequilibrio anti-dazi americani su acciaio e alluminio europei. E' questa la risposta della Ue alla scelta protezionista di Trump. Il Messico ha già fatto entrare in vigore all'inizio del mese le contromisure per i dazi Usa e il Canada si

    Brexit, Airbus via dal Regno Unito se Londra uscirà dall'Ue senza accordo

    Airbus minaccia di abbandonare il Regno Unito, con la perdita di migliaia di posti di lavoro, se il Paese uscirà dall'Ue l'anno prossimo senza un accordo. Il colosso aerospaziale europeo, che ha sede a Tolosa, in Francia, e dà lavoro a 14mila persone nel Regno Unito, ha pubblicato una "valutazione

    Il Fondo salvastati "pronto a un ruolo maggiore", ma senza piani in corso

    Il Fondo salvastati ( Esm - European Stability Mechanism) è pronto ad assumere un ruolo maggiore per rafforzare l'Eurozona e a "contribuire a rendere l'Unione economica e monetaria più forte": lo ha sottolineato il managing director dello stesso Esm , Klaus Regling, alla presentazione del rapporto

    – di Stefano Carrer

    Accordo sulla Grecia, addio Troika: «sì» ad alleggerire il debito

    LUSSEMBURGO - Dopo otto anni di un programma finanziario segnato da riforme economiche, tensioni sociali e crisi politiche, la Grecia si avvia a ritornare sui mercati finanziari. Nella notte tra giovedì e venerdì i ministri delle Finanze della zona euro hanno negoziato qui in Lussemburgo un ultimo

    – dal nostro inviato Beda Romano

I più letti di Mondo