Giappone e Cina accelerano sul free trade in Asia

    Mentre gli Stati Uniti di Donald Trump sembrano pensare solo a dazi e sanzioni, Cina e Giappone riesumano dopo 8 anni il loro dialogo economico bilaterale «ad alto livello» e spezzano una lancia in favore del sistema globale di libero scambio, promettendo anche di accelerare i negoziati di free

    – di Stefano Carrer

    Macron: in Europa no a democrazia autoritaria e agli egoismi nazionali

    BRUXELLES - In un atteso discorso dinanzi al Parlamento europeo e mentre si avvicinano a grandi passi le prossime elezioni europee, che molti temono possano rivelare una maggioranza euroscettica o estremista, il presidente francese Emmanuel Macron è tornato oggi a tratteggiare la sua visione

    – di Beda Romano

    Montenegro: "Mercato interessante e in crescita"

    Il Montenegro ha imbracciato con decisione la strada dell'Europa: è questa una, ma non certo la sola, delle ragioni per cui le imprese italiane - Pmi comprese - dovrebbero considerare con attenzione le crescenti opportunità di business, per la cui esplorazione l'ambasciata italiana è pronta a

    – di Stefano Carrer

    Usa e Uk: nuovi cyber-attacchi russi contro i router Internet occidentali

    NEW YORK - Donald Trump ieri notte è parso frenare su immediate nuove sanzioni alla Russia in risposta al suo sostegno al regime siriano, facendo capire che sono sì allo studio ma che potrebbero essere tenute in riserva pronte a scattare qualora Mosca si renda responsabili di nuove e preoccupanti

    – di Marco Valsania

    Trump fa dietrofront sulle sanzioni alla Russia per l'appoggio alla Siria

    Nuova, drammatica giravolta a sorpresa della Casa Bianca sulla Russia: Donald Trump ha nei fatti bocciato l'idea di far scattare nuove sanzioni contro Mosca, per punirla del suo sostegno al regime siriano e ai suoi arsenali chimici. E nel farlo, accusano i critici, ha mostrato ancora una volta la

    – di Marco Valsania

    Trump accusa Russia e Cina, ma il Tesoro Usa gli dà torto

    «Russia e Cina giocano alla svalutazione monetaria mentre gli Usa continuano ad alzare i tassi di interesse. Inaccettabile». Al presidente Usa, Donald Trump, basta un tweet per aprire un nuovo fronte nell'offensiva scatenata contro Mosca e Pechino. E lo fa appena tre giorni dopo la pubblicazione di

    – di Gianluca Di Donfrancesco

    Selmayrgate: il Parlamento Ue chiede di riaprire la procedura di nomina

    Il Parlamento europeo chiede che la Commissione Ue riapra la procedura di nomina del segretario generale in modo «da concedere ad altri possibili candidati all'interno dell'amministrazione comunitaria la possibilità di candidarsi» al posto che il 21 febbraio scorso è stato assegnato - in pochi

    – di Giuseppe Chiellino

    Facebook è come casa tua? Il dibattito sulla privacy nella Silicon Valley

    Nel 2013, quando Mark Zuckerberg ha comprato quattro case confinanti con la sua proprietà di Palo Alto in California, alcune persone e alcuni giornalisti hanno espresso sarcasmo nei confronti dell'alta considerazione che il fondatore di Facebook pare accordare alla sua privacy - disposto, come è

    – di Hannah Kuchler

    Trump nomina Richard Clarida vicepresidente della Fed

    Donald Trump, se nella politica economica e sociale ama alzare il tiro di nazionalismo e populismo, quando si tratta della Federal Reserve gioca sul sicuro: ha nominato quale vice chairman della banca centrale un economista repubblicano pragmatico ed esperto, Richard Clarida.

    – di Marco Valsania

    May sugli attacchi aerei in Siria: «Giusti sul piano legale e morale»

    LONDRA - Gli attacchi aerei in Siria sono «giusti sia dal punto di vista legale che morale»: parola di Theresa May. La premier britannica oggi pomeriggio ha difeso in Parlamento la sua decisione di autorizzare i bombardamenti del fine settimana assieme agli alleati francesi e americani, sostenendo

    – di Nicol Degli Innocenti

    Montenegro, vince il sempiterno Dukanovic e la scelta pro-Ue

    Il ritorno di Milo Dukanovic al massimo ruolo istituzionale in Montenegro conferma al potere l'uomo che ha dominato la vita politica del Paese per oltre un quarto di secolo e dà un rinnovato impulso all'orientamento filo-occidentale che dovrebbe sfociare tra alcuni anni nell'ingresso del Montenegro

    – di Stefano Carrer

    Perché Trump teme più le memorie dell'ex capo dell'Fbi che Fire and Fury

    New York - E' il duello dei libri: per un Presidente avverso alla parola scritta - preferisce la tv, anzi una tv, Fox - Donald Trump ha generato un raro fenomeno editoriale: due best seller in rapida successione. Ma è il secondo ad apparire destinato a vincere il particolare premio del volume che

    – di Marco Valsania

    Siria, l'Ue condanna l'uso di armi chimiche ma punta sul dialogo

    BRUXELLES - Tra dubbi degli uni e i timori degli altri, i ministri degli Esteri deiVentotto hanno dato un appoggio diplomatico all'intervento militare effettuato in Siria da Stati Uniti, Regno Unito e Francia nella notte tra venerdì e sabato. Una dichiarazione pubblicata a riunione ministeriale

    – dal nostro corrispondente Beda Romano

    Siria, il raid non sfiora Assad. Due fronti caldi con l'Iran protagonista

    La Siria colpita dal raid militare venerdì notte non è la Siria che interessa ai Paesi occidentali. Nel centro e sulla costa mediterranea di questo Paese martoriato da sette anni di guerra è saldamente al potere il presidente Bashar al-Assad. Nessun Paese europeo, e nemmeno gli Stati Uniti,

    – di Roberto Bongiorni

    «Brexit non è inevitabile»: lanciata la campagna per un secondo referendum

    Brexit non è inevitabile: questo il messaggio inviato al Governo da una nuova alleanza di deputati di tutti i partiti. Per la prima volta, tutti i diversi gruppi contrari a Brexit si sono uniti per creare un movimento che chiede un secondo referendum sull'accordo finale che verrà raggiunto nei

    – di Nicol Degli Innocenti

    Con i dazi di Bush persi 200mila posti di lavoro

    Il 20 marzo 2002 il presidente Bush ha nuovamente invocato la clausola di salvaguardia, fissando una quota di 5,4 milioni di tonnellate di importazioni di acciaio, oltre la quale era imposto un dazio pari al 30%. L'aumento dei prezzi dei metalli di base che ne conseguì, anche a causa di altri

I più letti di Mondo