M5S-Lega, Di Maio blinda Conte: «E' e resta il candidato premier»

    «Conte è e resta assolutamente il candidato premier del Movimento 5 stelle e della Lega». Tiene il punto il capo politico del M5S Luigi Di Maio mentre c'è attesa per le decisioni del Quirinale sulla guida del prossimo esecutivo giallo-verde, la cui difficile formazione resta al centro

    – di Nicola Barone

    Economia, Difesa, Trasporti: le tensioni M5S-Lega sulle caselle «difficili»

    Non c'è solo la questione del curriculum del professore Giuseppe Conte ad agitare Movimento 5 Stelle e Lega che fino a ieri si sentivano a un passo dalla nascita del loro primo governo a 80 giorni dal voto del 4 marzo. La composizione dell'esecutivo presenta caselle particolarmente complicate da

    – di R.Fe.

    Conte in bilico, Lega e M5S lo difendono sul curriculum

    Luigi Di Maio e Matteo Salvini lo difendono. Non poteva essere altrimenti, all'indomani dell'indicazione al capo dello Stato del nome di Giuseppe Conte come candidato premier del governo giallo-verde. Ma al di là della difesa d'ufficio le chance che il giurista dell'Università di Firenze raggiunga

    – di Barbara Fiammeri e Manuela Perrone

    Da Berlusconi a Di Maio-Salvini, le paure dei media esteri sull'Italia

    Forse, fra i titoli che si sono rincorsi nelle ultime settimane, il più drastico è quello di Politico, una testata americana con uffici a Londra e Bruxelles: Italy could blow up Europe as we know it, l'Italia potrebbe far esplodere l'Europa per come la conosciamo. Ben prima dei dubbi del New York

    – di Alberto Magnani

    Nomine, Cdp e Rai primo banco di prova per il nuovo Governo

    Sono Cassa depositi e prestiti e la Rai il primo banco di prova per il nuovo governo M5S-Lega nell'ambito delle nomine dei vertici delle controllate pubbliche. Per quanto riguarda l'emittente pubblica, nel contratto le due forze politiche spiegano di puntare sull'«eliminazione della lottizzazione

    – di An.C.

    Euro gabbia tedesca e il piano B dell'Italia: il manifesto di Savona

    L'euro? E' una gabbia tedesca. La Germania ha sostituito la volontà di potenza militare con quella economica. L'Ue? E' viziata da «innata ingiustizia». Cosa fare? Bisogna ricorrere a un piano B per uscire dall'euro, se fossimo costretti. Sono alcuni passaggi del "Paolo Savona pensiero", che emergono

    – di Andrea Carli

    Siena: la ripresa accelera, ma la disoccupazione non cala ancora

    Se si parte dalla crisi di MpS, per certi versi sorprendono i dati che ha incamerato dal 2013 la provincia di Siena: il valore aggiunto per impresa è aumentato dal 21,9%, più della media nazionale. L'export ha segnato un balzo del 46% (contro il +14,8% della media nazionale). Anche le presenze dei

    – di Andrea Marini

    Dallo stallo post voto al nome di Conte premier, tutte le tappe della lunga crisi

    Sono passati 79 giorni dalle elezioni del 4 marzo. E il Paese non ha ancora un governo. Anche se con l'accordo raggiunto da Lega e M5s su programma e premier (il giurista Giuseppe Conte) l'obiettivo sembra vicino. Sta di fatto che questa crisi sta scalando la classifica delle trattative più lunghe

    – di Andrea Gagliardi

    Siena: il M5S non corre e il centrodestra punta a una vittoria storica

    In una città che ancora non ha trovato una sua nuova vocazione dopo la crisi del Monte del Paschi, le prossime elezioni comunali del 10 giugno saranno dominate da più di una incognita. La prima sorpresa è stata la mancata presentazione della lista del M5S. La seconda variabile sono i quattro

    – di Andrea Marini

    Ministero dell'Agricoltura: Nicola Molteni

    Al leghista Molteni, originario di Cantù, potrebbe andare questo che è considerato un ministero chiave per la Lega. E' un ruolo che fu ricoperto anche da Luca Zaia e rappresentò il trampolino di lancio per la carriera politica di quest'ultimo per due volte governatore del Veneto.

    Ministero del Turismo: Gian Marco Centinaio

    Il capogruppo della Lega al Senato, direttore commerciale di un tour operator, è in pole position per il ministero del Turismo (con delega agli Affari regionali).

    Ministero della Sanità: Giulia Grillo

    Alla capogruppo M5s alla Camera Giulia Grillo potrebbe andare la poltrona del ministero della Sanità. In pista, proposto in prima battuta da Luigi Di Maio, anche Armando Bartolazzi, anatomopatologo del S. Andrea di Roma.

    Ministero dell'Istruzione: Vincenzo Spadafora

    In pole position all'Istruzione c'è Vincenzo Spadafora, già Garante dell'infanzia e adolescenza. E' considerato l'eminenza grigia dietro Luigi Di Maio. Spadafora comincia nel 1998 come segretario particolare di Andrea Losco, presidente della Regione Campania ed esponente dell'Udeur di Clemente

    Semplificazioni o Difesa: Riccardo Fraccaro

    Il deputato cinquestelle e questore anziano è in prima linea nella battaglia per l'abolizione dei vitalizi. Al Sole 24 Ore ha dichiarato che "l'Ufficio di presidenza e il collegio dei questori lavoreranno nell'ottica di razionalizzare i costi della Camera per renderla più efficiente e avvicinarla

    Ministero delle Infrastrutture: Laura Castelli

    Militante no Tav, in prima linea in tutte le manifestazioni contro l'alta velocità, la parlamentare piemontese, laureata in economia aziendale, alla seconda legislatura con il M5s, ha fatto parte della V commissione parlamentare (Bilancio, Tesoro e Programmazione). Non è un mistero che sulla

    Rapporti con il Parlamento: Giulia Bongiorno

    Il nome di Giulia Bongiorno circola anche per il ministero per i Rapporti con il Parlamento. Bongiorno, palermitana, avvocato penalista, a 27 anni entrò nel collegio di difesa di Giulio Andreotti nel processo che lo vide imputato di associazione mafiosa. Tra le difese importanti quella di Raffaele

    Ministero di Giustizia: Alfonso Bonafede

    Fidato braccio destro di Luigi Di Maio, si occupa anche della piattaforma Rousseau. Avvocato, eletto nel 2013 (dopo aver ottenuto 227 voti alle parlamentarie grilline) è stato presidente della commissione Giustizia di Montecitorio. E' sempre stato considerato l'esperto di Giustizia del Movimento 5

    Ministro degli Esteri: Giampiero Massolo

    Diplomatico di lungo corso Giampiero Massolo, oggi è presidente di Fincantieri e dell'Ispi, l'Istituto di politica internazionale, con un passato alla guida del Dis, il dipartimento per l'informazione e la sicurezza che coordina i servizi segreti dove fu nominato proprio da Monti (nel 2012) e

I più letti di Politica