Lega

    FONDIPer la Lega la Sanità, universalistica, va finanziata prevalentemente con il sistema fiscale. Ma le risorse vanno gestite solo attraverso lo strumento dei costi standard cavallo di battaglia della Regione VenetoTICKETLa compartecipazione dei cittadini attraverso i ticket va ridotta al minimo.

    Movimento 5 Stelle

    FONDISecondo il movimento Cinque Stelle vanno aumentare le risorse del Fondo sanitario nazionale (ma senza dire una cifra precisa) reindirizzandole in particolare sulla prevenzione e sulle risorse umaneTICKETPer i Cinque Stelle vanno eliminati senza che ciò avverte il programma pesi sulle tasche

    Forza Italia

    FONDINuovi ospedali e Rsa grazie a fondi strutturali, Bei e partnership pubblico privato. In pista anche il credito d'imposta per il privato che adottaparte del parco tecnologico di un ospedale sostenendone i costi di manutenzionerinnovo.TICKETEliminazione dei ticket per le prestazioni di Pronto

    Partito Democratico

    FONDISecondo il Partito democratico il Fondo sanitario nazionale va aumentato al ritmo già seguito nell'ultima Legislatura (5 miliardi in 5 anni), per poter aggiornare così il Patto per la salute che risal e ormai al 2004TICKETNessun accenno al tema nel programma ufficiale del Partito democratico

    Elezioni 2018, la giravolta di Salvini: sì a Tajani o Draghi premier

    In passato lo aveva definito "un nuovo Mario Monti". Ora Matteo Salvini, leader della Lega Nord, apre all'ipotesi di un Mario Draghi, attuale presidente della Bce, premier dopo le elezioni del 4 marzo, nel caso di una vittoria della coalizione di centrodestra. «Io rispetto i patti - ha spiegato

    – di Redazione Roma

    Elezioni 2018, Berlusconi: «Il nostro programma? Costa "solo" 110 miliardi»

    «La realizzazione del nostro programma elettorale costerà solo 110 miliardi». Lo ha detto il leader di Fi Silvio Berlusconi ospite su Rai 1 a Che Tempo che fa, precisando che i conti sono stati fatti da una «ventina di economisti». Lo stesso programma, poi, potrebbe generare «230 miliardi di nuove

    Elezioni 2018, Di Maio: possiamo fare un governo «vincolando» i partiti

    «Io chiedo agli italiani la maggioranza dei voti ma se non ci dovesse essere, la risposta che danno gli altri è quella di tornare a votare. Io dico invece: troviamo il modo di vincolarli con una sorta di contratto per fare le cose insieme. Voglio vincolarli a proposte per risolvere i problemi degli

    – di Redazione Roma

    Renzi: la stabilità del Paese non vale un accordo con gli estremisti

    «Abbiamo avuto punti di discussione con una parte importante del mondo cattolico» come su unioni civili e biotestamento. «E' una discussione che probabilmente vedrà una frattura almeno con una parte del mondo cattolico italiano. Ma da Roma oggi voglio dire alle donne e agli uomini del mondo

    – di Redazione Roma

    M5S, Sarti: mi autosospendo finchè il caso rimborsi non sarà chiarito

    «Per il Movimento farei qualsiasi cosa e ho scelto di autosospendermi perché finché questa storia non verrà chiarita, io voglio affrontarla da sola e non arrecare il benché minimo danno a questa fondamentale campagna». Lo scrive su Facebook, Giulia Sarti, la deputata Cinquestelle coinvolta nel caso

    – di Redazione Roma

    Salvini: Berlusconi mi vuole all'Interno? Fa piacere ma sarò premier

    Silvio Berlusconi vedrebbe bene Matteo Salvini come ministro dell'Interno. «Mi fa piacere ma il problema sarà mio quando gli italiani, come spero per la loro scelta di testa ma soprattutto di cuore, mi mandano a fare il presidente del Consiglio». Sulla guida di un eventuale esecutivo di

    – di Nicola Barone

    Prodi investe Gentiloni: serve coalizione di centrosinistra forte

    «Le coalizioni non sono frutto di cattiveria ma della complessità della nostra società che ha moltiplicato il numero dei partiti. Abbiamo bisogno di coalizioni. Non solo noi, lo si vede anche in Germania. Abbiamo bisogno di una coalizione di centrosinistra forte per due valori: lotta alla

    – di Alessia Tripodi

    Nel Lazio tasse e sanità le sfide chiave

    Per una Regione che viene da dieci anni di commissariamento della sanità, motivo per cui i cittadini e le imprese del Lazio pagano l'Irpef e l'Irap tra le più alti d'Italia, era quasi inevitabile che la campagna elettorale per scegliere il nuovo governatore fosse quasi monopolizzata da tasse e

    – di Andrea Marini

    Italo: Gentiloni, buffo che grandi imprese abbiano agito da start up

    La cessione di Italo-Ntv a un fondo americano? «A me un po' è dispiaciuto perché forse avrebbero potuto esercitare un'ambizione maggiore, si sono un po'comportati come una start up. E' buffo che grandissime imprese e grandissime istituzioni finanziarie non abbiano coltivato l'ambizione di un

    – di Redazione Roma

    Indagati, morosi e massoni: tutte le spine dei partiti sulle liste

    Indagati, "furbetti del bonifico", massoni: via via che i nomi messi in lista dai partiti vengono passati ai raggi x, emergono le magagne (più o meno grandi) di candidati scelti forse con troppa fretta. Nel mirino non è un solo partito ma il fenomeno sembra essere trasversale agli schiermaenti.

    – di Mariolina Sesto

    Gentiloni vede Merkel: centrosinistra unico pilastro pro-Ue

    «Credo che l'unico pilastro possibile per una coalizione stabile e pro europea di governo possa essere la coalizione di centrosinistra guidata dal Pd». Lo ha detto il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, dopo l'incontro con Angela Merkel che «conferma - ha sottolineato il premier - i rapporti

    – di Alessia Tripodi

    Il green bond per la Terra dei fuochi arriva in campagna elettorale

    Il green bond per la Terra dei fuochi diventa argomento di campagna elettorale. L'utilizzo di questo strumento finanziario per bonificare le aree inquinate fra Napoli e Caserta è stata rilanciato ieri da Antonio Falcone, candidato alla Camera nel collegio uninominale di Acerra-Pomigliano per il Pd

    – di Vitaliano D'Angerio

    M5s, altri due massoni tra i candidati. I vertici: «Sono fuori»

    Non ci sono solo il caso «rimborsopoli» e l'addio dell'europarlamentare David Borrelli (già membro del triumvirato che gestisce la piattaforma Rousseau), a scuotere il M5s. Dopo Catello Vitiello, candidato all'uninominale di Castellammare di Stabia al quale Luigi Di Maio ha inibito l'utilizzo del

    – di Redazione Roma

    Borrelli, dopo l'addio al M5S l'idea di un «movimento delle pmi»

    Come tutto ciò che riguarda David Borrelli, già membro del triumvirato che regola la piattaforma Rousseau, parlamentare europeo appena uscito dal Movimento 5 Stelle (ieri l'ufficializzazione), "scomparso" nei giorni del caso rendicontazioni sollevato dalle Iene e ricomparso ieri smentendo problemi

    – di Riccardo Ferrazza

I più letti di Politica