ILSOLE24ORE.COM > Notizie Norme e Tributi ARCHIVIO

Nella lotta al sommerso arriva la semplificazione

Pagina: 1 2 di 2 pagina successiva
commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
Lunedí 01 Settembre 2008

Nuovo corso nella lotta al sommerso dopo la semplificazione sulla tenuta dei libri in azienda. L'abolizione dei vecchi libri di matricola e di paga e l'introduzione del libro unico del lavoro è la "chiave" del nuovo apparato di controllo. Fino a giugno il sistema contava ancora la possibilità di alcuni escamotage per liberare dai più gravi effetti punitivi (una sanzione proporzionale che facilmente raggiunge le decine di migliaia di euro) chi impiegava lavoratori non regolarizzati.
Dopo gli interventi di semplificazione del pacchetto Sacconi non sarà possibile rivolgersi al lavoro sommerso e salvarsi in extremis, magari proprio con iscrizioni surrettizie e tardive sui libri aziendali. Una soluzione di carattere premiale per i datori di lavoro virtuosi, i quali, deciso l'impiego del lavoratore, dovranno accertarsi solo di avere fatto luogo alle preventive comunicazioni di assunzione telematiche.
Per il resto, ogni ulteriore adempimento di registrazione potrà avvenire entro il giorno 16 del mese successivo. Uno sgravio per aziende e professionisti da oneri e scadenze spesso insostenibili, senza nulla togliere al l'impegno nel contrasto alle irregolarità. Anzi. Per la prima volta, il legislatore ha pensato di sanzionare anche quanti professionisti non provvedono per tempo a collaborare con gli organi ispettivi, mentre, in generale, si è inteso limitare le ipotesi sanzionate in via amministrativa ai casi più evidenti e gravi d'infrazione, con misure che riguadagnano le giuste proporzioni costituzionali.
Con l'abolizione dei libri paga e matricola e la valorizzazione delle comunicazioni obbligatorie è destinato a cambiare il rapporto tra imprese, consulenti del lavoro e ispettori. E questo grazie a una definizione finalmente univoca di lavoratore in nero; al superamento dei formalismi per combattere i veri abusi e le irregolarità sostanziali; a un approccio compartecipato alla soluzione delle vertenze di lavoro; alla razionalizzazione del sistema sanzionatorio.
Assieme all'intenzione di un'effettiva modernizzazione dei servizi ispettivi, secondo una logica di prevenzione e amministrazione attiva, si è infatti confermata l'utilità di un'azione di perfezionamento dell'apparato normativo di tutele al lavoro che tralasciasse, però, di fare leva su appesantimenti formalistici e burocratici (libri obbligatori, iscrizioni, denunce eccetera) i quali, specie in tempi recenti, hanno reso difficile la vita delle aziende, incrementandone le spese (per la sola abolizione del matricola e del paga si stima un risparmio di oltre 3 miliardi di euro) senza aumentare le aspettative di garanzia sostanziale di chi lavora.
Una prospettiva nuova che consente di ridurre i rischi di illeciti e sanzioni – in passato comunque molto elevati – anche per i datori di lavoro più corretti e pone ai margini del mercato quanti si avvalgono in modo sistematico delle forme più gravi di lavoro illecito.
Da un punto di vista tecnico e operativo, è chiara la scelta compiuta dalla legge 133/2008 di conferire valenza probatoria alla comunicazione di assunzione in via telematica. Così, da ritenere "sommerso" solo chi risulti sconosciuto alla pubblica amministrazione. Una prospettiva evoluta che, insieme con la certezza dell'esito dei controlli, innescherà il rilancio degli istituti preventivi e deflativi della riforma dei servizi ispettivi del 2004. Da quello della conciliazione monocratica – capace di estinguere gli effetti dell'ispezione – alla certificazione dei contratti e della diffida accertativa.
Nuovo e più delicato sarà anche il ruolo degli ispettori, chiamati al dialogo con aziende e professionisti in una logica di collaborazione e promozione della legalità. TESTI A CURA DI Mauro Parisi e Michele Tiraboschi
Meno obblighiComunicazione alla Direzione provinciale dell'intenzione di tenere il libro presso il consulente esterno
* Obbligo mantenuto
Tenuta del libro originale presso il consulente
* Obbligo mantenuto
Vidimazione copia conforme
* Obbligo eliminato
Dichiarazione di conformità della copia
* Obbligo eliminato
Tenuta della copia conforme presso la sede dell'impresa
* Obbligo eliminato
Copia per ciascuna sede
* Obbligo eliminato
Vidimazione di ogni copia
* Obbligo eliminato
Annotazioni giornaliere delle presenze
* Obbligo mensile (entro il 16)
Annotazione mensile delle retribuzioni (entro 3 giorni dalla scadenza dei pagamenti)
* Obbligo mantenuto (entro il 16 di ogni mese)
Archiviazione per 10 anni
* Obbligo mantenuto (ma per 5 anni)
Il nuovo iter delle verifiche in azienda L'accertamento del sommerso dopo la circolare 20/2008 del ministero del Lavoro e l'esempio sull'applicazione delle sanzioni.
LA PROVA Abrogato il libro matricola e l'obbligo di iscrizione preventiva dei lavoratori occupati, il personale ispettivo deve fondare l'accertamento della sussistenza di un impiego lavorativo in nero esclusivamente dalla mancata effettuazione della comunicazione obbligatoria di instaurazione del rapporto di lavoro.
  CONTINUA ...»

Pagina: 1 2 di 2 pagina successiva
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER
Effettua il login o avvia la registrazione.

 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
22 maggio 2010
21 maggio 2010
21 maggio 2010
20 maggio 2010
20 aprile 2010
 
Gli esperti del ministero rispondono a tutti i dubbi sugli incentivi
La liquidazione: rimborsi e debiti
I redditi da dichiarare
La salute e gli altri sconti
La famiglia e la casa
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-