ILSOLE24ORE.COM > Notizie Economia e Lavoro ARCHIVIO

Pil, maneggiare con molta cura

di Rossella Bocciarelli

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
12 Gennaio 2008

«L'uso che spesso si fa, in politica o sui media, del concetto di Prodotto interno lordo come se fosse una misura del benessere, della qualità della vita o della felicità delle persone, è distorto. Il Pil è un concetto nato per misurare l'efficienza produttiva di un Paese, la sua performance di produzione. Nessuno mai, dal punto di vista teorico, ha voluto assegnare al Pil altre funzioni». Luigi Biggeri, presidente dell'Istat, fa capire chiaramente che il presidente francese Nicolas Sarkozy non ha inventato nulla di nuovo nel chiedere a ben due premi Nobel di trovare strumenti statistici più efficaci per dar conto del benessere del Paese. «Già dagli anni Sessanta – spiega – dopo dieci o quindici anni dalla sua adozione, tutti sostenevano che il Pil era imperfetto anche come misura dell'attività produttiva».

Perché?
È semplice. Con il Pil ci si riferisce solo ai beni finali di mercato e non si considerano le distruzioni di beni capitali o di risorse umane o ambientali. Inoltre, non si considera la produzione per auto-consumo delle famiglie: il lavoro delle donne casalinghe, di quelle che da sole si fanno i vestiti, o di quelle che "fanno i capelli"; una volta, quando la nostra cultura era più contadina, si faceva anche l'esempio della frutta e della verdura prodotta nel proprio orto. Insomma, già dopo pochi anni di vita, il Pil si è attirato tante critiche proprio sulla sua completa efficacia come misura dell'efficienza produttiva, rivolta unicamente a quanto avviene sul mercato. A maggior ragione, il Pil non funziona come misura del benessere sociale, se non è corredato da indicatori di disuguaglianza. Eppure, i politici lo hanno usato moltissimo come parametro di riferimento "ampio": basta pensare ai criteri per l'ingresso nell'Unione Europea.

Ma come mai si utilizza solo questo metro, pur sapendo che è così imperfetto?
Perché non ci sono altre misure in grado di sostituirlo, in questo momento. Altri metri sono stati costruiti: per esempio l'indicatore di sviluppo umano dell'Onu, nel quale insieme al Pil si considerano altre variabili, come la disoccupazione o la speranza di vita alla nascita. C'è poi l'indicatore dello sviluppo sostenibile o prodotto sostenibile, che fornisce indicazioni utili, per evitare di lasciare in eredità ai nostri figli e nipoti una società più povera riguardo alle ricchezze naturali e ambientali. Ma questi indicatori non si sono mai affermati fino in fondo. Inoltre, nell'ambito della contabilità nazionale, è stato fatto anche un tentativo di inserire quanto meno gli aspetti ambientali, con i cosiddetti conti satellite, che cercano di dar conto di peggioramenti ambientali o di aspetti della salute e così via.

Vengono alla mente i cumuli di immondizia a Napoli...
Guardi, qui tocchiamo con mano il paradosso del Pil come unità di misura: se lei fa il calcolo delle ore di straordinario della forza pubblica o quelle impiegate dai camion che lavorano per portar via i rifiuti, tutto ciò comporta un aumento del Prodotto interno lordo. Le faccio un altro esempio: se c'è un'alluvione e tutti lavorano per cercare di eliminare i danni, la produzione aumenta. È evidente che occorrerebbe prima calcolare il danno, sottrarre la distruzione di risorse e poi aggiungere la spesa per la ricostruzione....

Come si può avvicinare la fotografia fornita dal Pil alla realtà effettiva, tenendo conto anche dei livelli di benessere e delle percezioni della gente?
Ci sono tre metodi che la statistica offre. Il primo è integrare le attuali misurazioni del Pil e correggere il metro. Intorno al nocciolo duro si possono considerare degli elementi che accrescono il Pil e altri, che invece rappresentano danni, i quali possono essere detratti dalla misura normale del Pil. La seconda metodologia passa per la ricerca di un indice globale alternativo, come sintesi di tante misure parziali dei fenomeni. Ma l'inconveniente dell'indice globale è che dipende dal peso che viene attribuito ai singoli fenomeni. E allora ogni prospettiva può essere giustificata: i no global possono dare un peso superiore ad alcune variabili e magari i politici di governo attribuiscono un peso maggiore ad altri aspetti. Insomma, sulle ponderazioni è molto difficile trovare un accordo e l'indice sintetico ha sempre la difficoltà di essere accettato da tutti.

E la terza via?
La terza via passa per la disponibilità di un insieme di indicatori complesso, visto che ci troviamo in un mondo globablizzato e di fronte a un fenomeno multivariato. Inoltre, si può fare una distinzione fra indicatori oggettivi e soggettivi. Questo ci permette di tracciare un quadro che fa luce non solo sull'aspetto economico ma anche sugli aspetti sociali e sulla soddisfazione delle persone. Pensi ad esempio al Development millennium goal. Noi in Italia realizziamo sin dal 1994 le indagini multiscopo sulle famiglie per tener conto degli elementi sociali. E rileviamo lo stato di soddisfazione nei confronti dei servizi sociali, ma anche il tempo libero, la soddisfazione per la salute, il sentirsi poveri o no. Non a caso, nel Rapporto sulla situazione del Paese che presentiamo ogni anno forniamo indicazioni sul welfare, sulle famiglie, sulla società, eccetera.

Si fa così anche a livello internazionale?
Anche all'interno di Eurostat si discute molto di come integrare il Pil con un set di più indicatori. Purtroppo, quando si va su cose difficili da misurare, occorrono degli standard metodologici condivisi. E spesso gli statistici ufficiali impiegano anni per accordarsi su definizioni, metodi, eccetera. Allora, per superare l'impasse, a mio parere sarebbe meglio affidarsi inizialmente anche a misure un po' approssimative che comunque ci danno un'idea del percorso.
Però il "campionato internazionale" si gioca ancora utilizzando solo il Pil. Lei come valuta, per esempio, la gara fra la Spagna e l'Italia? Chi ha ragione?
Le gare basate su un indicatore sintetico, come dicevo prima, comportano differenti interpretazioni ed è evidente che questo genere di competizioni dal punto di vista di uno statistico hanno poco senso. Nel caso della Spagna e dell'Italia, infatti, se si fa riferimento all'indicatore del Pil pro-capite valutato in base alla moneta nazionale o, tra Paesi europei, in base all'euro, anche in base all'euro, si mette in evidenza che l'Italia è più avanti della Spagna. Se invece ci si riferisce al Pil pro-capite ponderato per le parità di potere d'acquisto, è più avanti la Spagna.

E quale indicatore ha più significato ?
Dipende. Forse, per il singolo cittadino può avere più significato l'indicatore ponderato in base alle parità di potere d'acquisto. Ma, per il reddito prodotto da un'intera nazione ha più senso valutare sulla base dell'euro. Faccio un esempio basato sulle terre di casa nostra. Se valutiamo il Pil per abitante della Lombardia e quello della Calabria, di certo quello lombardo è nettamente più avanti di quello calabrese. Però, se io cambio indicatore e tengo conto delle parità di potere d'acquisto territoriali, vale a dire dei livelli dei prezzi, che certamente in Calabria sono più bassi dei prezzi in Lombardia, le distanze si possono accorciare anche molto. Infatti, anche la World Bank e il Fmi, che pure utilizzano il sistema con le parità di potere d'acquisto, avvertono che quando le differenze fra Stati a fra regioni non sono così forti, questa metodologia, che è imperfetta, non dà risultati certi. In Lombardia non si consumano gli stessi beni che si consumano in Calabria.

rossella.bocciarelli@ilsole24ore.com

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
6 maggio 2010
6 maggio 2010
6 maggio 2010
6 aprile 2010
6 maggio 2010
 
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-