ILSOLE24ORE.COM > Notizie Economia e Lavoro ARCHIVIO

Brambilla: «Male il turismo, serve una politica nazionale»

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
1 ottobre 2008

La stagione turistica è andata male: un numero minore di italiani è andato in vacanza, i turisti stranieri sono diminuiti, il fatturato complessivo del settore si è contratto. Alla presentazione a Palazzo Chigi del rapporto dell'Osservatorio Nazionale del Turismo sull'estate 2008, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Michela Vittoria Brambilla, non ha nascosto il disappunto, riconoscendo che «i risultati conseguiti quest'anno dal nostro settore turistico sono purtroppo quasi tutti di segno negativo».

Se non c'è stato quel tracollo della domanda che alcuni avevano predetto è anche chiaro che «siamo di fronte a un bilancio che non può che preoccupare anche perché evidenzia con maggior forza quegli elementi di criticità che da tempo sono presenti nel nostro sistema di offerta turistica». Un settore in sofferenza, dove pesano, ha sottolineato la Brambilla, insufficienza e assenza di programmazione, leggi e paletti fiscali che ostacolano l'impresa, lo scarso livello di professionalità degli addetti e la bassa competitività del rapporto qualità prezzo. Nel mirino anche la tassazione delle imprese, superiore rispetto ad altri Paesi Ue. «O davvero ci rendiamo conto che bisogna invertire la tendenza - ha concluso la Brambilla - o rischiamo in pochi anni di avere una lenta perdita delle quote di mercato dell'Italia nei confronti degli altri Paesi e una caduta, conseguente, dell'occupazione del settore». Indispensabile, dunque, puntare su «una vera politica nazionale del turismo».

Ecco una sintesi dei principali dati. Meno italiani in vacanza nel periodo estivo: il calo è del 12,2% tra luglio e settembre 2008 rispetto a un anno fa (-6,1% in Italia; -14,2% all'estero, -31,6% in Italia e all'estero). Il numero degli italiani che sono rimasti a casa ha superato il numero di coloro che sono partiti: 54,5% contro 45,5 per cento. Aumentano le presenze degli stranieri (+1,4%) ma sono scesi i pernottamenti (-5,4%) e la spesa (-1,3 per cento). (N.Co.)

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
6 maggio 2010
6 maggio 2010
6 maggio 2010
6 aprile 2010
6 maggio 2010
 
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-