ILSOLE24ORE.COM > Notizie Economia e Lavoro ARCHIVIO


Per Todomondo si profila l'ipotesi del fallimento

di Giuliano Balestrieri

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
26 luglio 2009

Todomondo viaggia veloce verso il fallimento. Carica di debiti e senza liquidità il destino del tour operator di Gallarate sembra segnato. E quella di ieri, convocata nello studio legale Monza e associati, è stato un'assemblea fiume iniziata poco prima delle 15 e conclusa solo alle 20.
A marzo l'associazione di investitori Ia Partners, guidata da Luigi Capello aveva rilevato da Alessandro Scotti il 70% della di Todomondo. Un gruppo apparentemente sano con un fatturato vicino ai 70 milioni di euro e debiti dichiarati per circa 5,5 milioni che avevano portato la valutazione complessiva del tour operator a 11 milioni di euro (5,5 al netto dei debiti). Dopo il passaggio di consegne però la situazione è degenerata. I flussi di cassa diminuivano e le difficoltà a pagare aumentavano. «Il giro d'affari è improvvisamente calato» ha spiegato Capello che ha dato mandato a Deloitte di valutare l'effettivo stato di salute della società. Il responso ufficiale non é ancora stato reso noto, ma fonti vicine alle parti spiegano che «servirebbero almeno 5/6 milioni subito per sopravvivere, ma per essere tranquilli sarebbero meglio 8/9 milioni». Una cifra quindi superiore a quella investita per rilevare la società.

Nel frattempo il gruppo ha avviato un'azione di responsabilità nei confronti di Alessandro Scotti, fino al 14 luglio scorso amministratore delegato della società che secondo Capello avrebbe in qualche modo occultato i debiti e caricato di costi i nuovi azionisti.
Di certo la vita della società è stata resa più difficile anche dalla banche. Uno degli istituti di credito a cui si appoggia il gruppo ha infatti ridotto il fido della società ed effettuato una compensazione tra conti correnti (di fatto i contanti depositati sono stati usati a garanzia dei debiti verso la banca), riducendo ulteriormente la liquidità di Todomondo. Sarebbe inutile anche versare capitali freschi perché andrebbero solo a saldare i debiti, difficile invece aprire un nuovo conto corrente con poche garanzie e soprattutto pochissimo tempo.

In una situazione così delicata per il tour operator che ha lasciato a casa oltre 5mila clienti diventerà quindi difficile anche riportare a casa tutti i viaggiatori in giro per il mondo (che nel frattempo sono stati avvisati della situazione). Capello potrebbe decidere di investire di tasca propria, dal suo conto di socio ma in quel caso il suo patrimonio rischia di confondersi con quello della società ed essere quindi coinvolto nell'eventuale fallimento. Insomma il futuro di Todomondo appare davvero incerto e ieri, insieme alla dimostrazione dei viaggiatori a Malpensa, è arrivato un esposto in procura da parte del Codacons.

26 luglio 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio


L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.
 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
6 maggio 2010
6 maggio 2010
6 maggio 2010
6 aprile 2010
6 maggio 2010
 
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-