ILSOLE24ORE.COM > Notizie Italia ARCHIVIO

Emergenza terremoto: giovedì all'Aquila Consiglio dei ministri

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
21 aprile 2009
I controlli delle forze dell'ordine sugli immobili che hanno subito dei danni nelle aree sottoposte a sequestro dopo il terremoto a L'Aquila (Ansa)
I 49 Comuni abruzzesi che hanno diritto alle misure di sostegno
Non si placa lo sciame sismico

Il prossimo Consiglio dei ministri si terrà all'Aquila giovedì 23 aprile. Al centro della riunione, convocata alle 9.30, ci sarà il decreto legge Abruzzo con il quale l'Esecutivo metterà in campo ulteriori misure per affrontare l'emergenza del terremoto. La riunione sarà ospitata nella Scuola Ispettori e Sovrintendenti della Guardia di Finanza di Coppito. Proprio per questo è stata rinviata la riunione del Consiglio regionale, rinviata al giorno successivo dal presidente del Consiglio regionale, Nazario Pagano.

Berlusconi: stiamo discutendo sull'esenzione Iva per le opere di ristrutturazione in Abruzzo. Berlusconi non si è pronunciato sulla possibilità che il Governo decida l'esenzione dell'Iva per le opere di ristrutturazione nelle zone terremotate d'Abruzzo: «Non vorrei entrare nella questione, stiamo discutendo. Ho sentito questa mattina il ministro Tremonti due volte e oggi avremo un'altra riunione in merito». Ma ha sottolineato l'azione dell'Esecutivo subito dopo il terremoto in Abruzzo, che ha gestito 66mila persone, circa 40mila delle quali nelle tendopoli e 26mila negli alberghi e in parte nelle abitazione private, precisando che senza il piano del Governo e della Protezione Civile le conseguenze del dopo sisma sarebbero state tragiche: «Se non avessimo avuto queste tende domandatevidove sarebbero state queste persone, sarebbero state all'addiaccio».

Si prospetta un rinvio delle elezioni amministrative in Abruzzo. Intanto il ministro dell'Interno, Roberto Maroni ha dato «un orientamento favorevole a considerare l'ipotesi di rinviare di un anno le elezioni amministrative» che in Abruzzo riguardano 51 comuni e la provincia dell'Aquila. Domani il ministro dell'Interno renderà nota la decisione assunta. «Abbiamo fatto presente al ministro - ha detto Antonio Centi, presidente dell'Anci Abruzzo ed ex sindaco dell'Aquila al termine dell'incontro al Viminale della Conferenza Stato-Città - che un rinvio di soli sei mesi non sarebbe sufficiente per una serie di motivi, a cominciare dall'organizzazione delle liste di candidati in un momento psicologicamente difficile». Proposta anche l'attivazione di un tavolo tecnico per superare le criticità rappresentate. Il ministro Maroni ha reso noto che, insieme al ministro Ronchi e al sottosegretario all'Economia Molgora, sottoporrà alla valutazione del Consiglio dei Ministri le altre richieste, che vanno dall'estensione ai comuni colpiti dal sisma delle previsioni in materia di patto di stabilità a quelle legate alle materie di competenze del ministero delle Politiche Europee.

Dibattito straordinario sul sisma abruzzese al Parlamento europeo. Il Parlamento europeo terrà domani, 22 aprile, nel pomeriggio un dibattito straordinario in aula sul terremoto e sul ruolo dell'Ue nella ricostruzione. La decisione è giunta dall'euroassemblea che ha accolto una proposta avanzata da Roberta Angelilli (Pdl) e sostenuta da Gianni Pittella (Pse).

Due numeri di telefono per i contribuenti. Equitalia ha attivato due linee telefoniche per i cittadini abruzzesi colpiti dalterremoto in Abruzzo. I due numeri (0863-413235 e 0864-212772, con servizio dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13 e dalle14.30 alle 16) sono riservati ai contribuenti che dovessero ricevere cartelle dipagamento, eventualmente emesse prima del terremoto, e di cui la società di riscossione nonsia stata in grado di bloccare la spedizione dopo lo stop agli adempimenti fiscali e la sospensione della riscossionedelle somme iscritte a ruolo adottati dal Governo. La società di riscossione ha anche diffuso «specifiche direttive indirizzate agli agenti della riscossione, rendendo operativa lasospensione della riscossione delle somme iscritte a ruolo, neiconfronti dei contribuenti che il 6 aprile risultassero residentio con sede legale o operativa nei comuni abruzzesi colpiti dalsisma». Sono state, infatti, sospese tutte le attività esecutive ecautelari e quelle di notifica delle cartelle di pagamento e degli altri atti di riscossione. La sospensione riguarda anche ilpagamento delle rate dei provvedimenti di dilazione emanati dallesocietà del gruppo Equitalia o dagli enti creditori. Il mancato pagamento delle rate, in scadenza dal 6 aprile 2009, precisa la società di riscossione «non determinerà pertanto la decadenza dalla rateazione». Attenzione, però, solo nei Comuni individuati come colpiti dal terremoto. (N.Co.)

21 aprile 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
8 maggio 2010
8 maggio 2010
08 Maggio 2010
8 maggio 2010
8 maggio 2010
 
Prendeva la pensione della madre morta. Arrestato
L'Indagine del Cnr nei mari italiani
IL PUNTO / Il dopo Scajola e gli interrogativi sul governo
Addio a Giulietta Simionato
VIDEO / Le dimissioni di Scajola (da C6.tv)
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-