ILSOLE24ORE.COM > Notizie Mondo ARCHIVIO

Amianto, riusciranno i giudici ad andare fino in fondo? (Les Echos)

di Elysa Fazzino

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
10 dicembre 2009

Un processo «senza precedenti», a «forte portata simbolica», ma «sussiste un dubbio sulla capacità dei giudici di portare a termine il loro lavoro»: il maxi-processo Eternit che si è aperto oggi a Torino potrebbe essere interrotto dalla legge sul processo breve. Lo sottolinea il quotidiano economico francese Les Echos nel presentare «il più grande processo dell'amianto».

Sul banco degli accusati due ex dirigenti del gruppo belga Eternit, che dovranno rispondere – spiega il quotidiano - della morte di 2.085 persone e della malattia di parecchie centinaia di altre, dipendenti o abitanti vicino alle quattro fabbriche dell'impresa in Italia. Eternit Italia era fallita nel 1986, sei anni prima che l'amianto fosse vietato.
La tenuta del processo «soddisfa già in sé le famiglie delle vittime, che attendevano da più di vent'anni l'appuntamento», osserva il corrispondente Guillaume Delacroix. L'argomento «resta completamente d'attualità», poiché il mesotelioma provocato dall'amianto ha un tempo d'incubazione di una trentina d'anni.

Sarà un processo lungo, ma i giudici riusciranno ad andare fino in fondo? Les Echos scrive: «Silvio Berlusconi sta per dare l'ultimo ritocco a un progetto di legge destinato a mettere fine ai processi che lo riguardano personalmente, come ex capo di Fininvest. Il testo dovrebbe accorciare la durata delle procedure giudiziarie in tutto il Paese. Per via della sua retroattività, potrebbe interrompere centinaia di processi in corso, tra cui quello di Eternit».
Per ora, la portata simbolica dell'evento è «considerevole», continua il quotidiano.
L'attenzione per il caso è alta in Francia. L'associazione nazionale francese di difesa delle vittime dell'amianto (Andeva) spera che il processo di Torino serva da esempio.

In Francia, l'ex dirigente di Eternit Francia, Joseph Cuvelier, è stato messo sotto esame a fine novembre per «ferite e omicidi involontari». Le rare condanne pronunciate in Francia in dossier relativi all'amianto riguardano Alstom (ferrovie, infrastrutture elettriche) e la società ZF Masson (fabbricazione meccanica), condanne confermate in appello, oltre alla Ratp (trasporti parigini). Sotto esame anche responsabili di Almisol (costruzione) e Sollac (siderurgia).

10 dicembre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio


L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER
Effettua il login o avvia la registrazione.
 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
8 maggio 2010
8 maggio 2010
 
Scene dal Pacifico
La storia per immagini dei magazzini Harrods
Il giorno del mistero a Wall Street
Elezioni inglesi / Chi ha fatto centro? La vignetta di Stephff
Election day
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-