Speciali in evidenza
Speciale Smau
Speciale ambiente
Speciale scuola
Speciale Auto
Un anno di rincari
Speciale mutui
Voli low cost
Speciale ETF
Studi di settore
Risparmio energetico
Auto & fisco
Navigatori GPS
Musica Mp3
Guida alle facoltà
Come risparmiare
XV Legislatura
shopping 24

Servizi

Il Sole Mobile

Servizi Ricerca

Norme e Tributi

ARCHIVIO »

13 gennaio 2006

Su amnistia e indulto alla Camera cala il sipario

di Vittorio Nuti

Occasione persa, pericolo scampato.

Sono le due, opposte chiavi di lettura di una giornata parlamentare che ha visto tramontare definitivamente ogni ipotesi di " chiudere" la XIV legislatura con un gesto di clemenza per la popolazione carceraria.
Nel giro di pochi minuti, con un'inedita convergenza dei voti di Lega, An, Ds e Margherita, l'Aula della Camera ha infatti bocciato ieri pomeriggio prima le norme sull'amnistia, poi quelle sull'indulto. Tecnicamente, è stata l'approvazione di alcuni emendamenti soppressivi a segnare la sorte del provvedimento, con la bocciatura, in prima battuta, dell'articolo 1 del progetto di legge, dedicato ai reati per i quali poteva essere concessa l'amnistia.
La cancellazione ha portato all'eliminazione di tutta la parte dell'articolato dedicata al beneficio. Il voto, a maggioranza semplice, ha visto, come annunciato alla vigilia, Ds e Margherita schierarsi, per ragioni diverse, sulle posizioni di Lega e An.
A seguire, l'approvazione (206 si, 178 no), di altri due emendamenti soppressivi, firmati sempre da An e Lega, dell'articolo 6 del provvedimento, dedicato all'indulto. A favore, questa volta, tutta la Cdl, mentre l'Unione ha votato contro. Anche in questo caso, la scelta di Di e Udc è stata coerente con quanto promesso nel dibattito di mercoledì: in caso di un no all'amnistia, non avrebbero mai votato solo «mezzo provvedimento».
La conferma, se necessario, che i tempi non sono maturi per parlare di clemenza nonostante la situazione carceraria, sta nella successiva bocciatura dell'articolo (anche questo impallinato da un emendamento) che prevedeva il cosiddetto indulto ridotto: un solo anno di sconto, e solo per alcuni reati.
Scenario di veti incrociati e tatticismi, dunque, che non ha lasciato scampo all'amnistia. «Purtroppo — ha commentato il presidente della Camera, Pier Ferdinando Casini — sono stato facile profeta. I fatti mi hanno dato ragione, ma la cosa mi amareggia. Ci sono stati troppi condizionamenti, e qualcuno ha ritenuto di dover giocare questa partita per motivi elettorali».
Cantano vittoria invece leghisti e An, che hanno sempre osteggiato la clemenza. Tra i primi, il Guardasigilli, Roberto Castelli, che, a pochi giorni dall'inaugurazione di un nuovo carcere da 180 posti ad Ancona, ha osservato come «ancora una volta si è irresponsabilmente giocato con le aspettative dei detenuti che sono le vere vittime di questa pantomima politica». Forza Italia ha invece preferito sottolinere come la clemenza «sia stata definitivamente archiviata per esclusiva colpa di Ds e Margherita».
Diverse, ma tutte all'insegna della delusione e delle polemiche interne le reazioni nel Centro sinistra. Se il padre della proposta di legge, il verde Paolo Cento, parla di «brutta pagina per la giustizia italiana», da cancellare con la prossima legislatura, la Rosa nel pugno attacca gli alleati con l'ironia di Enrico Boselli, secondo cui «è un bel partito democratico quello che sta nascendo tra Ds e Margherita. Quasi sempre in disaccordo su tutto, l'unica cosa su cui votano uniti è l'emendamento della destra sull'amnistia».
Per la Margherita, Pierluigi Castagnetti, ha invece osservato come sia «molto grave confondere amnistia e indulto. La prima serve a risolvere il problema del sovraffollamento delle pratiche sulle scrivanie dei magistrati.
Il secondo a risolvere il sovraffollamento delle carceri». Sulla stessa linea la diessina Anna Finocchiaro: «Credo che abbiamo fatto bene e mi assumo tutta la responsabilità della nostra scelta. Di certo nessuno ci potrà dire che abbiamo fatto uno scambio voti contro speranze. L'amnistia è una cosa seria».
Di «spettacolo ignobile, ma prevedibile» finalmente concluso ha infine parlato Patrizio Gonnella, presidente di Antigone, secondo cui «quella che per alcuni è una simpatica farsa, per i 61mila detenuti stipati e maltrattati nelle carceri italiane è invece una tragedia». Destinata ad aggravarsi quando «la ex Cirielli farà salire i detenuti a 80mila in pochi mesi».



 

Suggerimenti

>Info quotazioni

A richiesta, via sms, la quotazione istantanea e in tempo reale del titolo che ti interessa

>Flash news

Scarica il programma gratuito, e ricevi sul tuo desktop le ultimissime notizie di economia e finanza

News

champions

L'Inter (2-1a Mosca) brava e fortunata: ribalta il risultato e vince

auto

Rimandato il lancio della «Panda cinese» per la causa con la Fiat

expo 2015

Luci sui progetti che fanno bella Milano: l'omaggio agli ospiti di Expo 2015

anniversari

Novant'anni fa la battaglia di Caporetto, madre di tutte le batoste

computer

Asus: così il notebook diventa ultraleggero

prospettive

Il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca (Stefano Capra / Imagoeconomica)

Turismo a Roma, invia le tue domande per il forum di mercoledì

GIAPPONE

La palazzina del Progetto Sofie sottoposta all'esperimento anti-sismico

Terremoto del settimo grado della scala Richter, ma la casa in legno fatta nel Trentino resiste

iniziative

L'appello di Nòva24: il Governo rilancia sul 5 per mille

viaggi24

Singapore. Dove tutto è possibile
Viaggio in una delle capitali mondiali dello shopping e del commercio.

CASA24

Comprare casa senza agenzia
I consigli per risparmiare nell'acquisto della casa trattando direttamente tra privati

In Evidenza

CRIBIS.it
Informazioni per decidere con chi fare o non fare business, in Italia e nel mondo.

Scarica il gadget del Sole 24 ORE per Windows Vista
Il Sole 24 ORE porta sul tuo desktop le news di economia e attualità e l'andamento della Borsa.

Concorsi ed esami
Visita la sezione concorsi ed esami, troverai un'aggiornata rassegna di concorsi e offerte di lavoro nel pubblico impiego

Le tue foto su Casa24
Un angolo accogliente, un mobile insolito, un ambiente particolare: inviaci le foto della tua casa, le più belle saranno pubblicate sul sito.

Pubblicità