ILSOLE24ORE.COM > Notizie Norme e Tributi ARCHIVIO

Cognome materno, pressing della Cassazione

di Alessandro Galimberti

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
24 settembre 2008
DOCUMENTO
CASSAZIONE / Ordinanza n. 23934/08

L'attribuzione automatica del cognome paterno al figlio legittimo, che non può essere disapplicata neppure se entrambi i coniugi lo vogliono, non è più coerente con i principi dell'ordinamento nè con il valore costituzionale dell'uguaglianza tra uomo e donna. La prima sezione civile della Corte di cassazione (ordinanza interlocutoria 23934/08, depositata il 22 settembre) ha rimesso di fatto alle Sezioni unite – quindi senza decidere nel merito – il ricorso di una coppia di genitori milanesi che da anni si batte per far registrare all'anagrafe i figli minorenni con il cognome della mamma, rettificando l'atto di nascita; aspirazione, questa, che è stata stroncata una prima volta dal tribunale di Milano nell'ottobre 2006, e dalla Corte d'appello cinque mesi dopo.

I giudici lombardi avevano articolato la "resistenza" al cambiamento in quattro punti: la legge vigente (151/1975) non ha alterato la norma consuetudinaria sul patronimico; le modificazioni allo stato civile (Dpr 396/2000) pur trattando di cognome non hanno affrontato il caso dei genitori che vogliano eliminare quello del papà; il figlio può sempre scegliere il nome della mamma al compimento dei 18 anni; e quindi la materia non ha lacune legislative tali da far spazio all'intervento interpretativo della giurisprudenza. Inoltre, la sentenza 51/2006 della Corte costituzionale si era astenuta sul tema («inammissibilità») sostenendo che la soluzione richiesta, cioè la disapplicazione dell'automatismo per cui il figlio legittimo prende il cognome del padre, avrebbe comportato «un'operazione manipolativa esorbitante dai propri poteri». Principi assodati anche in Cassazione (sentenza 16093 del 2006), dove si ritiene che spetta, semmai, al legislatore ridisegnare la materia in senso «costituzionalmente orientato».

Ma proprio i cambiamenti del quadro normativo internazionale e nazionale, qui per la verità ancora in fieri da 30 anni, secondo i giudici della prima sezione richiedono oggi un intervento autorevole, quantomeno per delimitare i poteri di intervento delle corti quando non per investire nuovamente la Consulta. Sullo sfondo, scrivono i giudici, non si può ignorare che la ratifica del Trattato di Lisbona comporterà l'applicazione diretta delle sue regole, tra cui la parificazione su tutta la linea tra uomo e donna anche all'interno del nucleo familiare.

Varie le reazioni del mondo politico all'ordinanza, tra l'altro interlocutoria, della Cassazione. Per Rocco Buttiglione (Udc) «gli ermellini non devono legiferare usurpando il Parlamento», mentre per Donatella Poretti (Pd) «è ora che il Parlamento superi questo retaggio patriarcale e ratifichi l'uguaglianza tra uomo e donna». Il vicepresidente della Camera ed ex ministro per la Famiglia, Rosy Bindi, ha annunciato un disegno di legge a sua firma che supera ogni forma di discriminazione familiare.

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
22 maggio 2010
21 maggio 2010
21 maggio 2010
20 maggio 2010
20 aprile 2010
 
Gli esperti del ministero rispondono a tutti i dubbi sugli incentivi
La liquidazione: rimborsi e debiti
I redditi da dichiarare
La salute e gli altri sconti
La famiglia e la casa
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-