ILSOLE24ORE.COM > Notizie Economia e Lavoro ARCHIVIO

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
La Laurea prenota il posto veloce
di Cristiano Dell'Oste


Un investimento, una scommessa e una sfida con se stessi. La scelta del corso di laurea Ŕ tutte queste cose insieme. Frequentare l'universitÓ, infatti, significa dedicare tempo, energie e denaro alla propria formazione. Per poi raccogliere sul mercato del lavoro quanto seminato nelle aule. Sapendo che — a paritÓ di posizione lavorativa e al di lÓ delle differenze tra le aree disciplinari — la laurea si conferma un valido acceleratore di carriera.
I percorsi
La Guida all'universitÓ del Sole-24 Ore del lunedý anche quest'anno offre una bussola tra i 5.385 corsi di laurea proposti dagli atenei italiani (2.991 di primo livello e a ciclo unico e 2.394 magistrali).
Per ogni area tematica vengono presentate le novitÓ dell'offerta didattica e le tendenze del lavoro, mentre le pagine centrali di questo inserto riportano tutti i corsi attivati nell'anno accademico 2007-08, raccolti direttamente dalle universitÓ italiane.
Rispetto ai 5.396 corsi del 2006-07, l'offerta degli atenei Ŕ rimasta praticamente invariata (-0,2%) con una una inversione di tendenza rispetto al +4% dell'anno precedente. La riduzione dei corsi, in particolare, si concentra tra le lauree di primo livello e a ciclo unico (-1,4% rispetto all'anno accademico 2006-07), mentre aumentano le lauree magistrali (+1,4%).
La riforma
Una parte del mondo universitario, dunque, ha anticipato — o quanto meno non ha contrastato — la riforma delle classi di laurea. Un intervento che intende combattere l'eccessiva frammentazione didattica, riducendo il numero delle classi e, quindi, dei corsi di laurea, rafforzando i contenuti fondamentali in modo da "scartare" le proposte deboli.
Le novitÓ normative partiranno dal 2008-09 e saranno attuate gradualmente nell'arco di un triennio (anche se Ŕ difficile non immaginare qualche contraccolpo "in corso d'opera" per chi si iscrive ora). I decreti registrati il 5 giugno dalla Corte dei conti fissano il numero massimo di esami per arrivare alla laurea (20 per la triennale e 12 per la magistrale) e definiscono i contenuti di ogni classe.
Tra le novitÓ degli ultimi mesi c'Ŕ anche la nota che il ministero ha inviato il 16 maggio a tutte le universitÓ, per precisare quanti crediti formativi si possono concedere a seguito del riconoscimento delle abilitÓ professionali degli iscritti. Il limite di 60 crediti, peraltro previsto per legge — precisa — si applica giÓ dal 2006-07 e le stesse competenze possono essere conteggiate per un solo corso di laurea. Un invito che suona come uno stop ai cosiddetti "laureifici".
Martedý scorso, infine, Ŕ stato presentato lo Statuto dei diritti e doveri degli studenti universitari, piccola costituzione che contiene diritti e doveri della comunitÓ studentesca, con particolare attenzione alle misure per il diritto allo studio.
Gli iscritti
In attesa della riforma, nei prossimi giorni 497mila studenti delle scuole superiori — 12mila in pi¨ che nel 2006 — affronteranno l'esame di Stato. Le statistiche indicano che circa il 70% di loro si iscriverÓ a un corso di laurea. E come ogni anno, per tutti i ragazzi che non hanno ancora deciso, le ansie della maturitÓ lasceranno il posto ai dubbi sulla scelta universitaria.
Secondo le statistiche del ministero, quasi il 25% dei 325mila ragazzi che si sono immatricolati al primo anno nel 2006 ha scelto tre classi di studio: scienze dell'economia e della gestione aziendale, giurisprudenza e ingegneria industriale. Segno che gli insegnamenti tradizionali continuano a essere molto frequentati, anche se i corsi nuovi si stanno ritagliando uno spazio crescente.
Quanto al lavoro, le ultime indagini sulla condizione occupazionale confermano l'elevata richiesta di laureati in ingegneria, architettura ed economia, mentre — tra le lauree umanistiche — recupera terreno il gruppo letterario e perdono quota psicologia e lingue. Tuttavia, le considerazioni occupazionali non possono mai essere l'unico elemento su cui basare la propria decisione. Su questo i docenti e gli esperti di selezione del personale sono d'accordo: interessi, attitudini e passioni vanno sempre ascoltati.

80
I quesiti delle prove
Per le lauree specialistiche a ciclo unico di medicina e chirurgia, odontoiatria e medicina veterinaria le domande sono preparate da una commissione ministeriale. Le prove durano circa due ore con un tempo per domanda di circa un minuto e mezzo.
Le novitÓIl voto di maturitÓ
In caso di pari merito da quest'anno si tiene conto del voto dopo gli esami di stato
Odontoiatria
Da quest'anno la graduatoria non Ŕ pi¨ su base nazionale


Le date dei test di ammissione
3 settembreArchitettura e corsi finalizzati alla professione di architetto
4 settembreMedicina e chirurgia
5 settembreOdontoiatria e protesi dentaria
6 settembreMedicina veterinaria
10 settembreProfessioni sanitarie
11 settembreScienze della formazione primaria
24 ottobreProfessioni sanitarie: corsi di laurea specialistica/magistrale


RISULTATI
0
0 VOTI
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.

 
   
 
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
6 maggio 2010
6 maggio 2010
6 maggio 2010
6 aprile 2010
6 maggio 2010
 
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati

-Annunci-