ILSOLE24ORE.COM > Notizie Sport ARCHIVIO

Taci offre 700 milioni, ma per
Fininvest il Milan non si vende

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
7 ottobre 2009
Plus24 /Taci «Pronto a comprare il Milan »
SONDAGGIO / Vendere sì o no
Commenta

Il Milan non è in vendita. Lo ha ribadito la Fininvest «in relazione alle ripetute indiscrezioni di stampa». «La Fininvest si vede costretta ancora una volta a smentire, nel modo più perentorio e assoluto, che esista alcuna ipotesi di vendita, anche parziale, di quote della società Ac Milan», afferma la nota.

La smentita è arrivata a seguito della maxi offerta da 700 milioni (poco meno del risarcimento da 750 milioni che la holding della famiglia Berlusconi dovrebbe pagare a alla Cir di Carlo De Benedetti dopo la sentenza sul Lodo Mondadori, anche se la stessa Fininvest può contare su 2,5 miliardi tra liquidità, valore degli asset cedibili e dividendi, come descritto con dovizia di particolari sul Sole 24 Ore di oggi) del petroliere albanese Rezart Taci.

Della questione aveva già scritto sabato scorso Plus24, il settimanale di finanza e risparmio del Sole 24 Ore. «Ho già parlato con Berlusconi - ha ribadito Taci oggi in un'intervista alla Gazzetta dello Sport - della mia idea di acquistare il Milan. Lui m'ha detto che non intende vendere, ma so che se entrasse in quest'ordine prenderebbe in esame la mia proposta. Stiamo parlando del presidente che ha vinto più di tutti al mondo, una storia irripetibile. È anche vero però - prosegue l'imprenditore 38enne - che il Milan forse non è più strategico come una volta nel gruppo. Costa 700 milioni? Non c'è problema, il mio gruppo è abituato a prendere impegni rilevanti e a portarli a termine. E un'idea vincente come questa non può che trovare consensi. Perciò sono sicuro di poter avere i finanziamenti necessari».

Taci, dopo essere stato vicino all'acquisto del Bologna, punta quindi a diventare il proprietario del club più titolato al mondo. «Garantisco che farei di tutto per tenere il Milan dove merita: in cima al tetto del mondo. Fosse per me Silvio Berlusconi dovrebbe rimanere un punto di riferimento per il Milan, come Galliani. Io - continua Taci - sono aperto a qualsiasi soluzione. Sia che mi lascino solo una quota di minoranza oppure che scelgano di restare con una quota minoritaria. In ogni caso li coinvolgerei nel nuovo corso». Taci è soprattutto un tifoso rossonero: «Sono milanista dal '90, grazie alla tv. Van Basten è stato il mio primo idolo. Da tifoso sono triste per la cessione di Kakà, ma da imprenditore - conclude - capisco i problemi del club».

7 ottobre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio


L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.
 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
10 maggio 2010
8 maggio 2010
8 maggio 2010
7 maggio 2010
7 maggio 2010
 
Ormezzano: «Il ciclismo è cambiato come è cambiato l'uomo»
Zomegnan: «Il Giro è la corsa più controllata della storia del ciclismo»
Le immagini del primo "titulo"
L'arrivo dei giocatori dell'Inter a Malpensa (di Sandro Cobelli)
La festa dei nerazzurri a Malpensa
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-