ILSOLE24ORE.COM > Notizie Cultura e Tempo libero ARCHIVIO

Le Memorie controcorrente del cardinale Biffi

di Giovanni Santambrogio

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
26 ottobre 2007

"Il mondo è pieno di imbecilli che pubblicano le loro memorie". La provocazione è forte e fa strage di tanti libri. Giacomo Biffi quel giudizio lo ha letto molti anni fa e non l'ha più dimenticato. Oggi dà alle stampe i suoi ricordi. Una sfida, ma non sarà l'ultima di un uomo controcorrente. Milanese, 79 anni, arcivescovo emerito di Bologna, cardinale voluto da Papa Wojtyla nel maggio 1985, scelto quest'anno da Ratzinger per predicare gli esercizi quaresimali alla Curia romana, Biffi scrive che "ricordare bisogna. Il principio è assoluto. Vale per ogni età della vita: chi non ricorda non può nemmeno pensare. Di tutti i campi dell'esistenza che abbiamo tentato di conquistare o almeno di percorrere e segnare in qualche modo, la memoria è il solo ‘dominio' che ci è rimasto (ed è anch'esso in pericolo, perciò va tenuto in esercizio fin che si può)".
Uomo di sottile umorismo, grande lettore di Chesterton, non si spaventa delle critiche che gli possono arrivare. La schiettezza è un valore legato alla verità. La scelta di raccontare non ha nulla di narcisistico, ma risponde a un dovere: offrire il proprio contributo all'interpretazione corretta della storia. Troppe censure sono state compiute e si perpetuano ancora. Chi poi esprime una fede non trova facili consensi, si misura con le manipolazioni, i travisamenti o con il grande silenzio. Raccontare diventa un impegno civile e morale. Anche da questo nasce il titolo Memorie e digressioni di un italiano cardinale e non di un cardinale italiano perché "la mia identità nazionale ha preceduto di molti anni il mio ingresso nel Sacro Collegio. E mi preme anche sottolineare che io sono italiano non per i meriti del conte di Cavour o del Comitato di liberazione nazionale (Cnl), né in grazia della Costituzione repubblicana. Io sono italiano perché sono italiano; e nessuno può farci niente, nemmeno io". Insomma l'italianità è qualcosa di antecedente e di eccedente. Il cardinale non si smentisce. E sempre lui, in prima fila con la porpora in testa ad alzare la bandiera dell'identità, a parlare di laicità e a invocare la libertà perché "in quanto italiano ho, come tutti, il diritto di dire quello che voglio". Mostra i muscoli il cardinale, non per fatue polemiche ma per difendere un diritto di espressione che , se a parole viene proclamato, spesso si nega anche senza ricorrere alla violenza.
Questa coscienza di offrire i fatti porta Biffi a raccontare attraverso il suo privilegiato osservatorio più di mezzo secolo di storia italiano dove si incrociano episodi ecclesiali e politici tuttora aperti come il Concilio Vaticano II, il referendum sul divorzio, la legge sull'aborto, la tragedia di Aldo Moro, lo scontro Dc-Pci, la cultura della rossa Emilia-Romagna, il terrorismo, l'immigrazione (si vedano gli stralci che anticipiamo).
Le Memorie, edite da Cantagalli, offrono giudizi precisi e scomodi come quelli su Giuseppe Dossetti e i dossettiani, o sulla famiglia dello statista democristiano ucciso dalle Br: "I familiari di Aldo Moro, chiusi nel loro dolore e nel loro rancore (un rancore rivolto non a coloro che avevano compiuto il misfatto, ma allo Stato italiano) non parteciparono al rito. Il loro dolore meritava ogni considerazione e ogni rispetto, ma il loro rancore in quella circostanza li ha mal consigliati. Li ha indotti a disertare quel doveroso appuntamento; e così non hanno avuto modo di dimostrare davanti a tutti la gratitudine al Vicario di Cristo, che pure aveva usato verso il loro caro e verso di loro ogni affettuosa attenzione".
Seicento pagine dove fatti e valutazioni sulla Chiesa, sull'Italia, sulla politica si susseguono con un rigore intellettuale e una franchezza umana insoliti. Il cardinale si conferma uomo sempre scomodo e indomito nel sollevare domande ritenute impertinenti dagli intellettuali e dall'establishment.
Giacomo Biffi,
Memorie e digressioni di un italiano cardinale
,
Cantagalli editore, Siena, pagg. 636, euro 23,90

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
7 maggio 2010
 
Aguilera ambasciatrice contro la fame
La consegna dei David di Donatello
Man Ray a Fotografia Europea
Elegante e brutale. Jean-Michel Basquiat alla Fondation Beyeler di Basilea
"World Press Photo 2010". Fotografie di autori vari
 
 
dal 25 al 28 settembre 2014
1 Lucy 2557852   
2 Tartarughe Ninja 2906958   
3 La buca 374960   
4 Sex Tape - Finiti in rete 2474582   
5 Pongo il cane milionario 284560   
6 Posh 248731   
7 Colpa delle stelle 5077680   
8 L'incredibile storia di WInter il delfino 2 233977   
9 La preda perfetta - A Walk Among the Tombstones 748887   
10 Anime nere 523632   
tutti i film nelle sale » tutti i dettagli »

Trovo Cinema

Scegli la provincia
Scegli la città
Scegli il film
Tutti i film
Scegli il cinema
Tutti i cinema
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-