ILSOLE24ORE.COM > Notizie Cultura e Tempo libero ARCHIVIO

Libri / «Il megafono spento» di George Saunders

di Giorgio Fontana

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
18 marzo 2009

Il megafono spento è un florilegio di articoli e interventi da parte di uno degli scrittori più interessanti del panorama statunitense. La scelta è molto ricca: si va da alcuni reportage à la Foster Wallace (in particolare "La nuova Mecca", su Dubai) a piccoli saggi pop sulla letteratura, come l'introduzione a Huckelberry Finn di Twain o la lettura analitica di un racconto di Barthelme.

Ma è l'articolo che apre il volume, "L'uomo col megafono", a valere da solo l'acquisto. In una manciata di pagine, Saunders analizza da un punto chirurgicamente lo stato medio dell'informazione americana (e internazionale). Il simbolo di questa situazione è appunto la tendenza a "megafonizzare" ogni cosa: il contenuto ha sempre meno importanza, mentre la massima cura viene rivolta all'intensità della comunicazione.

Per questo fenomeno Saunders fornisce anche una spiegazione molto economica, e dunque ancora più agghiacciante. Non c'è alcuna Eminenza Grigia che controlla l'informazione: "solo un gruppo di persone provenienti da ottime università, che realizzano il loro sogno e si vergognano un po' del servizio sulla cacca di cane proprio mentre si assicurano che la messa in onda sia puntuale e tecnicamente impeccabile". Perché? Per sopravvivenza. Perché il mondo gira così. Perché l'informazione è ormai strettamente legata alla necessità di guadagno, e bisogna restare nel giro.

È interessante notare come questo saggio sia in qualche modo un apripista e una dichiarazione di intenti per il resto del libro. Lo spirito analitico lì invocato viene infatti ripetuto in tutti gli altri articoli, anche in quelli in apparenza più disimpegnati. A questa attenzione al particolare e alla volontà di penetrare la superficie, si unisce la carta vincente di Saunders: la profonda visione satirica del mondo. E come in ogni buona satira, l'autore spegne la modalità risata nel momento giusto: quando deve trasformarsi in riflessione, in battaglia per la verità. E "questa battaglia", scrive l'autore, "come ogni grande battaglia morale, sarà vinta, se lo sarà, non con una comoda ondata correttiva di Moralismo, ma con delle piccole dosi di specificità e aplomb e logica sensata".

Il megafono spento
di George Saunders
Minimum Fax
pagg. 222, 14 euro

18 marzo 2009
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio


L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.
 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
7 maggio 2010
 
Aguilera ambasciatrice contro la fame
La consegna dei David di Donatello
Man Ray a Fotografia Europea
Elegante e brutale. Jean-Michel Basquiat alla Fondation Beyeler di Basilea
"World Press Photo 2010". Fotografie di autori vari
 
 
dal 13 al 16 Ottobre 2016
1 Pets - Vita da Animali 4579330   
2 Café Society 2518879   
3 Alla ricerca di Dory 14152078   
4 Bridget Jones's Baby 4999594   
5 Mine 597342   
6 La verità sta in cielo 589429   
7 Deepwater - Inferno sull'Oceano 537069   
8 Al posto tuo 992859   
9 Ben-Hur 836723   
10 I magnifici sette 1630774   
tutti i film nelle sale » tutti i dettagli »

Trovo Cinema

Scegli la provincia
Scegli la città
Scegli il film
Tutti i film
Scegli il cinema
Tutti i cinema
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-