ILSOLE24ORE.COM > Notizie Cultura e Tempo libero ARCHIVIO

Calder: l'arte appesa a un filo

di Damiano Laterza

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
30 ottobre 2009

Alexander Calder, colui che eliminò i piedistalli e lasciò le sculture libere di fluttuare, il protagonista assoluto dell'autunno romano grazie alla ricca retrospettiva che il Palazzo delle Esposizioni gli dedica.
Questo genio americano iconoclasta, figlio e nipote di scultori, operò infatti in una modalità talmente ludica che finì inevitabilmente con l'innovare - e per sempre - l'universo stantio dell'arte come forma tangibile. Fu il primo artista americano ad avere una dimensione internazionale. Fu il primo a introdurre il movimento come costante.
Fu il primo, vero, cantore dell'età del ferro. Curioso destino per Alexander Calder, che abiurò la civiltà della tecnica: era ingegnere ma smise presto di esercitare per mettersi a fare l'artista e si rifugiò in un circo.
La gente pensa che i monumenti debbano ergersi dal terreno, mai dal soffitto, ma i mobiles possono essere anche monumentali disse, nel 1969.
Nel novecento delle avanguardie e delle tribolazioni, lui, americano tipico, procedette per sottrazioni. Levò massa, volume, plasticità, peso gravitazionale. Cosa restò? L'anima dell'arte. I mobiles (intitolati così da Marcel Duchamp, che li definì l'accalappiacani del vento) nascono quando Calder visita il caotico (in senso geometrico) studio del pittore olandese Piet Mondrian e decide che quelle forme non possono - e non devono - rimanere bidimensionali.
Così la scultura esce dalla tradizione e Calder muta un linguaggio che era fermo al tempo di Fidia.
Definirlo minimal, però, sarebbe come fargli un torto, perché questo scultore dell'aria fonde il circo francese basato sul valore degli artisti - con quello americano incentrato sulla spettacolarità. Nella cultura francese il circo vertigine mortale, l'assillo della caduta, metafora del destino tragico d'artista. Calder ribalta tale prospettiva in chiave ottimistico-americana: il volo, più che la caduta, ad attrarlo. Insieme ad una sorta di non-senso clownesco che pervade il tutto: la gratuità, lassenza di significato e il vuoto sono caratteristiche portanti delle opere di Calder. Le stesse che permettono di attribuire a tali, curiosi manufatti, un ventaglio illimitato di significati. Su tutto la costruzione di uno spazio inenarrabile di levità.
Come nel Big Red, del 1959: geometria e monocromatismo da contemplare, contro il logorio della vita moderna. Little spider, del 1940: una sorta di danza astrale dal grande impatto emotivo. Glass Fish, del 55: natura e artefatto si fondono per mezzo della lirica.
Calder produce un infinito senza dimensioni ove l'illimitatamente grande e l'immensamente piccolo convivono, pacifici, dispensando straniamento e plasticità concettuale in ogni dove. La maquette del Teodelapio (1962), ad esempio, un capolavoro del bilanciamento architettonico-formale: rappresenta la genesi della celebre scultura en plein air di Spoleto (l'unico stabile monumentale di Calder in Italia) a proposito della quale l'artista scrisse: La gente continua a vederci un riferimento fallico. Sinceramente non pensavo a questo quando l'ho ideata.
Disinteressato al delirio interpretativo che pervade la produzione artistica dei suoi contemporanei, Calder arriva a provare quasi ribrezzo per le manierate forme della statuaria classica, così ferme, inchiodate a terra come fossero prigioniere di un destino ineluttabile di noia. L'aspetto lugubre di un'opera simile abolito dal mio vocabolario di scultore avrebbe detto, il nostro, innanzi allo Schiavo che si desta di michelangiolesca fattura.
La mostra di Roma ricca di tutte le opere più celebri, ed un bel vedere. Perché Calder anticipò la performance art di almeno quattro decadi e fu creatore di universi nei quali ogni elemento può muoversi autonomamente, oscillando in libertà e facendo spostare gli altri elementi. La conseguenza che la forma complessiva del tutto diviene soggetta al continuo mutamento e può assumere infiniti aspetti. Lo spettatore, così, travolto da un qualcosa che non s'immagina neanche lontanamente: ci si sente catapultati in una profondità onirica infantile che, da un punto di vista delle percezioni, potrebbe essere descritta come una sorta di ritorno all'utero.
Sospendendo l'arte, Calder le diede, dunque, il soffio vitale, cio la rese abile a generare da se stessa.
I ritratti in fil di ferro, poi, non s'erano mai visti prima.
Questo ferro lieve, leggero. Questo ferro che forse un giorno arrugginirà.
Per intanto brilla, ipnotico, di poetiche e infinite illusioni.

Alexander Calder
Palazzo delle Esposizioni, Roma
fino al 14 febbraio 2010
http://www.palazzoesposizioni.it

30 ottobre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio


L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.
 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
7 maggio 2010
 
Aguilera ambasciatrice contro la fame
La consegna dei David di Donatello
Man Ray a Fotografia Europea
Elegante e brutale. Jean-Michel Basquiat alla Fondation Beyeler di Basilea
"World Press Photo 2010". Fotografie di autori vari
 
 
dal 10 al 13 aprile 2014
1 Noah 2665566   
2 Grand Budapest Hotel 733047   
3 Captain America - The Winter Soldier 6050774   
4 Un matrimonio da favola 594113   
5 Divergent 1737197   
6 Storia di una ladra di libri 2793075   
7 Oculus - Il riflesso del male 402978   
8 Nymphomaniac - Vol. 1 632131   
9 Mr. Peabody e Sherman 3201236   
10 Ti ricordi di me? 729834   
tutti i film nelle sale » tutti i dettagli »

Trovo Cinema

Scegli la provincia
Scegli la città
Scegli il film
Tutti i film
Scegli il cinema
Tutti i cinema
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-