ITALIA

 
 
 

 
HOME DEL DOSSIER

19 Aprile 2010

18 aprile 2010

17 Aprile 2010

16 Aprile 2010

15 Aprile 2010

14 Aprile 2010

13 Aprile 2010

12 Aprile 2010

11 Aprile 2010

10 Aprile 2010

9 Aprile 2010

8 Aprile 2010

7 Aprile 2010

6 Aprile 2010

4 Aprile 2010

3 Aprile 2010

2 Aprile 2010

1 Aprile 2010

31 Marzo 2010

30 Marzo 2010

29 Marzo 2010

28 Marzo 2010

27 Marzo 2010

26 Marzo 2010

25 Marzo 2010

24 Marzo 2010

23 Marzo 2010

22 Marzo 2010

21 Marzo 2010

20 Marzo 2010

19 marzo 2010

18 Marzo 2010

17 Marzo 2010

16 Marzo 2010

Un topolino non farÓ primavera

di Fabrizio Forquet

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
Sabato 20 Marzo 2010

La mente va alla storia del topolino e della montagna. Mesi di trattative all'interno del governo, impegni roboanti da parte di alcuni ministri, confronto serrato con le parti sociali: ma alla fine per il sistema delle imprese Ŕ difficile sfuggire alla delusione. Il decreto incentivi varato ieri dal governo Ŕ un topolino piccolo, troppo piccolo per un paese che ha bisogno di stimoli vigorosi per rimettersi con decisione sul cammino della crescita.

L'anno scorso, di questi tempi, l'apparato produttivo italiano potŔ contare su incentivi per 900 milioni. Un'aspirina rispetto ai piani plurimiliardari di rilancio di altri paesi. Dodici mesi dopo, e con quasi 80 miliardi di Pil bruciati alle spalle, si riparte oggi da uno stanziamento tre volte inferiore.

╚ certamente positivo che a beneficiarne siano pi¨ settori industriali, ma molti sono rimasti fuori. Tra questi alcune produzioni strategiche del made in Italy come i mobili, tanto che Ŕ difficile sfuggire alla sensazione che talune opzioni dell'ultima ora siano state condizionate pi¨ dalle urne imminenti che da una obiettiva scala di prioritÓ. La dote complessiva dell'intervento si Ŕ talmente ristretta, da garantire poco pi¨ di un rivolo d'acqua anche a chi Ŕ rientrato nella selezione. Questo significa che i consumatori e le imprese non avranno certezza di poter contare sugli incentivi per tutto l'anno. Con il rischio di determinare uno squilibrio temporale nella domanda e conseguenze negative sull'andamento del mercato.

Il governo fa bene a prestare attenzione alla tenuta dei conti. Questo giornale ha riconosciuto per primo i meriti del ministro Tremonti nel tener ferma la barra del rigore: allora non era di moda, oggi Ŕ giudizio condiviso. Ora per˛ serve di pi¨. E non Ŕ solo questione di incentivi.

Si prenda il settore delle costruzioni. Un comparto chiave per la crescita del Pil italiano. ╚ dall'inizio della legislatura che, a colpi di delibere Cipe e fondi Fas, il governo ha periodicamente annunciato l'impegno di cifre da capogiro in opere pi¨ o meno grandi. Ma Ŕ di questi giorni la notizia che i costruttori italiani stanno preparando una serie di manifestazioni per protestare contro il mancato adempimento agli impegni presi.

Per il settore edile sarÓ utile lo snellimento burocratico per i lavori nelle abitazioni varato ieri, ma anche su questo gli annunci di quasi un anno fa facevano presagire ben altro. Pesa la previsione, contenuta nel programma di stabilitÓ elaborato dal ministero dell'Economia, di una contrazione della spesa pubblica in conto capitale - cioŔ degli investimenti produttivi - di 8,3 miliardi a fronte di una crescita della spesa corrente di 46 miliardi.

Tra una settimana il paese andrÓ a votare. Si eleggono i consigli regionali, e come Ŕ triste prassi in Italia il sistema politico si avvia all'appuntamento in un clima da apocalisse. ╚ encomiabile il Capo dello Stato, nel suo ripetuto appello a tenere bassi i toni polemici e a confrontarsi sui temi che davvero interessano il paese. Lavoro e sviluppo, sviluppo e lavoro: tutti i sondaggi mettono queste due prioritÓ in testa alle preoccupazioni degli italiani. E' purtroppo certo che fino al 29 marzo si continuerÓ a parlar d'altro.

Subito dopo, per˛, sarÓ bene che tutti ripartano da quegli assi divergenti della spesa pubblica per invertirne il senso. Se la spesa per lo sviluppo non tornerÓ a salire, la sola domanda internazionale non potrÓ bastare a dare forza al sistema produttivo, con i suoi lavoratori e le sue imprese. Ridefinizione delle prioritÓ della spesa pubblica, infrastrutture, un fisco meno oneroso, pensioni e welfare, servizi pubblici locali, educazione, innovazione, start up e ricerca: c'Ŕ un cantiere di riforme che va avviato senza perdere tempo. ╚ su questa prova che governo e maggioranza saranno chiamati a dare un senso alla legislatura.

Sabato 20 Marzo 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio

L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER
Effettua il login o avvia la registrazione.
 
 
 
 
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-