ArtEconomy24

Parigi, Piasa batte con successo i libri della biblioteca Tissot-Dupont

Collezionare

Parigi, Piasa batte con successo i libri della biblioteca Tissot-Dupont

Tra le vendite che hanno caratterizzato a ottobre il mercato collezionistico parigino che da tempo gode di una grande vivacità, l'asta di Piasa del 18 e 19 ottobre di libri e manoscritti della biblioteca Tissot-Dupont ha confermato il grande successo internazionale del mondo libraio antiquariale francese. L'asta, che ha fatturato 2,7 milioni di euro con l'80% dei lotti venduti, ha visto la partecipazione non solo di collezionisti francesi e di istituzioni francesi, ma anche di collezionisti belgi, italiani e americani, quest'ultimi – come evidenziato nella prima edizione del Tefaf di New York - cominciano a comprendere che il libro antico è un'opera d'arte che va valorizzata e collezionata.

Come ha dichiarato ad ArtEconomy24 il curatore della stessa vendita, Jean-Baptiste De Proyart: “il mercato del libro da collezione è sicuramente internazionale, il numero dei collezionisti è in crescita a volte in modo più rapido, a volte meno, ma comunque gode sempre di una richiesta per le opere più belle e rare”.

La vendita della collezione Tissot-Dupont comprendeva un eccezionale insieme di più di 500 libri e manoscritti antichi e moderni di autori a partire dal XV al XX secolo, suscitando un interesse che si è tradotto in un'accesa competizione al rialzo. Il museo Arthur Rimbaud de Charleville ha coraggiosamente presentato una prelazione per le prove corrette di un articolo di Paul Verlaine sullo stesso Rimbaud apparso negli Hommes d'aujourd'hui, confermando la sua politica d'acquisizione ormai seguita da lungo tempo. Un'altra prelazione, pari a 7.730 euro, è stata presentata dalla Biblioteca nazionale di Francia per Le Temple de Gnide suivi d'Arsace et Isménie di Charles Louis de Secondat Montesquieu, Parigi, edizione Didot Painé, 1796, uno dei libri più belli illustrati con incisioni a colori del XVIII secolo.

La collezione era formata da due biblioteche, di Lucien e di suo figlio André, entrambe si sviluppano nel corso della storia della società di famiglia ST Dupont che fabbrica i celebri accendini e le celebri stilografiche con lo stesso nome. Tutti i libri che costituiscono questa doppia collezione sono stati scelti con cura da André Tissot-Dupont e da suo padre nel corso di mezzo secolo, dal 1950 al 2000, acquistandoli presso le migliori librerie parigine dell'epoca e presso le case d'asta (tra le librerie parigine frequentate dai due collezionisti e ancora oggi esistenti, santuari per gli appassionati del settore, Piasa segnala la libreria Chamonal, al 9 di rue Drouot, la libreria Jean-Baptiste De Proyart, al 21 di rue Fresnel, e la libreria Forgeot al 9 di rue de l'Odéon).

Tra i pezzi più importanti della collezione e top lot della vendita, l'insieme delle tre grandi opere di letteratura erotica di Alfred de Musset del 1833, Gamiani (o Une Nuit d'excès), con le celebri litografie di Deviera, venduto per 208mila euro. La terza edizione dell'incunabolo Le Rommante de la Rose di Guillarme de Lorris e Jean de Meung, edizione di Lione del 1487, è stata venduta per 95.400 euro. L'esemplare delle Fables choisis mises en vers par Jean de la Fontaine e illustrato da Oudry, edito a Parigi da Desaint & Saillant nel 1755-59 è stato venduto per 76mila euro. I tre preziosi manoscritti di Jean-Baptiste Hanet detto Clery, valletto di camera di Luigi XVI, pubblicati a Vienna nel 1797, Journal de ce qui s'est passé à la Tour du Temple pendant la captivité de Louis XVI, Roi de France, sono stati aggiudicati per 54mila euro (il giornale di Clery è uno dei testi più fulminanti della letteratura rivoluzionaria e mette in scena un momento tragico della storia francese, la presa delle Tuileries, dal 10 agosto 1792 al 21 gennaio 1793). Un esemplare dell'enciclopedia Les Français prints par eux-mémes di Honoré de Balzac disegnata da Paul Gavarni è stato venduto a 62.700 euro (quest'enciclopedia morale del XIX secolo comprende 14 volumi, 67 disegni, di cui alcuni firmati da Gavarni). La prima edizione collettiva delle opere complete di Chateaubriand di 31 volumi assieme a un volume La Vie de Rancé e da 12 volumi Les memoires d'outre-tombe dello stesso autore, edizione Parigi Ladvocat 1826-1831, per un totale di 44 volumi, ha realizzato 45.115 euro triplicando la sua stima minima.

© Riproduzione riservata