ArtEconomy24

Sotheby's: i cinesi fanno breccia nel Cda dopo accordo con…

Arte e Finanza

Sotheby’s: i cinesi fanno breccia nel Cda dopo accordo con l’azionista Taikang Insurance Company

Settimana intensa per Sotheby’s (BID: + 3,31% a 36,55 dollari). Dopo la comunicazione dei risultati del terzo trimestre 2016, che hanno registrato una perdita superiore alle stime del consensus, la casa d’asta ha annunciato un altro ingresso strategico questa volta nel consiglio di amministrazione con la nomina dell'uomo d'affari e collezionista di arte cinese Linus Wing Lam Cheung, per diversi anni ceo del gruppo Hong Kong Telecom e ora in pensione.

La nomina di Cheung fa parte degli accordi siglati nel mese di settembre con il nuovo e “potente” azionista della casa d'aste, la compagnia di assicurazione cinese Taikang Insurance Company, diventata il più importante azionista della casa d'asta con in portafoglio il 13,5% delle azioni. Sotheby’s e Taikang avevano siglato un accordo per avviare la ricerca di un amministratore indipendente e allo stesso tempo, Taikang ha concordato con Sotheby's di non aumentare la partecipazione fino al termine delle selezione. La nomina di Cheung ha di fatto messo d'accordo entrambe le parti e, secondo quanto dichiarato dalla casa d'asta, Taikang ha accettato di non aumentare la quota di partecipazione oltre il 15% per un periodo di tre anni.

In settimana, il ceo Tad Smith ha dovuto affrontare un altro problema, le dimissioni immediate di Gabriela Palmieri, Chairman for Americas Contemporary Art, a pochi giorni dall'avvio delle aste a New York. Top secret sulle ragioni dell'uscita. Palmieri, in Sotheby's da 16 anni, era stata promossa chairman solo sei mesi prima. Nella sua carriera in Sotheby's aveva ricoperto diversi ruoli e tra le varie operazioni il suo intervento è stato fondamentale nel garantire la consegna dell'opera Sleeping Girl di Roy Lichtenstein (1964), battuta per 44,8 milioni di dollari nell'asta del maggio 2012.

Il ceo Tad Smith, durante la conference call con gli investitori che tuttavia ha avuto luogo qualche giorno prima delle dimissioni di Palmieri, ha rassicurato in merito alle prossime importanti vendite di New York Impressionist & Modern Art Evening Sale (14 novembre) presenta una stima, nel range basso, pari a145,8 milioni di dollari, un valore simile alle tre aste della categoria che si sono tenute nell'anno. Top lot, Edvard Munch, Girls on the Bridge, 1902 con una previsione di prezzo di vendita al di sopra dei 50 milioni dollari. Contemporary Art Evening Sale (17 novembre) presenta una stima, nella fascia bassa pari a 208,6 milioni di dollari. La vendita si aprirà con 25 opere della collezione Steven e Ann Ames, tra cui due monumentali capolavori astratti di Gerhard Richter stimato 20/30 milioni di dollari ciascuno, un autoritratto di Andy Warhol (Fright Wig) della serie del 1986 (stimato 20/30 milioni di dollari), e Brother's Sausage di Jean-Michel Basquiat, un fregio monumentale di sei pannelli, che presenta una stima di 15/20 milioni di dollari.

Le garanzie. Al 4 novembre Sotheby's aveva in circolazione garanzie per un totale di 258,8 milioni di dollari con un'esposizione finanziaria in calo per le offerte irrevocabili per un ammontare pari a 144,2 milioni di dollari. Una parte sostanziale di queste garanzie sono relative alle prossime aste e 2,3 milioni di dollari l'importo anticipato da Sotheby's.

I risultati. Sotheby's ha chiuso il terzo trimestre 2016, come di consueto caratterizzato da un effetto stagionale, con una perdita superiore alle attese degli analisti ma con calo più contenuto del giro d'affari. Nel complesso, la casa d'asta ha riportato una perdita di 54,5 milioni di dollari, rispetto a un deficit di 17,9 milioni di dollari dello scorso anno che configura una perdita per azione pari a 0,78 dollari superiore alle stime degli analisti (0,62 dollari per azione). Migliore delle attese il giro d'affari in calo del 34% a 91,5 milioni di dollari rispetto a una stima pari a 82 milioni di dollari.

Il ceo Tad Smith ha attribuito il calo del volume d'affari delle aste nel terzo trimestre 2016, più che dimezzato a 160 milioni di dollari, alla modifica del calendario e, in particolare, dell'asta di Contemporary Art a Londra che si è svolta nel secondo trimestre del 2016 mentre nel 2015 è stato un appuntamento del terzo trimestre. Tale dinamica ha tuttavia avuto un riflesso positivo a livello di marginalità, che nel trimestre segna un miglioramento dal 15,2% al 21,6%, in quanto l'asta, che include in genere valori più elevati di opere d'arte, genera commissiono inferiori. Per i nove mesi chiusi al 30 settembre 2016 il margine d'asta è aumentato dal 15,3% al 16,5% per effetto del mix di vendita.

Infine, i conti del trimestre hanno registrato un maggior onere per 17,2 milioni di dollari relativi all'acquisizione, nel gennaio di Art Agency, Partners, l'azienda Art Advisory di Amy Cappellazzo. In generale, l'acquisizione dell'attività di consulenza ha portato a “notevoli miglioramenti che vanno dai successi competitivi e a un miglioramento della marginalità delle aste per una maggior focalizzazione sulle vendite private,” ha dichiarato Mike Goss, direttore finanziario di Sotheby's. Il turnover delle private sale nel terzo trimestre è quasi raddoppiato a 167,9 milioni di dollari.

© Riproduzione riservata