ArtEconomy24

ING vende in asta nove dipinti con un rendimento annuo del 13,2% per 46…

arte e finanza

ING vende in asta nove dipinti con un rendimento annuo del 13,2% per 46 anni

Johann Moritz Rugendas (1802-1858), “The Independencia Market, Lima”. Christie's Lotto 150, Topographical Pictures. Londra 15 dicembre 2016
Johann Moritz Rugendas (1802-1858), “The Independencia Market, Lima”. Christie's Lotto 150, Topographical Pictures. Londra 15 dicembre 2016

Lo scorso 15 dicembre Christie’s ha battuto a Londra l’asta Topographical Pictures un appuntamento annuale dove vengono dispersi dipinti che hanno ritratto le grandi epoche di esplorazione e di commerci fino ai tempi moderni. L'asta che si é tenuta il mese scorso ha realizzato un controvalore, comprensivo del buyer premium, pari a 7,7 milioni di sterline e presentava tra i 99 lotti nove dipinti di vedute del Cile e del Perù realizzati dall’artista tedesco del XIX secolo Johann Moritz Rugendas (1802-1858) provenienti dalla collezione di un'istituzione bancaria, l'olandese ING Gorup Nv.
La collezione faceva parte della dote che ING Group NV aveva ricevuto in seguito all’acquisto di Baring Bank, banca d’affari britannica con sede a Londra, seconda merchant bank più antica del mondo (dopo la Berenberg Bank). Nel 1995 la banca era fallita dopo aver subito perdite per 827 milioni di sterline in seguito agli investimenti speculativi realizzati da un dipendente, Nick Leeson che lavorava nella sede di Singapore. All’epoca ING Group NV aveva acquistato la “banca e la collezione” per 1 sterlina.

Rendimento annuo a doppia cifra. Nessuna disclosure da parte della casa d'asta francese che si è limitata ad indicare nelle informazioni sulla provenienza che i lotti appartenevano dal 1970 a una corporate collection. Dalle informazioni sul sito della banca olandese è possibile risalire alla collezione topografica appartenente alla Baring Bank. La serie delle opere vendute in asta erano state acquistate nel 1970 da Sotheby’s ed erano state messe in vendita dall’art dealer Thomas Agnew per un controvalore di 14.000 sterline. In asta il mese scorso i nove dipinti presentavano una stima compresa tra 967.000 e 1,4 milioni di sterline e hanno raggiunto un controvalore di 4,2 milioni di sterline. Un incremento decisamente elevato che configura una crescita media annua del 13,2% nel corso dei 46 anni. Top lot dell’asta, il lotto 150 «The Independencia market», Lima, del 1843, di Johann Moritz Rugendas, che ha segnato il prezzo di 725mila sterline, partendo da una stima compresa tra 150.000 e 250.000 sterline. Secondo indiscrezioni i proventi della vendita saranno reinvestiti nella collezione. L’impegno di ING nelle arti visive è associato all'individuazione di giovani talenti, in particolare con la mostra «Discerning Eye» e un concorso per fotografi emergenti.

© Riproduzione riservata