ArtEconomy24

Sotheby’s potenzia le private sale con un banker

ARTE E FINANZA

Sotheby’s potenzia le private sale con un banker

Sotheby’s è sempre più orientata ad ampliare il suo raggio d'azione per accrescere e fidelizzare nuova clientela. L'ultima mossa che la casa d'asta americana ha messo a segno è stata la nomina di David Schrader come responsabile delle Private Sales per la Divisione Contemporary Art di New York.
Sin qui nulla di nuovo considerato il fatto che Sotheby's in questo ultimo anno ha ampliato l'organico saccheggiando risorse umane, dalle case d'asta rivali, dai musei.
Il nuovo ingresso nello staff ha una expertise ben diversa dalle altre recenti assunzioni: David Schrader collaborerà con Sotheby's dopo circa 20 anni di lavoro a Wall Street, negli ultimi cinque anni come Managing Director di J.P. Morgan e in precedenza, presso Bear Sterns e Credit Suisse.

Nel comunicato stampa della casa d'asta si legge che durante la carriera nel mondo della finanza il signor Schrader: «si è interessato al collezionismo di arte contemporanea e ha sviluppato una raffinata e lungimirante abilità che gli ha permesso di costituire una grande collezione».
David Schrader ha da un lato “sfuttato” il suo interesse per l'arte per assicurarsi nuova clientela per il mondo della finanza e ora, probabilmente, venderà opere d’arte a quegli stessi clienti per conto di Sotheby's.
La sua sensibilità e passione per l'arte contemporanea lo ha portato a costruire a partire dal 1998 una collezione che comprende opere di Josef Albers, Mark Grotjahn, Yayoi Kusama, Sol Lewitt, Gerhard Richter, Ed Ruscha, Rudolf Stingel, Andy Warhol e Christopher Wool.
Tra gli acquisti più significativi di Schrader un dipinto di Richard Prince «Nurse Settlement», acquistato per 60.000 $ nel 2003 in galleria a New York. L'opera è stata poi venduta in un'asta da Christie's realizzando 4,2 milioni di dollari.

© Riproduzione riservata