ArtEconomy24

Ad ARCOmadrid l’arte argentina emergente scelta da Inés Katzenstein

quotazioni artisti argentini

Ad ARCOmadrid l’arte argentina emergente scelta da Inés Katzenstein

Inés Katzenstein curatrice indipendente e direttrice del dipartimento di arte del Departamento de Arte de la Universidad Torcuato Di Tella (UTDT) di Buenos Aires, alla 52ª Biennale di Venezia ha curato il Padiglione dell'Argentina e alla prossima edizione di ARCOmadrid (22-26 febbraio) ha selezionato le 12 gallerie argentine che fanno parte della sezione Argentina Plataforma ARCO.

Come sono state scelte le 12 gallerie?
Ho selezionato una serie di gallerie, al fine di offrire una visione diversa della scena argentina, presentando gallerie giovani, cutting edge, insieme a quelle established con artisti affermati. Mi sono concentrata per la scelta sulle gallerie con un programma forte e coerente in grado di presentare artisti con una spiccata personalità.

Chi sono gli artisti che le gallerie presentano ad ARCOmadrid ?

È difficile da riassumere. Ci sono artisti deceduti che non sono conosciuti in Europa, come Mirtha Dermisache e Ricardo Carreira, artisti mid-career, come Marcelo Pombo ed Elba Bairon, e altri giovani e fiorenti artisti come Sol Pipkin, per esempio. In quasi tutti i casi, sono artisti che non sono conosciuti in Europa e che vale la pena scoprire.

Ci può raccontare brevemente lo sviluppo dell'arte contemporanea e del mercato dell'arte in Argentina negli ultimi decenni?
C'è stata una notevole crescita istituzionale in Argentina dal 1990, con la nascita e il consolidamento di progetti di diversi musei, education e del mercato, tra cui Malba, la Fundación Popa e la fiera ArteBA. Tutto questo, insieme ad un'incredibile e vibrante proposta giovanile dalla quale ha preso slancio la crescita dell'arte contemporanea. Di conseguenza, nuovi collezionisti sono apparsi sia a Buenos Aires sia nelle province, che stanno spingendo dando forza a un mercato storicamente piccolo e fragile.

Quanto è importante il mercato per dell'arte contemporanea in Argentina all'interno e all'esterno del paese?

È un mercato ancora molto piccolo, ma si sta espandendo.

Quali sono gli artisti più richiesti dal mercato?
Tra gli artisti mid-career, l'interesse maggiore è per Jorge Macchi, Pablo Siquier e Matias Duville.

Quali sono i giovani artisti da seguire?
Preferisco non indicare preferenze.

Ci sono artisti sottovalutati che vale la pena di seguire?
Direi che tutti gli artisti sono in una certa misura sottovalutati, ed è proprio per questo che l'invito a partecipare a ARCOmadrid è molto interessante perché ci dà la possibilità di sfoggiare una parte della scena artistica argentina in un contesto diverso di mercato. Il mercato argentino è ancora molto concentrato, per effetto della fragilità dell'economia argentina piuttosto che della qualità delle opere.

Quali sono le tendenze e i temi dell'arte contemporanea argentina?
Forse la permanenza della pittura come area di sperimentazione, l'accento sul materiale, forme e materiali precari.

La scena e la produzione artistica è concentrata solo a Buenos Aires o in altri importanti centri in Argentina?
Ci sono anche altri centri, come Rosario, Cordoba e Tucumán. Ma la maggior parte delle gallerie più importanti è ancora concentrata a Buenos Aires.

© Riproduzione riservata