ArtEconomy24

Il Museion rompe il canone

musei e biennali

Il Museion rompe il canone

TEETH, GUMS, MACHINES, FUTURE, SOCIETY (2017) - Di Lili Reynaud-Dewar  - Still dal video -courtesy: Museion, Bolzano e l'artista
TEETH, GUMS, MACHINES, FUTURE, SOCIETY (2017) - Di Lili Reynaud-Dewar - Still dal video -courtesy: Museion, Bolzano e l'artista

A riaffermare il ruolo delle donne nella storia dell'arte, appena una settimana dopo la Womens' March che ha mobilitato quasi 5 milioni di manifestanti in 673 città del mondo, ci ha pensato il Museion di Bolzano con la personale dell'artista e performer francese Lili Reynaud-Dewar (1975). La mostra, visitabile sino al 7 maggio, intreccia i principi femministi con la questione colonialista ed etnocentrica, e include una nuova opera video girata per l'occasione con le sculture dell'artista, tra grill, ornamenti dentali della cultura rap e r&b, spazzature, e poi tavoli e sgabelli resi inaccessibili dalle dimensioni. Nell'opera, la telecamera segue il corpo nudo dell'artista, dipinto simbolicamente d'argento, mentre improvvisa una delle sue famose danze emancipatorie: un evento irrituale, celebrato tra le pagine ingigantite del famoso «A Cyborg Manifesto» (1985) di Donna Haraway, e mirato a rompere il rapporto del museo con il canone della storia dell'arte che ha lasciato fuori donne e minoranze.

Lili Reynaud-Dewar ha partecipato a numerose biennali e manifestazioni internazionali, tra cui la Biennale di Lione (2007/13), la Biennale di Berlino (2008), la Triennale di Parigi (2012), la Biennale di Marrakech (2013) e la Biennale di Venezia (2015). Ha avuto mostre personali alla Kunsthalle Basel (2010), Le Magasin di Grenoble (2012), il New Museum di New York (2014) e il Contemporary Art Museum Saint Louis (2016) e in altre istituzioni. Ad oggi, il suo lavoro è nelle collezioni museali del Centre Pompidou di Parigi e del Belvedere Museum di Vienna, e tra le gallerie che la rappresentano c'è Emanuel Layr di Vienna, che vende il nuovo video in edizione di 5 a 20mila euro.

© Riproduzione riservata