ArtEconomy24

Torino, Fondazione Crt presenta OGR, un progetto da 90 milioni di euro

Economia e beni culturali

Torino, Fondazione Crt presenta OGR, un progetto da 90 milioni di euro

Sabato 30 settembre le nuove OGR di Torino, riqualificate da Fondazione CRT, apriranno i battenti del Distretto della Creatività e dell'Innovazione, punto d'incontro di mostre, spettacoli, concerti, eventi di teatro e danza, laboratori, start up e imprese innovative. Un luogo che diventa progetto, unico esempio di riconversione industriale in Europa finalizzato a far convivere al proprio interno due anime, quella della ricerca artistica, in tutte le sue declinazioni, e quella della ricerca in ambito tecnologico. L'inaugurazione durerà due settimane finno al 14 ottobre e l'ingresso sarà gratuito per tutte le manifestazioni.

Il grande passo. È il più grande investimento diretto su un unico progetto, pari a 90 milioni di euro, della Fondazione CRT per la crescita e lo sviluppo del territorio. Lo storico edificio a forma di H (in corso Castelfidardo, a pochi metri da Porta Susa, circa 20.000 mq di superficie per 16 metri di altezza su un'area complessiva di 35.000 mq) è stato restaurato e rappresenta il più grande progetto di venture philanthropy oggi in Europa, orientato alla crescita e allo sviluppo economico, culturale e dell'innovazione del territorio. Le opere di riqualificazione hanno coinvolto aziende locali e impiegato più di 100 persone, per circa 300.000 ore complessive di lavoro. Una volta a regime, le OGR creeranno nuova occupazione per oltre 150 posti.

«La Fondazione CRT con il progetto OGR ha messo in campo uno sforzo senza precedenti dal punto di vista economico, progettuale e realizzativo, per fare delle nuove OGR e di Torino un vero e proprio place to go per i prossimi anni – ha affermato il segretario generale Massimo Lapucci, in qualità di direttore generale OGR –. In origine si prevedeva la sola messa in sicurezza della struttura, ma abbiamo scelto di fare di più, di dare concretezza a un'idea più forte e coraggiosa per vision e obiettivi: vogliamo ambire a un progetto unico nel panorama nazionale ed europeo, e richiamare a nuova vita le officine come luogo di ideazione e riparazione per l'arte, la cultura, l'innovazione e la tecnologia. Le nuove OGR saranno un luogo fruibile da tutti, in cui arti e scienze possano essere forgiate e ‘riparate' in modo dinamico».

Centro per le arti e hub dell'innovazione. L'architettura industriale delle OGR ospiterà, in continua rotazione, mostre, spettacoli, concerti – dalla musica classica a quella elettronica – eventi di teatro, danza e arti performative, laboratori, start up, imprese innovative – dai Big Data al gaming – unendo le idee e i valori della creatività con gli strumenti e i linguaggi delle nuove tecnologie digitali. Ad arricchire ulteriormente il quadro, vi sarà un'ampia area dedicata al gusto con un forte legame con la filiera enogastronomica piemontese, pensata per accompagnare i visitatori dalla prima colazione fino al dopo cena.

Centro per le arti visive e performative e, insieme, centro per la ricerca scientifica, tecnologica, industriale, le OGR funzioneranno da vera e propria “cassa di risonanza” per il ricco tessuto delle realtà culturali e produttive del territorio: queste ultime saranno messe in connessione con le eccellenze internazionali, in un processo di scambio e trasferimento di competenze attraverso importanti collaborazioni con i player dell'arte e dell'innovazione.

Un'opera nel grande cortile. Il cortile antistante le OGR ospiterà un'importante opera d'arte contemporanea simbolica, appositamente realizzata per il luogo e ispirata alla sua vocazione industriale e operaia. L'opera, che entrerà formalmente a far parte della collezione di proprietà della Fondazione per l'Arte Moderna e Contemporanea CRT, è stata commissionata a un celebre artista di fama internazionale, di cui non c’è disclosure sul nome, individuato dalla direttrice del Castello di Rivoli e della GAM insieme al Comitato Scientifico della Fondazione per l'Arte.

Un ponte tra Italia e Stati Uniti. Con il supporto dell'Ambasciata degli Stati Uniti, le OGR promuoveranno Best (Business Exchange and Student Training), un programma bilaterale tra Italia e Stati Uniti, sostenuto anche da Fondazione CRT, che offre a laureati e dottorandi di talento under 35 sei mesi di formazione e training nella Silicon Valley. L'obiettivo è di supportarli nello sviluppo di competenze fondamentali per far crescere la loro start up high-tech basata in Italia.

Nei giorni dell’inaugurazione avrà, invece, una doppia valenza, sia espositiva sia sociale, l'allestimento ideato da Patrick Tuttofuoco, artista italiano tra i più stimati della sua generazione, che realizzerà, insieme ai bambini ospiti di CasaOZ, un paesaggio futuristico di 2.500 metri quadri liberamente esplorabile dai visitatori. «Le nuove OGR aspirano a diventare uno dei principali motori dello sviluppo creativo della città di Torino – ha sostenuto il direttore artistico delle nuove OGR Nicola Ricciardi, già assistente curatore di Vincenzo de Bellis per il progetto “Ennesima: una mostra di sette mostre sull'arte italiana” (Triennale di Milano, 2015) e collaboratore di Massimiliano Gioni della 55esima Biennale di Venezia (2013) –. Un centro di eccellenza rivolto in primo luogo al territorio, ma capace di volgere lo sguardo oltre i confini cittadini e di attrarre pubblici, professionalità e partner istituzionali nazionali e internazionali».
Queste intenzioni troveranno una prima concretizzazione durante il periodo di Artissima 2017, quando le OGR torneranno a ospitare una selezione di contenuti del festival di musica avant-pop Club To Club, oltre alla festa ufficiale della fiera d'arte moderna e contemporanea, a quattro anni dall'ultima occasione.

Il programma. Il 3 novembre inaugurerà, inoltre, un importante progetto espositivo organizzato insieme alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, che nel 2017 festeggia i 25 anni della Collezione. Il progetto è firmato da tre curatori d'eccezione: Tom Eccles, direttore del Center for Curatorial Studies del Bard College di New York, Mark Rappolt, redattore capo della prestigiosa rivista inglese Art Review, Liam Gillick, artista di fama internazionale. La mostra ruota intorno alla preziosissima collaborazione e allo scambio con alcune delle più importanti istituzioni museali torinesi, tra cui Museo Egizio, Palazzo Madama, MAO, GAM e Castello di Rivoli, in un gioco di contaminazioni reciproche tra opere d'arte contemporanea e opere dei secoli passati. Ad arricchire ulteriormente il palinsesto della settimana del contemporaneo, il 3 e 4 novembre si terrà la prima edizione del progetto MUSEO VENTUNO, una piattaforma di ricerca sui musei del XXI secolo promossa da AMACI (Associazione dei Musei d'Arte Contemporanea Italiani). In quell'occasione, direttori di museo e key panelists internazionali si incontreranno e confronteranno all'interno del “Duomo”, il cuore e, allo stesso tempo, il luogo del pensiero delle OGR. Tema e titolo del simposio sarà: “I musei alla svolta post-internet”.
A partire da gennaio verrà invece battezzata una nuova declinazione degli spazi, che rimarrà tale per tutto il 2018, e che vedrà le tre navate della Manica nord, dedicata alle arti visive, suddividersi in: una Digital Gallery allestita e gestita da un famoso collettivo di sviluppatori internazionali; una Galleria finalizzata a consolidare il legame storico tra la Fondazione CRT (e, in particolare, la Fondazione per l'Arte Moderna e Contemporanea CRT), la GAM e il Castello di Rivoli; uno spazio di ampio respiro in cui si alterneranno quattro mostre site-specific ad opera di altrettanti artisti di fama internazionale, sviluppate pensando al modello delle commissioni della Tate Modern di Londra.

© Riproduzione riservata