ArtEconomy24

Trattative in corso tra Art Cologne e abc per una nuova fiera a Berlino

Mercato dell'arte

Trattative in corso tra Art Cologne e abc per una nuova fiera a Berlino

A pochi giorni dalla 51ª edizione della fiera Art Cologne (26-29 aprile) e dalla 13ª edizione del Gallery Weekenddi Berlino (28-30 aprile) una news inattesa spiazza il mondo dell'arte tedesco: la società Koelnmesse, che organizza la fiera dell'arte di Colonia, avrebbe interesse nei confronti di abc art berlin contemporary, la mostra di Berlino che da nove anni cerca di porsi come un modello di fiera alternativo in una città in cui, nonostante l'altissimo numero di artisti e gallerie, il mercato dell'arte continua a fare molta fatica.

Appena è trapelata la notizia attraverso una mail che la abc aveva inviato agli espositori e giunta alla stampa, l'ufficio comunicazioni di abc ha mandato un breve comunicato in cui conferma che la fiera si terrà dal14 al 17 settembre sotto il nome di Art Berlin e che sono in corso trattative tra abc e Art Cologne per una nuova fiera a Berlino. Non sono state rilasciate altre informazioni - che dovrebbero arrivare a maggio - se non che la guida della nuova fiera dovrebbe essere assunta da Maike Cruse, direttrice di abc e del Gallery Weekend di Berlino, e Daniel Hug, direttore di Art Cologne. L'idea è di far sì che i due centri più importanti per le gallerie tedesche si sviluppino come due importanti sedi di fiere a lungo termine. Non dimentichiamo che è ancora fresca la notizia dell'acquisizione della fiera di Düsseldorf da parte del gruppo svizzero MCH, che produce Art Basel, che va a fare concorrenza a Colonia.

Il dialogo si è reso necessario anche per il sovrapporsi delle date di Art Cologne e del Gallery Weekend, pure diretto da Maike Cruse e promosso dagli stessi galleristi. Certamente Berlino può beneficiare del forte e radicato collezionismo dell'area del Reno, e Colonia dell'aspetto “hip” di Berlino. La fiera di Berlino l'anno scorso aveva visto il numero degli espositori calare drammaticamente e le vendite rallentare, per cui alcuni espositori avevano parlato di una crisi d'identità. La fiera di Colonia, invece, da quando Daniel Hug ne ha preso la direzione, continua a rafforzarsi anche grazie alla sezione “Neumarkt”, dedicata alle gallerie emergenti.

L'atteggiamento collaborativo - solitamente raro tra le gallerie tedesche - sembra essersi imposto per perseguire uno scopo comune: rafforzare il mercato dell'arte tedesco minacciato dalla nuova legislazione protezionistica del Ministro della cultura Monika Grütters che, con la nuova legge sull'esportazione in Europa, in vigore dal luglio 2016, pone vincoli alle opere con più di 70 anni e prevede la soglia di valore di 300.000 euro per i dipinti.

© Riproduzione riservata