ArtEconomy24

Annunciati i quattro finalisti del Turner Prize 2017

premi e concorsi

Annunciati i quattro finalisti del Turner Prize 2017

Short list artisti Turner Prize 2017, da sinistra Rosalind Nashashibi, Andrea Buttner, Lubaina Himid e Hurvin Anderson
Short list artisti Turner Prize 2017, da sinistra Rosalind Nashashibi, Andrea Buttner, Lubaina Himid e Hurvin Anderson

È stata pubblicata la short list delTurner Prize 2017, e i quattro finalisti sono Hurvin Anderson, Andrea Büttner, Lubaina Himid, Rosalind Nashashibi.
Questa short List è la prima da quando sono cambiate le regole del concorso che hanno rimosso il limite massimo di età di 50 anni. La modifica dei criteri era stata annunciata nel mese di marzo da Alex Farquharson, direttore diTate Britain, che ha assunto l'incarico nel 2015 e presiede anche la giuria del Premio composta per il 2017 da Dan Fox, co-editor atFrieze, Martin Herbert, critico d'arte, Mason Leaver-Yap, Walker Art Center's Bentson Scholar of Moving Image in Minneapolis e associate curator at KW Institute for Contemporary Art in Berlino, Emily Pethick, director, Showroom.

La decisione ha avuto un effetto sorprendentemente sulla lista dei canditati finalisti in quanto tutti i candidati di quest'anno hanno un'età superiore ai quarant'anni e nel caso sia di Lubaina Himid, 62 anni, sia Hurvin Anderson, 52 anni, in passato non avrebbero potuto partecipare alla selezione per il premio.
Lubaina Himid nata a Zanzibar, Tanzania, realizza dipinti, disegni e installazioni che fanno riferimento alla diaspora africana e alla tratta degli schiavi. Hurvin Anderson, pittore i cui genitori erano immigrati giamaicani, esplora il tema dell'identità ed è conosciuto per le sue raffigurazioni dei parrucchieri afro-caraibici. Andrea Büttner, originaria della Germania, lavora con una varietà di media che vanno dall'incisione del legno e pittura su vetro, alla performance con temi religiosi e di botanica. Infine Rosalind Nashashibi, palestinese britannica, lavora principalmente con il video realizzando film e ha rappresentato la vita domestica a Gaza in un'opera del 2015 intitolata «Electrical Gaza».
«Il Premio Turner ha sempre sostenuto artisti emergenti, non è mai stato un premio alla carriera, ma per una significativa presentazione del lavoro nel corso di quell'anno – ha dichiarato Alex Farquharson. – Ora che la sua reputazione è ormai consolidata, vogliamo riconoscere il fatto che gli artisti possano sperimentare una svolta nel loro lavoro in qualsiasi età» conclude Farquharson.
Istituito nel 1984 viene assegnato a un artista nato, che vive o lavora in Gran Bretagna per una mostra eccezionale o una presentazione del lavoro nell'anno precedente. Il premio è di 25.000 sterline (circa 32.000 dollari) per il vincitore e 5.000 euro ciascuno per i finalisti.
Nel corso degli anni, il premio è stato un trampolino di lancio per le carriere di alcuni artisti tra cui Damien Hirst, Antony Gormley, Steve McQueen e Chris Ofili.

© Riproduzione riservata