ArtEconomy24

Once upon a time, there was a blonde, 2002.

Once upon a time, there was a blonde, 2002.

Geta Brătescu  Romania, 1926

Tecnica: Collage su carta, capelli, carta, nastro adesivo, disegni, 67,7 x 62 cm.
Stima: 30.000 €.
Courtesy opera: L'artista e Galerie Barbara Weiss, Berlino.
Archivio: In lavorazione presso la Galerie Barbara Weiss di Berlino.
Catalogo ragionato: Non esiste.
In galleria: È rappresentata Ivan Gallery di Bucarest, Galerie Barbara Weiss di Berlino e da Hauser & Wirth di Zurigo.

Quotazione: L'aggiudicazione più recente è 1.061 $ per The Power of the Line, 2016, collage, 21 x 28,5 cm, da Artmark a Bucarest, il 22 novembre 2016 (stima 1.061-2.123 $). In galleria (Galerie Barbara Weiss) il price range per le sue opere va da 10.000 a 30.000 euro.
Top-price: 19.011 $ per Vestigiu, collage di sigarette bruciate, carta e foglia d'oro, 64,5 x 96 cm, da Artmark a Bucarest, il 26 maggio 2016 da una stima di 4.473-5.591 $.

Commento:
Nata a Ploiesti, in Romania, nel 1926, è considerata una pioniera del concettualismo rumeno. Ha vissuto e lavorato per la maggior parte della sua carriera sotto il regime dittatoriale di Ceausescu sviluppando dalla metà degli anni ’40 i temi dell'identità, del genere e della dematerializzazione e concentrandosi sul rapporto simbiotico tra l'attività artistica e lo spazio di lavoro. A pochi giorni dall'inaugurazione della Biennale, Hauser & Wirth ha annunciato che la rappresenta, già da molti anni Manuela Wirth la colleziona. Ciò aiuterà il suo mercato. La galleria ha dichiarato di voler sviluppare la sua eredità e reputazione internazionale attraverso mostre, pubblicazioni, ricerche e borse di studio e con la sua prima mostra a New York a novembre. Il Padiglione rumeno la ospita in «Apparitions» ai Giardini e al New Gallery of the Romanian Institute for Culture and Humanistic Research (Campo Santa Fosca, Palazzo Correr, Cannaregio 2214), commissario Attila Kim e curatore Magda Radu. (S.A.B.)