ArtEconomy24

Una collezione di cassoni nuziali rinascimentali all'asta da Christie's

Collezionare

Una collezione di cassoni nuziali rinascimentali all'asta da Christie's

In un'epoca in cui i collezionisti tendono ad acquistare un po' di questo, un po' di quello, è una vera rarità vedere arrivare sul mercato una collezione così specifica e mirata come quella che andrà all'asta da Christie's il 6 luglio durante la vendita serale dedicata ai maestri antichi: un gruppo di otto pannelli smembrati da cassoni rinascimentali di provenienza fiorentina e senese. La stima complessiva è intorno ai due milioni di sterline.
“Una o due volte all'anno capita di avere all'asta un singolo oggetto del genere” commenta Paul Raison, esperto internazionale, capo del dipartmento e presidente del gruppo Maestri Antichi da Christie's, “ma è insolito vederne un'intera collezione. Questi tipi di pannelli furono smembrati dai loro cassoni e immessi nel mercato principalmente nel XIX secolo, quando divennero di moda, soprattutto, in Francia e Gran Bretagna e apprezzati sotto forma di “dipinti” più che come arredi. Il proprietario della collezione ora in vendita li ha raccolti nel corso di 30 anni e testimoniano tutta l'evoluzione del genere tra il Tre- e il Quattrocento”.

Non trapelano informazioni sull'identità del collezionista. “Il venditore dei pannelli desidera mantenere l'anonimato” dichiara Raison, “ma si tratta di un appassionato collezionista di base a Londra, molto affezionato all'Italia e alla sua storia”.
Degno di nota è anche lo stato di conservazione della collezione di pannelli, solitamente difficili da trovare in buone condizioni poichè si tratta di pezzi di arredi che quindi si trovavano per terra ed erano sottoposti agli urti e all'usura quotidiana.
All'epoca in cui furono realizzati erano molti gli artisti che si dedicavano a questo genere di opere. Tra di loro Apollonio di Giovanni (circa 1416-1465), che è stato uno dei più prolifici e rappresentativi in ambito fiorentino. In vendita c'è un suo pannello rappresentante il trionfo di Scipione l'Africano con una stima di 250-350.000 sterline. Il collezionista l'ha acquistato all'asta da Sotheby's a New York nel gennaio 2011 a 542.000 dollari; in generale i suoi prezzi vanno da circa 100.000 dollari fino al record di 1,27 milioni di dollari, battuto nel 2008 sempre da Sotheby's a New York.

Un altro importante rappresentante del genere è Giovanni Toscano, il fratello più giovane di Masaccio, noto come Lo Scheggia (1370/80-1430). I suoi prezzi variano da 200.000 sterline fino ad arrivare a quasi un milione di sterline nel 2012. All'asta del 6 luglio, il suo pannello rappresentante la novella di Ginevra, Bernabò e Ambrogiuolo dal Decameron di Boccaccio sarà il pezzo con la stima più alta del gruppo, pari a 600-900.000 sterline. “I cassoni spesso venivano commissionati in occasioni di matrimoni, per cui venivano realizzati a coppie, una per il marito e una per la moglie” spiega Paul Raison. “L'altro esemplare di questo pannello del Toscani si trova alla National Gallery of Scotland a Edimburgo, mentre l'altro esemplare del pezzo di Apollonio è apparso sul mercato 30 anni fa e da allora è in una collezione privata”.
I soggetti dei cassoni sono quasi sempre narrativi e secolari, raramente religiosi e, in quei casi, sono scene dall'Antico Testamento. Più spesso si tratta, invece, di novelle del Boccaccio, miti di Ovidio, narrazioni che hanno a che fare con il matrimonio e le virtù delle donne, oppure scene di battaglie (i matrimoni, infatti, sancivano alleanze tra potenti famiglie) ed episodi della storia classica. Presentano meravigliosi paesaggi urbani e campestri, popolati di figure: “È questa ricchezza narrativa che piace ai collezionisti, la rappresentazione di monumenti noti e di architetture che riconoscono, come quelli romani, per esempio” spiega Paul Raison. “Anche l'uso dell'oro è un carattere dei cassoni che i collezionisti apprezzano molto”.

Ma chi sono i collezionisti che acquistano questo genere di opere? “Spesso sono acquirenti che si interessano alla pittura italiana primitiva” risponde Raison, “ma anche coloro che tendono a comprare i manoscritti miniati. In generale sono persone che amano l'Italia, Firenze, Siena, gli interni italiani, e anche chi ha un gusto particolare per la decorazione e gli arredi antichi”.
Le piazze principali sono l'Europa e gli Stati Uniti, ma Christie's ha portato un paio di pannelli in tour a Hong Kong e i collezionisti cinesi hanno risposto in modo positivo, mostrando interesse soprattutto per questo aspetto narrativo delle opere. “I cinesi hanno apprezzato la presenza di piccole figure inserite nel paesaggio che ricordano un po' la pittura tradizionale cinese” nota Raison.
Oltre alla già nominata National Gallery of Scotland, altri musei conservano questi pannelli, per esempio al Metropolitan di New York un'intera sala è dedicata ai cassoni rinascimentali, mentre il Courtauld Institute di Londra ha dedicato al genere una mostra nel 2009.

© Riproduzione riservata