ArtEconomy24

Cantico delle Creature, 1977.

Cantico delle Creature, 1977.

Adriano Spatola   Sapjane, Slovenia, 1941-S. Ilario d'Enza, Parma, 1988

Cantico delle Creature, 1977
Cantico delle Creature, 1977

Tecnica: Libro d'artista, 500 esemplari.
Stima: 200-300 €.
Courtesy opera: Studio Maffei, Torino.
Archivio: Presso l'archivio del fratello, Maurizio Spatola.
Catalogo ragionato:  N. d.
In galleria: Sue opere sono disponibili presso lo Studio Maffei di Torino.

Quotazione: L'aggiudicazione più recente è 673 $ per Iconoscrittura-E, 1986, collage, 50 cm, da Aste Boetto di Genova, il 3 novembre 2015 (stima 547-602 $). Pochi i passaggi in asta: solo due, entrambi aggiudicati (100%).
Top-price: 3.337 $ per Worksandwordsandworlds, 1965, tecnica mista, 40,5 cm, da Finarte a Venezia, il 12 dicembre 2007, da una stima di 2.691-3.364 $.

Commento:
Nato a Sapjane in Slovenia, all’epoca Italia, fu al contempo poeta "lineare","sonoro" e "visuale". La sua opera e il suo progetto di poesia "totale" lo inseriscono nelle avanguardie novecentesche e lo portarono a ripensare a certi assunti del Surrealismo e del Dadaismo, a partecipare giovanissimo al Gruppo '63, giungendo infine alla concezione della poesia come fatto artistico visivo, gestuale e fonetico oltre che letterario. Vicino anche alla Poesia Concreta e ai "Testi-superficie", un modo di comporre attraverso la frammentazione e ricomposizione di una pagina di giornale o rivista. Nascono così gli Zeroglifici, ove la parola è distrutta, ne rimane solo lo sfacelo grafico. I suoi interventi su riviste come "Il Verri" "Nuova Corrente" e "Bab Ilu", da lui fondata, costituirono un punto di riferimento per le nuove generazioni di poeti. (M.A.M.)