ArtEconomy24

Grande Strage, 1963.

Grande Strage, 1963.

Sarenco (Isaia Mabellini)  Brescia, 1945-Kenya, 2017

Grande Strage, 1963
Grande Strage, 1963

Tecnica: Tavola in quattro pannelli, cm 70 x 50 ciascuno, stampa in serigrafia, prima edizione.
Stima: 4.500 €.
Courtesy opera: L'Arengario, Gussago (BS).
Archivio: Fondazione Sarenco, Salò (BS).
Catalogo ragionato:  Non esiste.
In galleria: Sue opere sono disponibili presso L'Arsenale di Brescia e Studio Maffei di Torino.

Quotazione: L'aggiudicazione più recente è 399 $ per Black &White, 1970, litografia, 70 x 50 cm, da Martini Studio D'Arte di Brescia, il 21 marzo 2017, (stima 1.080-2.161 $). I passaggi in asta sono stati 71 di cui 32 aggiudicati (45%).
Top-price: 10.874 $ per Museo, 1964, acrilico su carta, 203 x 142 cm, da Finarte a Venezia, il 30 gennaio 2008, da una stima di 5.115-6.577 $.

Commento:
Nasce a Vobarno (Brescia) nel 1945 e nel 1963 si avvicina alle ricerche poetico visuali, stringendo i primi contatti con gli artisti del Gruppo 70, nel quale entra l’anno successivo. Elabora testi epigrammatici che associa ad immagini di provenienza varia, dal mondo della comunicazione a quello dell’arte. Con il collage, l’assemblage o la tela emulsionata realizza opere di forte impatto, che utilizza come strumento di lotta politica e culturale. Svolge un’intensa attività editoriale e organizzativa. Fonda le riviste “Amodulo” nel 1968 e “Lotta poetica” nel 1971. Cura numerose mostre dedicate alle ricerche poetico visuali e concrete, tra cui “Poesia visiva: 1963-1988: 5 maestri: Ugo Carrega, Stelio Maria Martini, Eugenio Miccini, Lamberto Pignotti, Sarenco” nel 1988 a Verona. Dal 1982 intraprende numerosi viaggi in Africa per dedicarsi alla promozione dell’arte e della fotografia africana. (M.A.M.)