ArtEconomy24

Ottimi risultati da Christie's per le prime aste della settimana…

Mercato dell'arte

Ottimi risultati da Christie's per le prime aste della settimana dell'arte a Londra

Robert Mapplethorpe (1946-1989), Self Portrait achieving a World Auction Record selling for £548,750 / $727,094 / €620,087
Robert Mapplethorpe (1946-1989), Self Portrait achieving a World Auction Record selling for £548,750 / $727,094 / €620,087

I due cataloghi proposti da Christie's a Londra la sera del 3 ottobre sono di buon auspicio per le aste serali di fine settimana ed in particolare dei cataloghi di arte italiana.

Il totale dei due cataloghi e 70 lotti proposti di cui ben 62 venduti è di 22 milioni di sterline e ha permesso di focalizzare l'attenzione su lavori meno valorizzati dai consueti cataloghi proposti in questo periodo a Londra.

Design e Fotografia

La prima asta di 35 lotti (dopo il ritiro di tre lavori di Allen Jones) proponeva ‘Masterpiece of Design and Photography', con 21 lotti di design moderno e contemporaneo, di cui solo due invenduti, e 15 di fotografia di ogni periodo con quattro invenduti (lavori di Tomas Demand, Adams, Cameron e Arbus). L'incanto ha portato un ricavo di 7,5 milioni di £ nelle stime basse, le previsioni stimavano tra 7,2 -10,5 milioni di £, con l'86% per numero di lotti e il 93% per valore veduto.

A guidare la classifica dei realizzi una ‘Lockheed Lounge' di Marc Newson, una seduta in alluminio aeronautico rivettato che ha reso celebre sin dagli anni '80 il designer allora venticinquenne, contesa fino a superare la stima alta di 1,5 milioni di £ una volta aggiunte le commissioni; sempre per il design si nota finalmente un certo interesse internazionale per il design moderno italiano, con una sala da pranzo di Carlo Mollino degli anni '50 che ha superato anch'essa le stime di 300-500mila £, fermandosi a 670mila £.

Mediamente però è la fotografia contemporanea ad occupare le posizioni di rilievo sul mercato con sette dei primi 10 realizzi, fra cui spicca un lavoro del 1977 di Gilbert&George in 16 pannelli, dall'evocativo titolo ‘Red Morning (Hell)' che ha battuto la stima bassa di 800mila £ fermandosi a 850mila grazie alle commissioni, mentre hanno superato tutti le rispettive stime alte i lavori di Andreas Gursky con ‘May Day IV' del 2000 a 760mila £, un autoritratto di Mapplethorpe a 550mila £, un lavoro astratto di Wolfgang Tillmans a 345mila £, il celebre ritratto di Charlotte Rampling di Helmut Newton per 332mila £, un fiore di Irving Penn e una foto del Pollock del MoMA di NY di Thomas Struth per 236mila £.

Up Close: piccoli ma potenti

Il secondo catalogo ha trovato un'accoglienza più entusiasmante con moltissimi compratori che si sono contesi i 35 lotti di arte principalmente moderna (solo sei i lotti di artisti viventi, di cui quattro ottuagenari), con solo due lavori minori invenduti per un realizzo del 99% per valore e 94% per lotto, pari a 14,5 milioni di sterline (oltre le stime previste tra 8,7-12,5 milioni di £).
Tutte opere di dimensioni limitate ma estremamente rappresentative dell'opera di diversi artisti celebri.

A guidare la vendita, una scultura di Giacometti, ‘Homme (Apollon)' concepita nel periodo surrealista del 1929, una fusione del 1954 in sei edizioni di cui tre ospitate in musei e fondazioni. Il bronzo proveniva dalla collezione dell'artista catalano Antoni Tapies e ha prevedibilmente superato di gran lunga la stima molto allettante di 800mila-1,2 milioni, per sfiorare 3,5 milioni con le commissioni dopo una contesa che coinvolto almeno sette pretendenti al telefono da almeno tre continenti.

I lavori tridimensionali erano ben rappresentati da otto lotti di cui la metà venduti oltre le stime alte.

Lunghe contese anche per un lavoro di De Stael del 1950 conteso fino a 440mila £, il doppio della stima bassa, e per un lavoro su carta di Cy Twombly del 1961 inseguito vanamente anche dalle gallerie Cardi e Tega di Milano per finire a 525mila £ da una stima di 200-300mila £.

La galleria Cardi ha tentato di portare a casa anche alcuni dei lavori italiani proposti, sei in totale con buoni risultati: tre aggiudicati oltre le stime e solo uno invenduto, una composizione floreale di Morandi invero tarda (1964).

Risultati oltre le attese per Boetti, Manzoni e Burri, mentre hanno venduto entro le stime due ‘tagli' di Fontana, uno rosso a 500mila £ e uno giallo di uguali dimensioni (33 x 24 cm) sempre con un taglio singolo per 392mila £.

Un soggetto tipicamente inglese, il cane Pluto del famoso pittore Lucian Freud, ha suscitato notevole interesse fermandosi ben oltre le stime di 400-600mila £ a 908mila £.

Meno entusiastica l'accoglienza per i tre lavori di Warhol proposti, tutti con le date ‘giuste', piccole tele degli anni '60 raffiguranti tre temi classici della sua produzione: una bottiglia di Coca Cola del 1962 si è fermata a 1,9 milioni (stima 1,8-2,5 milioni di £), quattro fiori a sfondo giallo a 225mila £ e una ‘2 Dollar bill' a 200mila £, entro le stime.

Questi risultati postivi sono di buon auspicio per le prossime aste del 5 e 6 ottobre e per le fiere in corso in questa settimana che Londra dedica all'arte.

© Riproduzione riservata