ArtEconomy24

«Fearless Girl» cela la discriminazione di genere: SSgA paga…

leggi e fisco

«Fearless Girl» cela la discriminazione di genere: SSgA paga multa di 5 milioni di $

«Fearless Girl» è una scultura in bronzo dell'artista Kristen Visbal situata a Bowling Green, quartiere finanziario di Manhattan a New York City, che raffigura una ragazza in atto di sfidare un toro, rappresentato dalla scultura, ormai divenuta un'icona, «Charging Bull» (o “Wall Street Bull”) di Arturo Di Modica.

«Fearless Girl» è stata commissionata dalla società di investimenti State Street Global Advisors(SSgA), asset management con 2,6 miliardi di dollari di AUM (asset under management) che fa parte del gruppo State Street Corporation in occasione del primo anniversario dell'ETF “Gender Diversity Index”. Installata il 7 marzo 2017, il giorno prima dell'International Women's Day, è stato un successo immediato e virale sui social media in quanto divenuto simbolo per il sostegno dell'uguaglianza di genere nei posti di lavoro e per incoraggiare l'incremento della presenza femminile nei consigli di amministrazione delle Corporate americane.

L’altra faccia della medaglia. I buoni propositi di State Street Global Advisors (SSgA) non hanno però avuto un riscontro nella realtà. Secondo i funzionari del Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti, Distretto di Boston, che hanno iniziato l'indagine nel 2012, State Street Corporation nel 2010 ha attuato discriminazioni sul fronte retributivo nei confronti di alcuni dipendenti senior, 300 donne e 15 dipendenti di colore con il ruolo di vice president, che hanno ricevuto stipendi inferiori rispetto ad altri colleghi di genere maschile e bianchi. Dal canto suo State Street nega le accuse, ma ha accettato di pagare 5 milioni di dollari di cui circa 4,5 milioni di dollari in retribuzione e circa 500mila dollari di interessi richieste dal Department of Labor (documento).
La notizia sui social media è esplosa: in molti hanno accusato il gruppo finanziario di ipocrisia. Per alcuni esperti il progetto «Fearless Girl» ha rappresentato sin da subito una pubblicità opportunistica che ha capitalizzato il successo di «Charging Bull». L'operazione guidata dall'agenzia di pubblicità McCann, secondo The Guardian, ha generato un valore pari 7,4 milioni di dollari di free marketing.

All'inizio la statua doveva rimanere esposta solo una settimana, ma in seguito il permesso era stato accordato per 30 giorni per poi stabilire che l'esposizione sarebbe durata fino al febbraio 2018. La scultura inizialmente accompagnata da una targa con scritto “KNOW THE POWER OF WOMEN IN LEADERSHIP/SHE MAKES A DIFFERENCE.”. “SHE” in questione, però, si è rivelato in seguito, non essere riferito alla «Fearless Girl», ovvero alla minuscola ragazza di fronte al grande toro cattivo, ma aSSGA Gender Diversity Index, l'ETF con il ticker symbol “SHE”. La targa in seguito è stata rimossa.

© Riproduzione riservata