ArtEconomy24

Bilancio Artcurial, 2017 in calo ma si allarga il perimetro d’azione

Mercato dell'arte

Bilancio Artcurial, 2017 in calo ma si allarga il perimetro d’azione

Frank Snyders, “L'etail du poissonnier”, olio su tela venduto il 14 novembre 2017 per 877mila euro
Frank Snyders, “L'etail du poissonnier”, olio su tela venduto il 14 novembre 2017 per 877mila euro

Parigi accresce la sua posizione internazionale nel mercato mondiale dell'arte, grazie ai suoi principali attori, e in particolare alla Casa d'aste Artcurial che nel 2016 ha conseguito il titolo di terza Casa di vendita in Europa. La fine del 2017 ha visto raggiungere una nuova tappa nello sviluppo di Artcurial, l'acquisizione di uno dei pi antichi gruppi nel settore del lusso immobiliare, presente in 14 paesi, il Gruppo John Taylor dopo un partenariato commerciale iniziato nel 2013 che ha portato, per esempio, alla scoperta di un marmo di Auguste Rodin venduto a 3,7milioni di euro nel 1 semestre del 2017.

Il volume delle vendite nel 2017 di Artcurial stato di 191,1 milioni di euro rispetto a un risultato 210 milioni di euro nel 2016, al quale aveva contribuito la vendita eccezionale dell'auto pi cara al mondo, una “Ferrari 335 Sport Scaglietti del 1957” venduta per 32,1 milioni di euro. Nel risultato del 2017 stato gi inserita la prossima vendita del 30 dicembre “Paris#Marrakech” nella citt marocchina di opere di orientalismo e di arte africana contemporanea, sulla base delle stime minime. Il fatturato di quest'anno si accompagna a un sostanziale numero di lotti in prelazione o acquisiti dalle istituzioni internazionali (99), a numerose aste milionarie (15) e a numerose collezioni private disperse (a 23 delle quali stata dedicata una vendita specifica).

E soprattutto si assistito nel 2017 a una forte tendenza alla crescita a due cifre dei settori legati alle Belle Arti (arte classica, moderna e contemporanea). Con un 38% del volume delle vendite, le Arti del XX e XXI secolo rappresentano il primo polo di Artcurial nel 2017, grazie ai particolari rapporti che la Casa mantiene con i collezionisti. Solo i settori dell'impressionismo e dell'arte moderna vedono i risultati aumentare del 13% a 23,7 milioni di euro, questo grazie in particolare alle collezioni di due artisti, Auguste Rodin e Camille Claudel. Nel settore classico, che rappresenta il 18% delle vendite di Artcurial, gli Old Master e l'arte del XIX secolo terminano l'anno a 14,1 milioni di euro (con una crescita del 27% rispetto al 2016), mentre l'archeologia e le Arti Orientali raddoppiano i loro risultati. I settori del lusso, che rappresentano il 12% del volume delle vendite della Casa, sono caratterizzati da un'accelerazione della crescita del dipartimento Gioielleria (10,7milioni di euro, +14%) e di Vini e Liquori (4,4milioni di euro, +11%).

La strategia si concentra su gioielli, orologi ed Hermes vintage a Montecarlo. Ugualmente per le auto d'epoca, il lancio di una vendita biennale a Montecarlo s'inserisce in questa strategia. La vendita nel luglio 2017 ha totalizzato 10 milioni di euro. Con la vendita parigina Rtromobile (35,6 milioni di euro) e la vendita monotematica Mercedes-Benz, il dipartimento di auto da collezione totalizza quasi 60 milioni di euro, ovvero il 32% del volume globale della Casa, secondo polo di Artcurial.

Inoltre Artcurial conserva la sua leadership in quei settori “pionieristici” ambiti da una nuova schiera di collezionisti, in particolare la Street Art (4,4milioni di euro) in crescita del 30%, le tavole originali dei maestri del fumetto (5,1milioni di euro) ed Herms vintage e Fashion (3milioni di euro).

Col 75% di clienti stranieri, la Casa continua a sviluppare la sua rete di rappresentanza europea, con l'arrivo in particolare di Emilie Volka come direttrice Italia e del collezionista Louis Grandchamp des Raux in qualit di consulente internazionale. Il contributo degli uffici europei all'attivit Artcurial raddoppiato nell'ultimo anno.

I numeri chiave:
– 32 record mondiali in asta;
– 99 prelazioni acquisite da istituzioni museali;
– 15 aste milionarie;
– 38 lotti venduti al di sopra dei 500mila euro;
– 68 collezioni disperse di cui a 23 collezioni dedicata un'asta specifica;
– 75% di acquirenti internazionali per lotti al di sopra dei 50mila euro.

E qualche chicca:
– il Louvre effettua una prelazione per un disegno del Barone Gros per 455.400 euro in occasione della vendita della sua collezione;
– nella vendita di rare tavole originali di maestri del fumetto, una tavola fuori testo di Tintin en Amerique di Herg stata aggiudicata per 753mila euro;
– la scultura in marmo Andromde di Auguste Rodin stata venduta per 3,7 milioni di euro;
– nuovo record mondiale per un mobile di Charlotte Perriand venduto a 703.400 euro;
– nella collezione dispersa nel febbraio 2017 di Street Art “Urban Anthology” un olio e matita su tela di Bansky, “Rodeo Girl” del 2009, stata venduta per 393.400 euro mentre una fibra di vetro dipinto di Kaws, “Companion (Original fake)” del 2010 stata aggiudicata per 381mila euro;
– successo di vendita per l'asta “Camille Claudel, un Trsor en heritage” in occasione della quale il Museo d'Orsay ha effettuato prelazione per 12 opere;
– durante Rtromobile a febbraio a Parigi stata aggiudicata per 4.390.400 euro una “Dino 206 P berlinetta speciale” del 1966, record mondiale per un prototipo venduto all'asta;
– ultimo appuntamento del 2017: dopo il successo delle precedente edizione di “Paris#Marrakech che aveva totalizzato 2,3 milioni di euro nel dicembre 2016, nuova vendita il 30 dicembre alla quale stata invitata Ccilia Attias, l'ex moglie di Sarkozy, come madrina dell'asta. Saranno proposte 70 opere suddivise in due capitoli, il primo dedicato all'orientalismo “Majorelle et ses contemporains” (nell'asta di orientalismo nel maggio 2017 Artcurial aveva venduto un olio su tela di Jacques Majorelle, “Le Mokhazni” per 156mila euro), mentre il nuovo museo Yves Saint Laurent di Marrakech dedica un'esposizione allo stesso Majorelle, il secondo dedicato all'arte africana contemporanea, “African spirit”, con opere di Malick Sidib, Omar Victor Drop, Chri Samma, e altri;
– tra i primi importanti appuntamenti del 2018, il 9 e 10 febbraio, l'annuale Rtromobile organizzato da Artcurial Motorcars che si conferma la pi importante vendita di vetture da collezione in Europa continentale. Saranno battute pi di 200 automobili, tra cui una Ferrari della collezione Pierre Bardinon, la stessa collezione da dove proveniva lo scorso anno la Ferrari battuta a 32,1 milioni di euro. Quest'anno sar la volta di una 275P vincitrice della gara 24 Heures du Mans nel 1964.

© Riproduzione riservata