ArtEconomy24

Design sugli scudi da Sant’agostino Casa d'Aste

mercato dell’arte

Design sugli scudi da Sant’agostino Casa d'Aste

Nel 2017 la Casa d'Aste Sant'Agostino di Torino ha accettato in anteprima mondiale la possibilità di effettuare i pagamenti dei lotti mediante il conferimento in cripto valute, una novità che ha attratto l'interesse della stampa internazionale. Il fatturato dell'anno è stato di circa 10 milioni di euro, con un incremento del 17,6% rispetto all'anno precedente. Soprattutto le ultime due aste dell'anno, secondo dichiarazioni della casa d'aste, hanno registrato un notevole successo confermando così una crescita di interesse da parte dei collezionisti e una ripresa del mercato. In totale durante l'anno sono state vendute 4.500 opere con un prezzo medio tra 5mila e 50mila euro. Le percentuali di venduto sono state del 65% per lotto e del 70% per valore. Il settore a più alto aggiudicato è stato quello dei dipinti del 900 (circa 7 milioni). Il top lot è stato di Matteo Olivero, «Primi raggi», del 1904, partito con una base d'asta di 10.000 euro e venduto a 135.750 euro. ArtEconomy24 ha intervistato Vanessa Carioggia, titolare e banditore d'asta di Sant'Agostino.
Com'è andato l'anno 2017 rispetto al 2016?
Il 2017 ha visto una crescita delle vendite pari al 15% in più rispetto al 2016.

Quali segmenti crescono e quali calano?
Il 2017 ha visto un maggior interesse per l'arte figurativa del 900 italiano. Confidiamo in una ripresa del mercato per questo settore. Cresce l'interesse per il design.

Qual è la percentuale di acquirenti stranieri? Da quali nazioni? In quali aste partecipano maggiormente e che cosa comprano?
Notevole la partecipazione di acquirenti stranieri i cui interessi sono rivolti principalmente al design italiano. I maggiori compratori sono francesi, inglesi, americani e svizzeri.

Qual è la fascia di prezzo in cui vendete di più?
Tra i 5000 e i 50.000 euro.

Come cresce il mercato online? Che tipo di lotti si vendono sul web e in che fascia di prezzo?
Ancora il design rimane l'articolo più acquistato online. Trattandosi di oggetti seriali, gli acquirenti basano le loro scelte su fotografie e condition report offerti dalla casa d'aste.

© Riproduzione riservata