ArtEconomy24

Sotheby’s si aggiudica….. un solido 2017

  • Abbonati
  • Accedi
arte e finanza

Sotheby’s si aggiudica….. un solido 2017

I risultati del quarto trimestre 2017 diSotheby's superano le attese degli analisti. Il trimestre si è infatti chiuso con un utile netto di 76,7 milioni di dollari, più di quanto previsto dagli analisti di Thomson Reuters che hanno stimato un utile netto di 70,5 milioni di dollari. Escludendo l'impatto della nuova legge fiscale (1,2 milioni di dollari) e di altre componenti straordinarie, la casa d'aste ha registrato un utile per azione di 1,47 $, ben al di sopra della stima di consenso pari a 1,34 $ per azione. Nel quarto trimestre i ricavi sono aumentati del 2% a 315,6 milioni superando le stime che si attestavano a 311,3 milioni di dollari. I profitti da commissioni, di gran lunga la più grande fonte di entrate, sono aumentati del 10% a 293 milioni di dollari.

I dati annuali. A fine 2017 i ricavi hanno raggiunto 989 milioni di dollari (805 milioni nel 2016) nonostante i cambiamenti legati al calendario delle aste che hanno interessato in particolare la performance del quarto trimestre. Le aste autunnali di Hong Kong si verificavano all'inizio del quarto trimestre, ma a partire dal 2017 hanno preso avvio a settembre e i risultati di alcune vendite sono stati registrati nel terzo trimestre. Tuttavia eventi come l'asta di fine dicembre Century Design a New York che realizzato un controvalore pari a 26,4 milioni di dollari è stato molto significativo per i conti con un risultato pari a più del doppio rispetto ai competitor.
Dall'analisi dei dati statistici operativi dell'intero anno emerge un quadro molto interessante. È aumentato il numero delle aste (oltre 300) degli articoli in vendita (oltre 50.000 oggetti con un aumento del 6% rispetto al 2016), sono migliorati i tassi di vendita (80% rispetto al 78% del 2016). Il valore medio dei lotti è aumentato del 5%, e il prezzo di aggiudicazione rispetto alla stima bassa ha registrato una crescita di 8 punti al 110% rispetto al 2016.
La fascia centrale del mercato, compresa tra 100 mila e 1 milione di dollari, che rappresenta circa il 9% dei lotti e il 27% delle vendite, è cresciuta del 4% in termini di lotti e del 9% in termini di valore nella categoria più redditizia. È aumentato il numero dei clienti e degli offerenti e le vendite private sono aumentate del 28% a 744,6 milioni di dollari, la miglior performance in quattro anni. Senza sorprese, invece, il margine delle commissioni d'asta che nel 2017 è rimasto stabile al 17,2% rispetto al 2016. L'utile netto rettificato per l'intero esercizio è passato a 121,7 milioni di dollari rispetto ai 99,6 milioni di dollari del 2016.
La casa d'aste americana ha leggermente beneficiato della revisione fiscale del presidente Trump - che ha ridotto l'aliquota dell'imposta sul reddito delle società dal 35% al 21% - con un riflesso positivo sugli utili delle società estere che avranno una tassazione significativamente inferiore a quella pianificata in precedenza.

SOTHEBY'S A CONFRONTO CON L’S&P 500 DIVERSIFIED CONSUMER SERVICES (INDUSTRY)
Andamento degli ultimi 12 mesi. Base 02/03/2017 = 100

Le attività collaterali. Quali le prospettive future? Il ceo Tad Smith in conference call ha dichiarato che il 2017 è stato un ottimo anno. Si è spinto oltre nella guidance dichiarando che: <stiamo pianificandone uno ancora migliore nel 2018>. Non sono mancati i riferimenti alla nuova attività di art advisory AAP che: <è cresciuta più rapidamente di quanto avevamo previsto, ora con 13 clienti e altri in potenziale accordo>. La nuova collaborazione tra l'estate di Vito Acconci, AAP e Pace Gallery offre una visione di come può evolvere quella parte del business. L'advisory ha iniziato a lavorare con un certo numero di clienti, conferma Smith.
Il rafforzamento della presenza geografica in tutto il mondo, in particolare in Cina, ha dato i suoi frutti, e una nuova focalizzazione sui collectible come gioielli, orologi e vino ha ampliato la reputazione di Sotheby's al di là del segmento dell'arte. Le app mobili, le aste online e la presenza sui social media hanno reso Sotheby's tecnologicamente più avanzata in grado di rafforzare la propria attività.

In borsa. Il recente calo del mercato azionario ha colpito duramente le azioni di Sotheby's (NYSE:BID). Negli ultimi 12 mesi la performance del titolo si è attestata a +4,61% a 50,78 (1/3/2018) al di sotto del massimo degli ultimi 12 mesi pari a 51,12 dollari e non distante dal minimo pari a 49,66 dollari.
Gli analisti sostengono che se le iniziative strategiche della casa d'aste si rifletteranno nell'incremento delle volume d'affari nel 2018 Sotheby's dovrebbe essere in una posizione privilegiata per sfruttare al massimo la sua reputazione nel mondo del collezionismo e aumentare le fondamentali prospettive di business a lungo termine.

© Riproduzione riservata