ArtEconomy24

Marfa’ Projects, una galleria per gli artisti libanesi

  • Abbonati
  • Accedi
QUOTAZIONI ARTISTI

Marfa’ Projects, una galleria per gli artisti libanesi

Marfa' Projects esiste da poco pi di due anni, ma la sua fondatrice, Joumana Asseily, gi considerata un solido punto di riferimento della scena artistica di Beirut. “Ho cominciato collezionando opere d'arte e sostenendo istituzioni come Ashkal Alwan, Beirut Art Center e The Arab Image Foundation, ma ho capito presto che mancava una galleria che desse spazio ad artisti libanesi non rappresentati o rappresentati s, ma in altri paesi” racconta. Come Rania Stephan, artista e regista classe 1960, o Caline Aoun, vecchia conoscenza dei banchi di scuola e Deutsche Bank's Artist of the Year 2018, ritrovata per caso appena tornata a Beirut dopo gli studi a Parigi e un periodo a Los Angeles.

“Ai tempi Aoun lavorava solo con una galleria a Dubai, ci conoscevamo fin da bambine ed stata sua sorella a regalarmi una sua opera e a introdurmi al suo lavoro”. I tempi, per, non sono ancora propizi per aprire la galleria: tra fine 2005 e il 2006 si consuma la seconda guerra libanese e gli incidenti anche in centro a Beirut non mancano. Intanto Asseily conosce gli artisti, influenti curatrici come Christine Tohm, tra mostre, talk, conferenze, e quando finalmente inaugura in citt c' tutta la scena dell'arte internazionale – da Parigi a New York – per l'apertura del Sursock Museum – sulla scena dal 1961, ampliato e restaurato - e della Ashti Foundation di Tony Salam. “A Beirut c' un equilibrio interessante tra pubblico e privato, e in molti collezionano arte: politici, imprenditori, intellettuali, alcuni pi che benestanti altri ti pagano a rate” spiega la gallerista, e aggiunge: “per questo importante stabilire prezzi giusti, non solo rispetto agli artisti e alle loro produzioni, ma anche al collezionismo locale”.

Opere di formato pi piccolo o in edizione costano intorno ai 5mila euro, si arriva fino a 15mila, invece, per le installazioni pi complesse, ma le tecniche? “Scelgo gli artisti sulla base delle loro idee, la tecnica secondaria, e capisco che a volte le idee non siano immediate per questo ogni mostra accompagnata da una breve pubblicazione e da talk e screening” dice Asseily.

Il prossimo appuntamento internazionale a Liste, la fiera delle gallerie emergenti a Basilea: per Marfa' Projects gi la seconda partecipazione – e per l'occasione esporr sculture e opere a parete di Vartan Avakian e Stphanie Saad, che riflettono sull'essere presenti, a livello fisico e concettuale.

© Riproduzione riservata