ArtEconomy24

Tefaf, ottime vendite in ogni periodo della storia dell’arte

  • Abbonati
  • Accedi
mercato dell’arte

Tefaf, ottime vendite in ogni periodo della storia dell’arte

Scultura attribuita a Giovanni Battista Foggini e la sua bottega venduta da Tomasso Brothers
Scultura attribuita a Giovanni Battista Foggini e la sua bottega venduta da Tomasso Brothers

Un successo per i 275 espositori che hanno esposto sette mila anni di arte e di storia nell'edizione 2018 di TefafMaastricht. Ha chiuso i battenti ieri, 18 marzo, con oltre 68 mila visitatori – in leggero calo rispetto ai 71mila del 2017, ma con più espositori rispetto ai 234 dello scorso anno) la fiera iniziata con due preview l’8 marzo, con numerose vendite riportate in ogni sezione che hanno interessato sia collezionisti privati che istituzionali. Quest'anno la fiera ha accolto oltre 100 nuovi musei in aggiunta a quelli che già la visitano grazie alla reputazione internazionale e alla sua offerta di opere di straordinaria. Christian Hemmerle, tra i nuovi membri da gennaio del Board of Trustees di Tefaf, nonché il più giovane, ha dichiarato: “Ogni anno gli espositori infondono grande impegno nella presentazione dei loro stand e quest'anno si sono superati sia come curatori che in termini di qualità delle opere in vendita, assolutamente altissima. Questo ha reso la Fiera uniformemente vivace e positiva”. Le curate esposizioni di ogni sezione della fiera hanno portato risultati attesi per i mercanti d'arte, come anticipato da ArtEconomy24 nei primi giorni di preview.

Come sempre passeggiare negli stand della fiera è stato un viaggio nella storia della creatività umana durante il quale ci siamo imbattuti in figure della fertilità preistorica in preziosi anelli progettati da Salvador Dalí con diamanti, passando da un ritratto rinascimentale di Artemisia Gentileschi sino a una scultura in vetro di Roni Horn che pesa letteralmente una tonnellata. Il meglio della creatività umana di tutti i tempi. Da J. Kugel (stand 200) accoglieva i visitatori all’ingresso della fiera uno dei più straordinari manufatti di arte decorative: “L'Orologio Bulgari”, orologio astronomico in avorio e argento dorato realizzato ad Asburgo nel 1637-1639, è stato acquistato da un collezionista europeo. Nessuna disclosure sul prezzo che, visti anche i materiali preziosi, sarà stato sicuramente a sei zeri.
La galleria Lullo · Pampoulides(stand 368) diretta da Andreas Pampoulides e Andrea Lullo, per la prima volta nella sezione Tefaf Paintings ha venduto prevalentemente a nuovi collezionisti, trovandosi a riorganizzare il proprio stand due volte a causa delle numerose opere acquistate. Tra queste, “L'Assunzione di Santa Maria Maddalena”, di Francesco Albani (1578 – 1660), olio su rame, datata ca.1630-1640, acquistata da un'istituzione statunitense. La galleria ha, inoltre, venduto una delle opere di punta dello stand, “San Francesco da Paola”, olio su tela, ca.1625-1626, di Simon Vouet (1590-1649), il cui prezzo richiesto era di 250.000 euro. Acquistato venerdì da un collezionista privato, il dipinto aveva destato il forte interesse di ben quattro musei.
Stoppenbach & Delestre (stand 333) ha presentato una mostra speciale intitolata “La Bretagna dalla scuola di Pont-Aven al Post-Impressionismo” che ha riscosso grande successo tra i collezionisti statunitensi in visita. La galleria ha venduto due opere di questa esposizione allo stesso collezionista americano: “Pont Aven, Uscita dalla Messa delle Sette”, 1923, olio su tela, di Gustave Loiseu (1865-1935), e “La Vendemmia”, ca.1890, olio su tavola, di Émile Bernard (1868-1941).
Jorge Coll e Nicolás Cortés, direttori di Colnaghi (stand 306), hanno riportato finora 19 vendite, evidenziando la forte domanda dei collezionisti di opere degli Antichi Maestri. La galleria è stata inoltre felicemente sorpresa dal numero di compratori sia nuovi che di giovane età. Tra le opere vendute, una “Testa di Donna Anziana”, marmo bianco e bluastro, probabilmente di Luna (Carrara), proveniente dalla dinastia giulio-claudia, metà del I secolo d.C. L'opera è stata acquistata da un collezionista privato statunitense e aveva un prezzo richiesto di 700.000 euro. Di Luis de Morales è stata ceduta a un’istituzione americana per 1,2 milioni di dollari la tela “Cristo, l’uomo dei dolori” (c. 1520-86).

Dal londinese Tomasso BrothersFine Art le vendite sono partite sin dal primo giorno nello stand (304) dedicato a Roma, completo di pavimenti in finto mosaico e carta da parati. Sono andate vendute per 1,75 milioni di euro un paio di monumentali sculture in marmo proprio all’ingresso con un leone che attacca un cavallo e l'altro un toro, attribuito a Giovanni Battista Foggini e al suo laboratorio. Venduto un grande dipinto ad olio del 1783 di Giovanni Battista Cipriani per circa 425.000 euro.
Rupert Maas diThe Maas Gallery (stand 335) ha commentato così i giorni di esposizione: “...questa è la sola fiera al mondo che conosco dove i musei si recano con il desiderio (i curatori), la decisione (i direttori) e i mezzi economici (sponsor e fiduciari) per far sì che il processo di acquisizione avvenga in un unico posto, con semplicità”.

La sezione Tefaf Modern ha visto la vendita di una delle opere più preziose dell'intera esposizione: “Lillà”, 1887, del maestro olandese Vincent Van Gogh (1853-1890), olio su tela, ceduto da Hammer Galleries (stand 406). Il dipinto, dal prezzo richiesto di 9,5 milioni di euro, è stato acquistato da un collezionista privato nonché nuovo cliente della galleria. Il quadro era la terza opera di Van Gogh che il presidente della galleria Howard Shaw ha venduto nella sua carriera, dopo nove anni di onorata presenza a Maastricht e 90° anniversario di attività della galleria.
Thomas Salis (stand 404) ha reso noto che tutte le sue vendite sono state concluse con nuovi clienti, sia privati che istituzionali. “L'allée cavalière, Tour Eiffel”, 1898, olio su tela, di Pierre Bonnard (1867-1947) è stata acquistata per una collezione privata svizzera, mentre la scultura di bronzo “Cardinale seduto”, progettata nel 1975 da Giacomo Manzù (1908-1991) è stata comprata da un noto collezionista spagnolo. Nel frattempo, due importanti istituzioni americane stanno considerando l'acquisto di tre opere di Édouard Vuillard (1868-1940) – “Portrait de Misia Natansson”, olio su tavola; “Modèle se déshabillant, boulevard Malesherbes”, tempera su carta montata su tela; e “Les tasses noires”, tempera su tela.
Mazzoleni(stand 500), per la prima volta a Tefaf Maastricht, ha registrato un grande successo, con numerose vendite riportate durante i primi giorni: tra cui un’opera di Gino Severini (1883 – 1966) del 1918. «I visitatori europei dello stand sono stati particolarmente numerosi - ha affermato Luigi Mazzoleni - estremamente eruditi e ben consapevoli di ciò che stavano cercando». Da M & L Fine Art di Londra (stand 523), per la prima volta a Tefaf, sono state vendute due opere di spicco di Arte Povera, tra cui una bella vita di Giorgio Morandi per circa 1 milione di dollari. E la Galleria Daniel Katz di Londra ha venduto diverse opere durante i primi due giorni, tra cui una grande scultura del busto rinascimentale di Stoldo Lorenzi scambiato a partire da 500.000 sterline e un dipinto di un ballerino giavanese dell'impressionista olandese Isaac Israels per circa 200.000 euro. La galleria ha affermato che le vendite più significative sono state chiuse con le istituzioni.

Anche Axel Vervoordt Gallery (stand 424), con sede a Belgio e Hong Kong, ha avuto buoni risultati sin dalle preview vendendo otto opere della sezione Antiquariato. Un dipinto del 1977 dell'artista coreano Dansaekhwa Yun Hyong-keun è stato venduto per 500.000 dollari e un dipinto dell’artista tedesco Gotthard Graubner degli anni '60 è andato a circa 200.000 dollari, mentre una selezione di oggetti antichi romani ed egiziani presentava prezzi tra 50.000 e 150.000 euro e ha venduto. In vendita anche un dipinto di Kazuo Shiraga tra 2-3 milioni dollari e un arazzo del ganese El Anatsui per 1 milione di dollari.

La sezione Tefaf Antiques ha riportato diverse vendite a varie istituzioni: Christophe de Quénetain(stand 108), ad esempio, ha venduto alMetropolitan Museum of Art degli Stati Uniti sei piatti e due da portata firmati, provenienti dal laboratorio di Carlo Giuseppe Rampini o da quello di Antonio Francesco Imbres, dipinti da Siro Antonio all'interno dei suoi soggetti sull'architettura africana, ceramica smaltata a stagno, ca.1700. Inoltre, una scultura di marmo bianco intitolata “Giovanna d'Arco”, ca.1840, di Auguste Trouchaud dopo Sua Altezza Reale la Principessa Maria d'Orléans (1813-1839) è stata riservata dal Museo di Belle Arti d'Orléans.
L'importante mercante di argenterie Koopman Rare Art (stand 156) ha riportato diverse vendite, che hanno seguito quelle significative che la galleria ha chiuso negli ultimi sei mesi, a dimostrazione dello slancio che attualmente sta interessando questo segmento del mercato. Tra le opere vendute un paio di caraffe in argento dorato realizzato da Edward Farrell per il Duca di York (1763-1827), dal prezzo richiesto di 175.000 sterline, e un set di quattro candelieri in argento dorato di epoca Giorgio II, progettato da William Kent e realizzato in argento da Paul Crespin, il cui prezzo richiesto era di 450.000 sterline.
Rupert Wace Ancient Art (stand 428) ha riportato numerose vendite, tra cui un coperchio con una scena di caccia, Villanova, VIII – VII secolo a.C., bronzo, acquistato per una collezione pubblica al prezzo di 150.000 euro. Inoltre, Sycomore Ancient Art(stand 436) ha venduto a un collezionista privato mediorientale la sua opera più importante, dal prezzo a sei cifre: una testa egizia in vetro blu con intarsi, probabilmente raffigurante la divinità Nun, Nuovo Regno, 1570 – 1085 a.C.

I collezionisti privati hanno gremito la sezione Tefaf Tribal, che ha registrato diverse vendite tra i vari espositori. Il giorno di apertura laGalerie Meyer – Oceanic & Eskimo Art(stand 135) ha venduto a dei collezionisti francesi un'importantissima figura Yipwon proveniente dall'area del fiume Korewori, mentre Bernard de Grunne Tribal Fine Arts (stand 121) ha venduto a dei collezionisti privati uno dei pezzi più di richiamo della sezione, una figura Black Uli, proveniente dalla Nuova Irlanda, e anche una figura Kota Janus, Guardiano delle Reliquie, proveniente dal Gabon.

Le esposizioni dedicate a un singolo artista sono state uno dei grandi successi della sezione Tefaf Paper. Il gallerista britannicoJames Butterwick (stand 725) si è concentrato unicamente sulle opere di Boris Kosarev (1897-1994), con un'esposizione intitolata “Il Laboratorio Kharkov” (1918-1929), nomignolo attribuito dall'artista al proprio studio. La galleria ha venduto sette opere, tutte a collezionisti privati europei differenti. I prezzi di vendita andavano dai 1.000 ai 25.000 euro.
La Galerie Tanakaya (stand 727) si è a sua volta focalizzata su un artista in particolare, Foujita Tsuguharu (1886-1968), in occasione del 50° anniversario della sua morte e in concomitanza alle mostre a lui dedicate a Tokyo e Kyoto, Giappone, ma anche al Musée Maillol di Parigi. Durante la fiera ha venduto 23 opere di Foujita, tra cui “Giovane ragazza con in mano tre ranuncoli”, inchiostro nero e acquerello su carta, dal prezzo di 180.000 euro.
Il design scandinavo si è rivelato molto popolare durante questa edizione della fiera. LaDansk Møbelkunst Gallery (stand 600) ha venduto diverse opere prevalentemente a nuovi clienti. Tra queste, il tappeto intrecciato ad affresco “Park, Grön”, 1957, realizzato da Märta Måås-Fjetterström per Barbro Nilsson (1899-1983) ed acquistato da un nuovo cliente americano. Inoltre, ha venduto due rare lampade di Poul Henningsen (1894-1967), realizzate da Louis Poulsen, una da terra in rame dipinto, ottone e ferro dipinto,1926-1928, e l'altra da soffitto in ottone e rame dipinto, 1926. In condizioni originali, entrambe sono state acquistate da un nuovo cliente tedesco.

Il Tefaf Showcase presentava cinque nuovi espositori - Galerie Le Beau che ha portato design del XX secolo, la Cortesi Gallery con arte del dopoguerra,
Charles-Wesley Hourdé con arte africana, oceanica e dei nativi d’America, Kallos Gallery con arte antiva e antichità e Librairie Camille Sourget con libri rari a partire dal XV fino al XX secolo – hanno riportato vendite a nuovi clienti: Kallos Gallery (stand 3) ha venduto solamente a nuovi collezionisti, tra le opere più rilevanti un anello mesopotamico acquistato per 14.000 euro da un collezionista privato appassionato di gioielleria bizantina.
Il prossimo appuntamento con Tefaf sarà New York Spring a Park Avenue Armory, dal prossimo 4 all'8 maggio con la giornata di Early Access il 3 maggio. Mentre il prossimo Tefaf Maastricht 2019 si svolgerà dal 16 al 24 marzo, con le giornate di Early Access e di Anteprima il 14 e 15 marzo 2019.

© Riproduzione riservata