ArtEconomy24

Sotheby’s: nel primo trimestre 2018 sorprendente crescita delle…

  • Abbonati
  • Accedi
arte e finanza

Sotheby’s: nel primo trimestre 2018 sorprendente crescita delle private sale

Pablo Picasso Le repos. Estimate 25.000.000-35.000.000 USD
Pablo Picasso Le repos. Estimate 25.000.000-35.000.000 USD

Sotheby's (NYSE: BID) chiudi i conti del primo trimestre 2018 con un “miglioramento” del risultato finale che, pur rimanendo negativo a causa dell'effetto stagionale, riduce il rosso a 6,5 milioni da 11,3 milioni di dollari dell'analogo periodo della gestione 2017 con una perdita per azione pari a 0,12 dollari rispetto a 0,21 dollari del periodo precedente.
I risultati evidenziano un'interessante crescita del volume d'affari che raggiunge 691 milioni di dollari (+46%) e comprende il turnover, pari a 130 milioni di dollari, delle aste primaverili di Hong Kong che sono state anticipate al primo trimestre dell'anno. Senza considerare le aste di Hong Kong il volume d'affari ha, tuttavia, registrato uno sviluppo del 18% rispetto a un anno fa.

Le private sale. Più impressionante è il balzo del 70% a 246,6 milioni delle private sale. Tale risultato è stato conseguito un anno dopo l'ingresso nell'organico, avvenuto nel febbraio 2017, dell'ex amministratore delegato di JP Morgan David Schrader, a capo delle private sale di arte contemporanea (ora responsabile delle private sale a livello mondiale per fine art) e anche se l'amministratore delegato Tad Smith considera gli scambi riservati meno prevedibili come flusso di entrate.

Le vendite asiatiche. Oltre all'aumento delle vendite private, Sotheby's ha ottenuto interessanti risultati dalle vendite all'asta a Hong Kong, che complessivamente, considerando le aste di vino e arte moderna e contemporanea hanno evidenziato un risultato superiore (+88%) rispetto all'anno passato. Le vendite includevano una serie di vini da record e hanno raggiunto 29,1 milioni di dollari, dei 1.758 lotti offerti, ognuno ha trovato un acquirente, con il 100% dei lotti venduti. L'arte moderna e contemporanea ha generato un totale di 164 milioni di dollari e stabilito 17 nuovi record.

I margini. Per quanto riguarda il margine delle commissioni d'asta, il trimestre ha evidenziato un calo e il margine si è attestato al 17,3% contro il 18% dello scorso anno per effetto delle maggiori vendite del trimestre (quelle realizzate a Hong Kong con l'anticipo delle aste), oltre a un modesto impatto della strategia di copertura delle garanzie, importante per il livello di profitto con l'ulteriore vantaggio di offrire una maggiore prevedibilità ai guadagni.

Le prossime aste. L’appuntamento di New York presenterà una serie di lotti la cui stima bassa aggregata è in aumento del 34% rispetto alle vendite dello scorso anno. La sessione inizia con l'asta Impressionist & Modern Art Evening Sale il prossimo 14 maggio, che presenta una stima nella fascia bassa di 327,4 milioni di dollari. La vendita è guidata da uno spettacolare capolavoro di Amedeo Modigliani del 1917 che si stima possa realizzare un controvalore superiore a 150 milioni di dollari. L'opera è stata mostrata con un live stream da Hong Kong e via web su Instagram, Facebook Live, Weibo e WeChat, generando quasi 250mila visualizzazioni. In asta anche un dipinto di Pablo Picasso della sua “musa d'oro” Marie-Thérèse Walter del 1932 con un stima tra 25-35 milioni di dollari. Gli appuntamenti per il Contemporaneo (Evening e Day) presentano una stima pari a 354,1 milioni di dollari e inizieranno il 16 maggio con un'asta dedicata di 26 opere provenienti dalla collezione dell'uomo d'affari e filantropo pionieristico Morton Mandel e sua moglie Barbara, con artisti del calibro di Joan Miró, Mark Rothko, Roy Lichtenstein, David Smith e Donald Judd. In asta sarà anche offerto un'opera di Jackson Pollock (lotto numero 32), del 1949. Acquisito nel 1983, il lavoro è stato nella stessa collezione privata di New York per oltre 35 anni e si stima avere un prezzo compreso tra 30-40 milioni di dollari.

In borsa. Sotheby's ha una capitalizzazione di mercato pari a 2,86 miliardi di dollari e i valori di questi giorni hanno superato 54 dollari (54,48 dollari la chiusura del 4 maggio) un valore non distante dal massimo delle ultime 52 settimane pari a 57,95 dollari per azione.

© Riproduzione riservata