ArtEconomy24

M9 Mestre, Biscione nuovo direttore

  • Abbonati
  • Accedi
musei e biennali

M9 Mestre, Biscione nuovo direttore

La Fondazione di Venezia ha concluso l'iter di selezione e individuato il nuovo direttore del museo dedicato alla storia del Novecento, M9 a Mestre che inaugurerà i suoi spazi il prossimo 1° dicembre. Il progetto partito nel 2007, costato più di 110 milioni di euro alla Fondazione Venezia, è stato realizzato dallo studio berlineseSauerbruch Hutton. Per quasi 11 anni sotto la guida di Guido Guerzoni, project manager con un contratto di direttore in tasca del futuro museo,il cantiere di Polymnia Venezia ha lavorato al recupero e alla riqualificazione urbana di un ex convento tardo cinquecentesco e alla ristrutturazione di un edificio direzionale degli anni Settanta nel centro di Mestre.

Ora la ricerca del nuovo direttore del polo culturale multimediale, attraverso avviso pubblico, gestita dalla Praxi e conclusasi il 30 giugno 2018 con 119 concorrenti, ha designato Marco Biscione, a succedere a Guerzoni, che ha lasciato in nuove mani il destino del nascente polo. Classe 1958, Biscione ricoprirà l’incarico che verrà ufficializzato dal presidente della Fondazione Giampietro Brunello il prossimo 27 luglio in Fondazione di Venezia. Biscione ha al suo attivo una lunga esperienza maturata all'interno di importanti strutture deputate alla valorizzazione e alla diffusione della cultura. Lo stipendio annuo lordo previsto è di 100.000 euro.

La ricerca del direttore, dovrebbe porre alcune certezze sullo Statuto, sul profilo giuridico e sulla governance del nuovo museo che, nella presentazione del progetto sul sito M9 viene rappresentato come uno spazio innovativo multimediale, ma che a questo punto dovrà avere una mission museale seconda la definizione Icom. Per la collezione permanente in questi anni di lavoro sono stati raccolti archivi e contributi, stretto accordi con 95 partner pubblici e privati che renderanno il museo e la sua mission no profit punto di riferimento culturale per la città e l’area metropolitana di Venezia.

Biscione chiamato dal 2002 al 2006 come esperto nazionale distaccato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturalipresso la Direzione Generale Istruzione e Cultura della Commissione Europea, dal 2006 al 2009 è stato referente del Segretariato Generale del Mibac per i programmi e le politiche dell'Unione Europea nel settore Cultura. Direttore dei Civici Musei di Udinedal 2010 al 2014 (oltre 50 le mostre temporanee organizzate sotto la sua direzione), nel 2015 ha assunto la guida del MAO, il Museo d'Arte Orientale di Torino(13 le mostre temporanee e più di 120 gli eventi, i laboratori e le conferenze organizzati durante la sua gestione).

I compiti. Il nuovo direttore dovrà svolgere funzioni d'impulso e proposta in merito agli obiettivi e ai programmi culturali e scientifici del museo gestendo lo sviluppo del progetto culturale e scientifico. Oltre alle funzioni di programmazione, indirizzo, coordinamento e monitoraggio di tutte le attività culturali e scientifiche, compresa l'organizzazione di mostre ed esposizioni, dovrà anche valorizzare, comunicare, divulgare e promuovere il patrimonio museale e selezionare il personale. “Questa scelta conferma – ha sottolinea il presidente della Fondazione di Venezia, Brunello – la volontà della Fondazione di Venezia di dare a M9 una vocazione nazionale ed internazionale che lo renda un realtà di riferimento sotto molteplici punta di vista”.

© Riproduzione riservata