ArtEconomy24

Da Sant’Agostino cresce il Novecento italiano figurativo

  • Abbonati
  • Accedi
mercato dell’arte

Da Sant’Agostino cresce il Novecento italiano figurativo

Il primo semestre della casa d'aste Sant'Agostino di Torino si è chiuso con un fatturato invariato rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, pari a 3,5 milioni di euro, e lo stesso numero di aste, tre. Le percentuali di venduto sono state pari al 70% per lotto e al 150% per valore, il numero di lotti venduti è stato di 1.470 su 2.100 offerti, con un prezzo medio di 5.000 euro. Il settore a più alto aggiudicato è stato quello dei Dipinti, dove è stato realizzato anche il top lot: “La Libra” di Italo Cremona, venduto per 25.000 euro + diritti (a questo proposito si segnala un errore nel prezzo di vendita pubblicato sulla pagina di Plus24 il 28 luglio 2018). Sull'andamento del semestre ha risposto alle nostre domande Vanessa Carioggia, banditore d'asta di Sant'Agostino.

Com'è andato il primo semestre del 2018 rispetto al 2017?
Abbiamo mantenuto il medesimo trend positivo.

Rispetto al primo semestre 2017 è cambiato il numero e la tipologia di aste?
No, abbiamo mantenuto lo stesso numero di aste e la stessa tipologia.

Quali sono le tendenze osservate nei vari segmenti?
Abbiamo notato un incremento di interesse per l'arte figurativa italiana del 900 e un aumento totale delle vendite in tutti i settori. Sembra che il mercato stia riprendendo vigore anche per la nostra bellissima arte figurativa storica.

Qual è la percentuale di acquirenti stranieri? Da quali nazioni? In quali aste partecipano maggiormente e che cosa comprano?
La presenza degli acquirenti stranieri è maggiore nelle aste di design, dove raggiunge il 60% degli acquirenti totali. maggiori i compratori inglesi, francesi e tedeschi.

Ci sono nuovi collezionisti italiani? Chi sono? Che età anno? Qual è la professione? Qual è la provenienza geografica? Che cosa comprano?
i nuovi collezionisti italiani, di età sotto i 40 anni, si orientano verso l'arte del secondo dopo guerra.

Come cambia il profilo di chi vende?
Il profilo non è cambiato.

Chi sono gli artisti e i movimenti artistici sottovalutati?
Sicuramente l'arte italiana della prima metà del 900 ha ancora ampia possibilità di incremento di valore.

Quali sono i settori del collezionismo su cui puntate perché pensate possano avere un margine di crescita ulteriore?
Tengono il Design e i Dipinti.

Quali sono le attese e le strategie per il secondo semestre?
Affiancare all'attività commerciale anche una seria attività culturale di coinvolgimento degli appassionati e degli operatori del settore.

© Riproduzione riservata