Impresa & Territori

Dossier Dai big dell’arredo sempre più spazio a «bio» e produzione…

Dossier | N. 12 articoliSalone del Mobile 2017

Dai big dell’arredo sempre più spazio a «bio» e produzione sostenibile

Tra i prodotti icona lanciati all’inizio di quest’anno da Roche Bobois c’è una nuova edizione della libreria Legend, disegnata dieci anni fa da Christophe Delcourt e diventata un vero e proprio pezzo di culto. La particolarità di Legend risiede nel fatto che è realizzata in legno massello, senza alcuna parte metallica, e riproduce nella struttura a incastro e nell’estetica dei materiali la naturalità dei tronchi degli alberi. La scelta dell’azienda francese di rieditare Legend in due nuove versioni (Mix e Carbone), che accentuano ancor di più il suo aspetto naturale, dimostra come la sensibilità degli acquirenti verso gli arredi naturali ed ecologici sia aumentata con gli anni, fino a divenire una vera e propria tendenza.

Il legno massello è il materiale principe di questa corrente di pensiero, che mette tra le priorità l’approccio sostenibile della produzione, gli aspetti naturali e salubri dei materiali, un design semplice, efficace, ma non privo di raffinatezza. Tra i produttori italiani che sin dalle origini hanno puntato sul legno massello c’è Accademia del Mobile, forte di una tradizione secolare di ebanisteria che è alla base delle nuove collezioni, tra design e linee classiche. In particolare, gli arredi in legno massello della N°1 Collection esprimono anche formalmente la filosofia naturale che li ha ispirati: le credenze e i pensili della zona giorno, i letti, i comò e i comodini della zona notte sono caratterizzati da frontali con cerchi concentrici scolpiti sulla superficie, che ricordano gli anelli di crescita degli tronchi. Un richiamo concettuale alla natura, e anche alla filosofia produttiva dell’azienda, che segue la materia prima sin dalla scelta dei tronchi ancora verdi, di cui utilizza solo il durame (la parte più interna), fino al taglio e all’essiccazione, che elimina quasi tutta l’umidità interna. Le calde varianti di colore di N°1 Collection sono ottenute grazie a tinteggiature con terre rare ed acqua.

La scelta esclusiva del legno massello e l'attenzione a processi di produzione ecologica sono i cardini del successo dell’austriaca Team 7. Il suo più recente progetto riguarda una nuova modalità di trattare il legno, per ottenere una tinta scura oggi molto attuale e che solitamente deriva dall’applicazione di vernici. Il nuovo procedimento ideato insieme all’Università BoKu di Vienna (Università di Risorse Naturali e Scienze della Vita) ha dato vita al Rovere Moka naturale, che conserva la superficie a poro aperto e tutte le proprietà positive presenti nelle essenze naturali, come la capacità di respirare e regolare l'umidità dell'aria, l'azione antibatterica e antistatica. La nuova essenza sarà disponibile nel 2017 per le collezioni di contenitori Cubus Pure, per i tavolini Lux e Lift e per il tavolo Tak. Per creare mobili naturali, però, non esiste esclusivamente il legno: le sperimentazioni più recenti indagano l'utilizzo di materiali alternativi come la canapa. È il caso di Cocò&Design, primo progetto al mondo nel settore dei mobili per bambini che utilizza un composto di canapa abbinato a uno speciale legante completamente naturale. Gli arredi, firmati dall’architetto Roberta Galantino, sono culle, lettini montessoriani, scrivanie e poltroncine, sgabelli modulari e componibili privi di colle e parti metalliche, con strutture unicamente ad incastro.

A venire in aiuto all'ecologia domestica non sono solo i prodotti, ma anche i processi virtuosi applicati a prodotti: come il sistema Water Saving che Azzurra, azienda di arredobagno in ceramica, ha applicato a otto collezioni di sanitari. Lo scopo è di diminuire drasticamente il consumo di acqua potabile dovuto agli scarichi igienici: grazie a Water Saving, lo scarico monoflusso garantisce un impego di 3 litri d'acqua per ottenere la pulizia totale, rispetto ai 9 litri consueti. Un primato assoluto che ha permesso ad Azzurra di ottenere la certificazione European Water Label con la miglior performance possibile in termini di risparmio idrico.

© Riproduzione riservata