Casa24

Design e funzionalità in camera da letto

verso il salone del mobile

Design e funzionalità in camera da letto

Una ricerca condotta lo scorso anno dagli sviluppatori dell’app Entrain ha stabilito che gli italiani dormono in media otto ore al giorno: dalle 23.45, orario che li inserisce nella categoria dei tiratardi su scala mondiale, fino alle 7.45. I cittadini del Belpaese, dunque, spendono a letto circa un terzo del proprio tempo: il fatto che questo complemento d’arredo continui a rappresentare il fulcro della stanza (da letto, non a caso) è più che giustificato. Al Salone del Mobile 2017, in scena a Rho-Fiera dal 3 al 10 aprile, non mancheranno le nuove proposte. Il letto, oggi, deve rispondere a precise esigenze di design, accordandosi con l’arredamento della casa, senza tuttavia perdere le proprie caratteristiche chiave: la comodità, in primis. E la funzionalità, oggi sempre più importante: il letto è infatti uno spazio legato al riposo e al tempo libero, che si passi con un libro in mano o scorrendo lo schermo dello smartphone.

Il design, visto che anche quando si parla di camere da letto l’occhio vuole la sua parte, è sempre più importante nella progettazione di un letto. Che, pur essendo improntata alla comodità, non prescinde dalle ultime tendenze. Colori, materiali e forme retrò sono i capisaldi di un nuovo trend che sarà ben interpretato da alcuni modelli che verranno presentati al Salone.

Roche Bobois, per esempio, porterà a Rho-Fiera il nuovo letto Backstage: disegnato da Roberto Tapinassi & Maurizio Manzoni, punta su una base asimmetrica e su una maxi testata formata da una sequenza di strisce verticali, realizzata in velluto con bordo in pelle. Arca, letto della Home Collection di Alivar, firmata da Giuseppe Bavuso, si fa emblema di essenzialità ed eleganza ed è personalizzato da una testiera in legno rivestita in poliuretano e Dacron con fodera in fibra di poliestere, caratterizzata da una lavorazione ad impuntura effetto capitonné, in netto contrasto con le gambe in acciao verniciato o nickel. Testiera imbottita e contrapposizione tra materiali sono due caratteristiche di Gemma, letto firmato dall’australiano Jamie Durie per Natuzzi. Un complemento ad alto contenuto di design: armonico nel suo essere razionale. Noctis propone un letto camaleontico, dove design e funzionalità si fondono: Birdland si può personalizzare cambiando i cuscini che vanno a formare la testata e, nella versione Wide,“nasconde” un contenitore salvaspazio che si apre automaticamente grazie al meccanismo Folding Box Automatic.

Ingegnosità e design ricercato spiccano tra le proposte delle aziende al Salone. E si sublimano nella raffinatezza e nella cura dei dettagli che contraddistinguono il made in Italy, soprattutto quando si parla di prodotti di fascia alta. Ne sono un esempio il rinnovato letto Suzie Wong Extra, di Poltrona Frau, e Sadoru, di Porro. Il primo è contraddistinto da una testata rivestita in pelle e decorata da due bottoni orizzontali a bacchetta; il secondo letto, firmato da Oscar e Gabriele Buratti, ha una testata alta che si piega mo’ di busta, realizzata in cuoio e rifinita da doppie cuciture. A scegliere i letti come veicolo di debutto non solo in casa, ma nell'intero segmento lifestyle è Birkenstock: l'azienda di calzature ergonomiche presenta infatti in occasione del Salone sei modelli di letto improntati al concetto di benessere, complice uno sleeping system basato proprio sui principi dell'ergonomia.

Il comfort è il perno dei modelli cosiddetti “cocoon” che con le loro forme avvolgenti, i materiali soffici e i colori caldi comunicano comodità e morbidezza sia sul piano estetico sia su quello fisico. Tra questi spicca Somnia, letto firmato Dorelan – azienda che quest'anno non sarà tuttavia al Salone del Mobile – e ispirato alla mitologia greca. Somnia, infatti, non è altri che il sogno, figlio della dea Notte. L’idea del designer, Giulio Iacchetti, era quella di dare vita a un complemento che invitasse ad abbandonarsi al mondo dei sogni, complici i maxi cuscini che quasi nascondono la testiera, assecondando il desiderio di riposare che si accende alla sola vista del letto.

Un principio simile è quello alla base di Flou Softwing (2016), firmato da Carlo Colombo. L'impronta del designer nella nuova collezione Flou sarà in questo solco: al Salone sarà presentato un nuovo letto – il cui nome è ancora top secret – morbidamente imbottito, con rivestimento in tessuto o pelle completamente sfoderabile. La testata sarà inoltre arricchita da dettagli in metallo nickel nero o oro.

© Riproduzione riservata