Casa24

Con le termovalvole risparmio del 20% sul costo del riscaldamento

stime prontopro.it

Con le termovalvole risparmio del 20% sul costo del riscaldamento

  • –di .
(Agf )
(Agf )

Le valvole termostatiche fanno risparmiare mediamente il 15-20% sui costi di riscaldamento. È la stima che ha elaborato il sito ProntoPro.it alla fine del primo inverno in cui è scattato in tutta Italia l’obbligo di avvalersi di sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore. Anche se in realtà è arrivata lo scorso inverno una proroga “last minute” che posticipa l’obbligo al prossimo giugno, secondo ProntoPro il risparmio medio per ogni famiglia si può calcolare in circa 150 euro annui.

Secondo i dati raccolti sul sito specializzato nel confronto tra i preventivi dei professionisti della casa , la media del costo di una singola termovalvola è pari a 78 euro (considerando però i costi aggiuntivi di adeguamento dell’impianto che possono in molti casi rendersi necessari, il preventivo aumenta, ndr); saranno quindi sufficienti circa due anni, ad esempio, per assorbire il costo sostenuto per l’installazione delle valvole all’interno di un appartamento di circa 70 mq con quattro termosifoni. «Il totale è stato calcolato – specificano dal portale – sulla base dei dati diffusi dall'Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico, secondo cui quest’anno le famiglie italiane spenderanno mediamente 1.029 euro per la fornitura di gas».

I costi da sostenere possono però variare in base alle diverse aree geografiche: sempre secondo ProntoPro, a Milano, ad esempio, il prezzo per l’intervento si aggira sui a 100 euro per ogni valvola, registrando un +28% rispetto alla media italiana. Roma non è da meno con 97 euro a valvola e un +22% rispetto alla media nazionale. I risparmi più consistenti si hanno invece al Sud, in città come Catanzaro, dove sono sufficienti 70 euro per una valvola termostatica e si registra quindi un -10% circa sul costo medio italiano. Discorso simile per Potenza, Campobasso e Palermo.

Ovviamente è bene sottolineare che si tratta di medie: il sistema di contabilizzazione serve a far pagare ogni utente di un sistema di riscaldamento centralizzato (soprattutto) per quel che consuma, con la conseguenza che in molti casi gli utenti che utilizzano molto il riscaldamento o si trovano in appartamenti più freddi di altri, e che prima dividevano le spese solo in base ai millesimi condominiali, nonostante i meccanismi correttivi che le regole di ripartizione possono prevedere, si possono trovare a pagare più di prima.

© Riproduzione riservata